Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Tuscia Romana

I musei del territorio

Il Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Il materiale originale ed alcune immagini in queste pagine sono © o di proprietà di Luciano Russo: la Redazione ringrazia l'autore / il proprietario per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vigna di Valle Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le prime Crociere Individuali (continua)

1925 – Francesco De Pinedo, Crociera dei Tre Continenti

 

Le prime Crociere Individuali

1920 – Arturo Ferrarin, Raid Roma-Tokyo, primo volo a tappe del mondo

1925 – Francesco De Pinedo, Crociera dei Tre Continenti

1927 – Francesco De Pinedo, prima Crociera Sud-Atlantica o delle due Americhe

 

Pagina di origine  

L’Aeronautica Militare Italiana – Un'introduzione

"Un piccolo spazio  personale" di Luciano Russo

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Le prime Crociere Individuali (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1925 – Francesco De Pinedo,

Crociera dei Tre Continenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aristocratico napoletano, giovane ex-ufficiale di Marina, è il vero pioniere che stupisce ed entusiasma l’opinione pubblica italiana e mondiale, attirando l’attenzione dei politici sull’Aeronautica.

 

Inviato a Taranto nel 1917 per conseguire il brevetto di pilota militare aeronautico, nel 1924, a soli 34 anni, è Tenente Colonnello di Aeronautica e Capo di Stato Maggiore del Comando Generale!

 

 

Francesco De Pinedo entra all’Accademia Navale nel 1908 conseguendo il grado di Guardiamarina, partecipa alla Guerra Italo-Turca di Libia.

 

Nella Prima Guerra Mondiale è Tenente di Vascello sulle Cacciatorpediniere "Intrepido" e "Indomito", poi al comando di una nave trasporto per il salvare via mare l’Esercito Serbo.

 

 

Nel luglio del 1917 segue a Taranto la Scuola di Pilotaggio per Idrovolanti, conseguendo il brevetto di pilota militare in soli due mesi, e viene assegnato alla Base di Brindisi.

 

Nel 1918 è al Comando Aeronautico del Basso Adriatico, nel 1921 viene inviato a Costantinopoli e nel 1922 assume il Comando Aeronautico del Basso Tirreno.

 

 

Il 16 ottobre del 1923 passa dai ruoli della Regia Marina a quelli della Regia Aeronautica, dove, promosso Tenente Colonnello, assume nel 1924 la carica di Capo di Stato Maggiore del Comando Generale di Aeronautica.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Francesco De Pinedo all’apice del suo potere e della sua popolarità.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel 1925 De Pinedo, con al suo fianco un tecnico esperto, nella persona del Maresciallo Motorista (e copilota) Ernesto Campanelli, effettua la Crociera o “Raid” di 55.000 km Sesto Calende-Melbourne-Tokyo-Roma a bordo dell’idrovolante biplano SIAI (Società Idrovolanti Alta Italia) Savoia S 16 Ter, battezzato “Gennariello” in onore a San Gennaro, protettore di Napoli.

 

L’S16, un idrovolante a quattro posti, viene modificato utilizzandone due per serbatoi ausiliari e parti di ricambio - al nome "Gennariello" segue, per tipica scaramanzia partenopea, la scritta "Ibis redibis", cioè "Vado e torno".