Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Tuscia Romana

I musei del territorio

Il Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Il materiale originale ed alcune immagini in queste pagine sono © o di proprietà di Luciano Russo: la Redazione ringrazia l'autore / il proprietario per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vigna di Valle Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La caccia ai Primati (continua)

1925 – Mario De Bernardi, il primo record di velocità

La prima Posta Aerea Italiana

 

La caccia ai Primati

1920 – Luigi Bologna, prima vittoria della Coppa Schneider

1921 – Giovanni De Briganti, seconda vittoria italiana della Coppa Schneider

1925 – Mario De Bernardi, il primo record di velocità

La prima Posta Aerea Italiana

Tre record di velocità

Il primo volo a reazione

1926 – Mario De Bernardi, terza vittoria italiana della Coppa Schneider

1928 – Arturo Ferrarin, primati mondiali di durata e distanza

1930 – Umberto Maddalena e Fausto Cecconi, primati di durata e distanza migliorati

1933 – Tito Falconi, primato di “volo rovescio”

1934 – Renato Donati, primato di altezza

1934 – Francesco Agello, record di velocità ancora imbattuto

1937, 1938 - Mario Pezzi, primato di altezza stabilito e migliorato

1937 - Cupini e Paradisi, vittoria della Istres-Damasco-Parigi

1938 - “Sorci Verdi”, primato di velocità sulla Roma-Rio de Janeiro

Ma in guerra i primati non contano

 

Pagina di origine  

L’Aeronautica Militare Italiana – Un'introduzione

"Un piccolo spazio  personale" di Luciano Russo

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

La caccia ai Primati (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1925 – Mario De Bernardi

Il primo record di velocità

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel maggio del 1925 Mario De Bernardi conquista il primo record significativo di velocità, alla media di 254 km/h.

 

Conseguirà successivamente notevoli miglioramenti del suo record, con il superamento per la prima volta al mondo dei 500 km/h.

 

 

 

 

 

 

 

 

Classica foto di Mario De Bernardi a Ostia.

 

 

 

 

 

 

 

Volontario nella Guerra Italo-Turca in Libia nel 1911-1912, Mario De Bernardi può vedere l’aeroplano per la prima volta impiegato a scopi bellici: al suo ritorno si iscrive quindi alla Scuola di Aviazione di Aviano (Pordenone).

 

Ottiene il primo brevetto nel 1914, già dimostrando doti eccezionali di aviatore, entra nel 1915 alla Scuola Militare di Modena e consegueo lo stesso anno il brevetto di pilota militare: la Prima Guerra Mondiale lo vede, tra le atre, nella gloriosa 91ª Squadriglia da caccia “Cavallino rampante” di Francesco Baracca.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La prima Posta Aerea Italiana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pilota, progettista, sperimentatore di nuovi velivoli, effettua il 22 Maggio 1917 il primo volo di posta aerea italiana, da Torino a Roma e ritorno.

 

 

 

 

 

 

 

 

Il timbro commemorativo in occasione del primo volo postale in Italia effettuato da De Bernardi.

 

 

 

 

 

 

 

Dal 1921 al 1927 è alla Direzione Sperimentale dell’Aeronautica Militare di Montecelio (Roma), dove si arricchisce di un vastissimo bagaglio di conoscenze tecnico-pratiche, consegue il brevetto speciale di idrovolantista presso la Scuola del Reparto Alta Velocità di Desenzano del Garda, ha il Comando del Campo di Aviazione di Furbara (Cerveteri, Roma) e dell’Idroscalo di Vigna di Valle.