Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Tuscia Romana

I musei del territorio

Il Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Il materiale originale ed alcune immagini in queste pagine sono © o di proprietà di Luciano Russo: la Redazione ringrazia l'autore / il proprietario per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vigna di Valle Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La caccia ai Primati (continua)

1934 – Francesco Agello, record di velocità ancora imbattuto  (continua)

Il primo record di velocità per idrovolanti

Il record tuttora imbattuto

 

La caccia ai Primati

1920 – Luigi Bologna, prima vittoria della Coppa Schneider

1921 – Giovanni De Briganti, seconda vittoria italiana della Coppa Schneider

1925 – Mario De Bernardi, il primo record di velocità

1926 – Mario De Bernardi, terza vittoria italiana della Coppa Schneider

1928 – Arturo Ferrarin, primati mondiali di durata e distanza

1930 – Umberto Maddalena e Fausto Cecconi, primati di durata e distanza migliorati

1933 – Tito Falconi, primato di “volo rovescio”

1934 – Renato Donati, primato di altezza

1934 – Francesco Agello, record di velocità ancora imbattuto

Il primo record di velocità per idrovolanti

Il record tuttora imbattuto

1937, 1938 - Mario Pezzi, primato di altezza stabilito e migliorato

1937 - Cupini e Paradisi, vittoria della Istres-Damasco-Parigi

1938 - “Sorci Verdi”, primato di velocità sulla Roma-Rio de Janeiro

Ma in guerra i primati non contano

 

Pagina di origine  

L’Aeronautica Militare Italiana – Un'introduzione

"Un piccolo spazio  personale" di Luciano Russo

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

La caccia ai Primati (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1934 – Francesco Agello, record di velocità ancora imbattuto (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il primo record di velocità per idrovolanti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il 10 aprile 1933 il Maresciallo Pilota Francesco Agello sul suo Macchi Castoldi MC 72 stabilisce il primo di due record mondiali di velocità per idrovolanti con 682,076 km/h (5 passaggi alla media di 682,403 km/h): per l’Italia è la rivincita morale per la sconfitta subita durante la Coppa Schneider, la più famosa gara di velocità al mondo disputata nel corso di ben 16 anni (dal 1913 al 1929), la cui conquista da parte della Gran Bretagna avviene proprio durante l’ultima edizione.

 

 

 

 

 

 

 

 

Agello posa con meritato orgoglio davanti al suo Macchi  MC 72.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il record tuttora imbattuto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il secondo primato, quello definitivo, lo batte il 23 ottobre 1934 con la media di 709,202 km/h, omologata dalla Federazione Aeronautica Internazionale su 4 passaggi, alle rispettive velocità di 705,882 - 710,433 - 711,462 e 709.059 km/h, record ancora imbattuto per velivoli idrovolanti con motore alternativo ad elica doppia.

 

 

 

 

 

 

 

 

Il velivolo di Agello oggi nel Museo Storico Dell’Aeronautica Militare Italiana di Vigna di Valle, Bracciano, Roma.

 

 

 

 

 

 

 

Un particolare curioso che può aiutarci a capire meglio oggi quanto prestigiosa fosse all’epoca la contesa tra le nazioni a colpi di primati, è il fatto che proprio nel caso di Agello si arrivi alla contestazione di millesimi di secondo!

 

Alcuni considerano tuttora la velocità del suo record di 709,209 km/h, ottenuta dalla media aritmetica dei 4 passaggi, altri lo indicano invece con la velocità di 709,202 km/h, che deve ritenersi quella ufficialmente omologata e quindi valida: la discordanza deriva dalla differenza di pochi secondi nella misurazione dei cronometristi di un passaggio intermedio…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In alto a sinistra, compagni d’armi nel gemellaggio tra gli Idroscali Sperimentali di Vigna di Valle e Desenzano del Garda:

 

“Al Serg.te Magg.re Franco Russo, F. Agello, Desenzano 29-4-936, XIV”

 

(Dall'album privato di Franco Russo)

 

In alto a destra, il Maresciallo Pilota Francesco Agello, ritratto dopo il suo epocale record.

 

Sotto, il timbro postale commemorativo a 70 anni dal record di Agello, 1933-2003.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Capitano Francesco Agello muore drammaticamente il 24 febbraio 1942 durante un collaudo nel cielo di Bresso, Milano, aeroporto di cui il suo amico Franco Russo di lì a pochi anni, nell’immediato dopoguerra, diverrà Comandante.