Vai al sito Redazione e informazione

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole

Mappatura del portale | Ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Piccolo Museo

del Lavoro e dell'Industria

“Verso un museo

del lavoro e dell'industria”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Così nasce

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

il progetto museale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di Bracciano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di Bruno Panunzi e Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un'Azione di

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dagli Anni Novanta ad inizi Duemila al “G. Bresciani

Business Center” di Bracciano, Roma, si creano gruppi

di lavoro nella costituenda UnionTuscia™ - L'Unione

degli Imprenditori della Tuscia Romana.

 

A quello strategico di “Pianificazione turistica

territoriale” contribuiranno attivamente Birgitt Becker,

Bruno Panunzi, Stefano Principali e Luciano Russo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un impegno particolare verrà poi dedicato da Bruno

Panunzi e Luciano Russo alla creazione di una rete

museale locale, da integrare sul territorio con altri

Comuni della Tuscia Romana, sia in Provincia di Roma

che di Viterbo, iniziativa che andrà ad arricchire altre

separatamente già in via di realizzazione.



Dalle tante idee, ipotesi e disegni iniziali per la

conservazione di “una memoria collettiva” a e di

Bracciano, la proposta di una triade museale - Musei

Civico, Sacro e del Lavoro, al traguardo solo entusiasti

rari nantes, ma così “tignosi” da andarli a realizzare

uno ad uno - Bruno Panunzi, Massimo Perugini, Luciano

Russo e Renzo Senatore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bruno

Panunzi

Massimo

Perugini

Luciano

Russo

 

Renzo

Senatore

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il “Museo Civico di Bracciano” è oggi una realtà, pur

“altalenante” come il (dis)impegno della locale

Amministrazione a ciascun passaggio di testimone, e

aperto è anche il “Museo dell'Opera del Duomo di

Bracciano” poi, dopo la sua scomparsa, dedicato a

Bruno Panunzi”, ma soltanto grazie all'impegno e alla

dedizione di un Massimo Mondini e dell'Associazione

"Forum Clodii".

 

Il Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria, idea

progettuale già di UnionTuscia, mai raggiunta la

maggior età (come il suo sponsor...), rimane ancora in

cerca di sede, e di noi spaiati “quattro moschettieri”,

Bruno Panunzi ha avuto l'imperdonabile fretta di

lasciarci: traguardo arduo, non impossibile, a patto di

continuare a crederci.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Museo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

del Lavoro e dell'Industria

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si dice spesso che siamo “quello che mangiamo”: siamo

anche “quello che ricordiamo”!

 

Noi siamo quello che ricordiamo, come individui e come

collettivo umano, e il “culto della memoria” è una parte

centrale della nostra identità e presupposto per ogni

ulteriore progresso umano.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La memoria

del lavoro e della produzione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lavoro e produzione sono alla base del benessere di cui

godiamo.

 

 

Agli inizi la peculiarità del museo che proponiamo

includeva l'ambizione di voler fondere il luogo di

“memoria del lavoro e della produzione” ad una “scuola

di arti e mestieri” per le nostre nuove generazioni,

integrando così passato, presente e futuro nel modo più

naturale, organico e vivo possibile.

 

Il nostro concetto di “Museo Territoriale del Lavoro e

dell'Industria della Tuscia Romana” potrebbe inoltre -

parallelamente e/o successivamente - andare a censire,

stimolare e comprendere una rete di iniziative similari

sull'intero territorio. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le fasi di realizzazione

del progetto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1. Un museo virtuale divulgabile via Internet sul Web

 

2. Una sezione multimediale da inserire nei musei

esistenti sul territorio della Tuscia Romana 

 

3. Un museo fisico, con la riutilizzazione degli elementi

multimediali già realizzati, arricchiti dei temi

mancanti

 

4. Una rete museale - virtuale e fisica - dei luoghi di

memoria del territorio, che metta in reciproca

relazione dei singoli punti di eccellenza, ponendolo in

un contesto storico-geografico-sociale e renda

pienamente accessibile a tutti – scuole, cittadini,

turisti, studiosi e ricercatori - l'immenso patrimonio

culturale delle donne e degli uomini  della Tuscia

Romana.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“LABORIS ET HONESTATIS 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FRVCTVS™”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'Italia è una Repubblica

democratica, fondata sul lavoro

 

Così inizia la nostra Costituzione,

il primo Articolo di quell'atto

ufficiale che dal 27 gennaio 1947

proclama i valori, definisce i

concetti e stabilisce le regole

della nostra vita sociale, del

nostro vivere, lavorare e

crescere insieme.

 

 

E l'Articolo 2 ribadisce:

 

“La Repubblica riconosce e

garantisce i diritti inviolabili

dell'uomo, sia come singolo sia

nelle formazioni sociali ove si

svolge la sua personalità, e

richiede l'adempimento dei

doveri inderogabili di solidarietà

politica, economica e sociale.

 

 

Ma queste belle parole hanno

ancora un significato?

 

 

Nella nostra società i trapezisti

sono pochi, quelli che danno

spettacolo lanciandosi nel vuoto

in numeri da mozzare il fiato,

perché in effetti siamo diventati

un popolo di grandi equilibristi,

dediti all'arte minore di

destreggiarsi in situazioni molto

instabili, cercando solo di non

precipitare nel vuoto.

 

La paura è più che motivata:

mentre altri Paesi, meno

“creativi” del nostro, meno

estrosi e meno ricchi di tutto,

soprattutto meno “eroici”, hanno

inventato quel marchingegno

chiamato “rete di sicurezza” -

qui chi cade, cade (una verità

relativa, perché corre voce che

reti così esistano anche da noi,

ma solo per pochi eletti...).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lavoro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

e “non-lavoro”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In economia classica e nelle

micro-economie il Lavoro è uno

dei tre fattori base di una

qualsivoglia produzione, insieme

a Natura e Capitale.

 

La macro-economia invece lo

sostituisce con il concetto di

“risorsa umana”, “sfruttabile”

alla pari della risorsa “naturale”

e quella “economica”.

 

 

Fino a poco tempo fa il lavoro

era, infatti, una delle misure più

importanti delle attività umane,

vuoi quello cosiddetto

“intellettuale”, in cui prevaleva

la capacità della mente, vuoi

quello fisico, del resto del

corpo.

 

E l'artigiano era simbolo di

pensiero e mano in perfetta

sinergia!

 

 

Poi, poco prima della grande

rivoluzione economico-culturale

del “non-lavoro”, “lavoratori”

erano diventati il contadino e

l'operaio.

 

Il primo un “primitivo

inconsapevole”, incurante ed

incapace di tuffarsi misteri

profondi dell'esistenza, l'altro

una specie di robot, nato per

timbrare un cartellino, spingere

un bottone o tirare una leva,

secondo precise istruzioni e

ripetitivamente all'infinito,

senza necessità di un pensiero

autonomo, programmato da

menti “superiori”...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'unica vera

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

grande rivoluzione italiana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma, finalmente, il salto di qualità

nell'evoluzione sociale del nostro

Paese: la definitiva ed assoluta

liberazione dalla “schiavitù” del

lavoro!

 

 

Non è più necessaria

“intelligenza”, la capacità di

distinguere e scegliere, quello

che occorre è “furbizia”, l'abile

arte dell'evitare, del far credere,

il trionfo dell'apparenza.

 

Nello specifico il “far finta di

lavorare”, cioè di produrre,

facendo lavorare il più possibile

“gli altri” e ricavandone

comunque sempre il meglio.

 

 

In altre parole, “impadronirsi dei

risultati della produttività altrui”.

 

Classica la patata, la lunga serie

di anelli parassitari che ce la

porta in tavola, poco o senza

nulla aggiungere al valore del

prodotto iniziale del contadino.

 

 

Solo che un tale sistema

funziona fintantoché la maggior

parte produce e pochi se ne

approfittano.

 

Ma quando tutti si fanno furbi e

non vogliono essere “più stupidi

degli altri”, questo ingegnoso

macchinario collassa, dato che la

produttività dei sempre meno

alla fine non basta a sostenere il

parassitismo dei sempre più.

 

 

Per nulla scoraggiati dalla nostra

tendenza autodistruttiva, se ne

inventa un'altra, ancora meglio!

 

Semplicemente si va tutti

insieme a chiedere un prestito,

a fare un debito da chi produce

veramente o, ancora peggio, da

chi parassita su chi non produce,

prestando di quello che non c'è...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A tutto c'è

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

una soluzione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In questo contesto “fare

impresa” non è più

“intraprendere”, facendo forza

sulle proprie capacità di

produrre, lavorando insieme,

quanto trovare in pochi il modo

di “rifilare fregature” a molti.

 

Di qui nuovi cieli e nuove terre,

fino ad una smisurata

ammirazione del “ricco” come

sinonimo di “capace”, miti inediti

e grandi illusioni, nuovi modelli

sociali cui far riferimento e

conformarsi.

 

 

Alla base l'obsoleto concetto “io

vinco se tu perdi”, perché tutti

non possono star bene e fare

buoni affari.

 

Non può esserci il “win-win” di

questi pazzi Nordici per di più

eretici Protestanti - si rischia

altrimenti di far diventare anche

la nostra società più giusta,

senza più spazi per clientelismi e

nepotismi, raccomandazioni e

“favori”, ricatti e baratti, dove

andrebbe avanti chi lo merita,

gente magari davvero capace...

 

 

La società dai mille cartelli di

divieto di sosta e di fermata con

rimozione forzata che nessuno

osserva e senza alcuna

conseguenza, rischierebbe di

diventare un'altra di quelle dove

di cartello ce n'è uno solo ma

rispettato...

 

Si finirebbe inesorabilmente per

chiedere conto addirittura a

politici, banchieri, amministratori

e sedicenti “imprenditori” delle

proprie azioni e alla fine non

sarebbero solo i soliti poveri

diavoli sempre a pagare...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il lavoro come creazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di “valore aggiunto”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In una “filiera” produttiva ogni

elemento e momento trova la

sua ragione d'essere nella

propria capacità di creare un

valore “aggiunto”, arricchire cioè

di proprio il prodotto finale.

 

 

Il concetto stesso di

“produttività” sembra sfuggirci

in Italia...

 

“Lavoro 8 ore al giorno!” è un

modo classico di definire le

proprie “prestazioni”.

 

 

Quando verrebbe spontaneo

chiedere:

 

Dimmi...

“Cosa hai prodotto oggi?”

“Potevi farlo meglio?”

“In più breve tempo?”

“Con meno risorse?"

 

La misura cioè del “risultato” del

lavoro in rapporto alle risorse

disponibili ed usate.

 

 

Di conseguenza i veri “centri di

potere” non sono più quelli di

produzione, ma di “controllo”

della produzione, capaci di farti

credere quello che vogliono, con

una pseudo- o manipolata

informazione, tale da farti agire

e reagire come vogliono,

suggerendoti visioni della vita,

scale di valori e comportamenti

che vanno solo e sempre

esclusivamente a loro vantaggio.

 

Il lavoro, quello vero, crea un

“benessere” materiale e

immateriale distribuito, si basa

su una “imprenditorialità”

diffusa, espressione delle vere

capacità della gente,

presupposto il per ogni altro tipo

di benessere: “ben essere”, il

“vivere bene”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La gente vive finché

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

se ne conserva la memoria!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La storia del lavoro è la storia della gente che ha

contribuito e continua a creare il benessere di tutti, la

nostra storia.

 

Ma dov'è il “Museo della Gente”, il luogo di memoria del

loro lavoro, tenacia, ingegnosità e abilità, delle loro

privazioni, sfruttamenti, gioia e solidarietà, e quali

sono i “valori” alla base di tutto questo, “ciò che vale”

trasmettere alle future generazioni?

 

 

Questa storia esiste, invisibile perché mai raccolta in

musei civici o sacri, frammentata nel “privato” delle

nostre memorie, di case ed officine.

 

Ricordi che svaniscono, lettere, documenti e foto forse

già a stento comprensibili, vestiti, oggetti di vita

quotidiana e arnesi a testimoniare “tradizioni” e

“produzioni” da tempo scomparse - in cassetti e scatole,

vecchie valige e casse aperti sempre più di rado,

dimenticati o quasi, in angoli nascosti, nella polvere di

una soffitta o nell'umidità di una cantina...

 

 

Ognuno di noi ha una sua storia personale e familiare

mai ancora raccontata, la cui importanza è inestimabile,

che acquista valore collettivo nel momento in cui va a

riunirsi a quelle di tutti gli altri, posta in un contesto

sociale “storico”, di una determinata epoca.

 

Di fatto ciascuno di noi, ogni famiglia, ogni Comunità è

in possesso di un frammento unico ed insostituibile

della storia “vissuta” del territorio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cosa è un “museo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

del lavoro e dell'industria”?  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ci sono musei scientifici o della storia delle tecnologie

industriali, cosiddetti “musei della scienza e della

tecnica”.

 

Ci sono “musei del lavoro contadino”, della

meccanizzazione del lavoro della terra,

dell'industrializzazione e/o scientificizzazione

dell'agricoltura. 

 

Ci sono “musei di cultura operaia”, dedicati alle

condizioni di vita di lavoratori e lavoratrici di fabbrica e

delle loro famiglie.

 

 

Tra i principali modelli di rappresentazione di

quest'ultima categoria, quelli:

 

- sorti per influsso dell'archeologia industriale

 

- legati alla storia della tecnologia

 

- ispirati al movimento operaio e alla storia del lavoro

 

- attenti alla quotidianità piuttosto che all'innovazione.

 

 

Si va comunque affermando un modello “europeo” di

museo del lavoro e dell'industria, che pone lo sviluppo e

l'adozione delle tecnologie su un forte asse storico-

sociale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Perché un “museo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

del lavoro e dell'industria”?  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Esiste un ritrovato interesse per la cura e la

divulgazione di questa parte pur essenziale del nostro

patrimonio culturale di valori e competenze - da

riscoprire, documentare e trasmettere - che si

manifesta attraverso musei cui viene affidata la

memoria del vivere, lavorare e produrre “insieme”,

ormai o a breve “superati” dall'avanzare della nuova

“economia globalizzata”.

 

I piccoli artigiani, i contadini, gli operai di fabbrica,

appartengono tutti ad un “mondo che abbiamo perso” o

che stiamo per perdere definitivamente.

 

 

Non è quindi un caso che negli ultimi anni sia stata

registrata una spinta diffusa verso musei “spontanei”,

solitamente a livello locale, dedicati al lavoro in tutte le

sue manifestazioni, i suoi ambiti ed i suoi aspetti:

l'iniziativa appassionata di Massimo Perugini a

Bracciano, Roma, ne è un chiaro esempio.

 

La peculiarità del museo che proponiamo è l'ambizione

di voler fondere il luogo di “memoria del lavoro e della

produzione” ad una “scuola di arti e mestieri” per le

nostre nuove generazioni, integrando così passato,

presente e futuro nel modo più naturale, organico e vivo

possibile.

 

 

Il concetto di “Museo Territoriale del Lavoro e

dell'Industria della Tuscia Romana” potrebbe -

parallelamente e/o successivamente - censire,

stimolare e comprendere una rete di iniziative similari

sull'intero territorio.

 

Uno degli obiettivi del progetto museale è anche quello

di creare sbocchi professionali qualificati e qualificanti

per le nuove, preziose competenze nell'area della

conservazione dei beni culturali rappresentate da quei

giovani formatisi, ad esempio, presso l'Università degli

Studi della Tuscia di Viterbo (vedi tra gli altri gli

studenti di Luciano Osbat), gli atenei della capitale ed i

vari centri di formazione professionale della zona.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Su cosa impostare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

un “museo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

del lavoro e dell'industria”?  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano si presterebbe in modo straordinario ad un

tale impianto, con una serie di “componenti” davvero

invidiabili nella loro unicità, tra cui:

 

 

- il Ducato di Bracciano come base e punto di partenza

scontato, con tutta la sua più che documentata

ricchezza storica e la “Via delle Acque” - Acquedotto

Traiano e Acquedotto Orsini-Odescalchi con cartiera,

mulini, ferriere, frantoi, saponificio, conceria, orti e

centrale idroelettrica in parte ancora discernibili e/o

addirittura funzionanti - un modello avanzato di

sistema produttivo industriale integrato

 

- il sistema industriale aeronautico di Vigna di Valle,

Centro di Sviluppo Dirigibili, Idrovolanti e Armamenti,

Idroscalo e Aeroscalo, splendore e vanto nazionale nel

mondo della prima metà del Novecento, tuttora punto

eccellente di riferimento per gli appassionati di tutto il

mondo per il suo Museo Storico dell'Aeronautica

Militare Italiana

 

- esempi più recenti di produzione artigianale/piccolo-

industriale,