Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da qui gli Etruschi... – Note di approfondimento storico

Capire il passato per vivere meglio il presente pensando al futuro

Chi siamo

Roma città etrusca, eccome!

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'inascoltato monito della Tomba dei Saties a Vulci – Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Tomba dei Saties

 

L'autentico genius loci

La continuità della tradizione religiosa etrusco-italico-romana

L'antica città di Vulci

La Tomba dei Saties

Il contesto della necropoli

L'architettura della tomba

Gli affreschi

L'importanza degli affreschi della Tomba dei Saties a Vulci e delle tavolette bronzee di Lione

 

Pagina di origine

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

La Tomba dei Saties

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Tomba rappresenta senza dubbio uno dei più grandi patrimoni artistico-storico-culturali e rappresenta, almeno fino ad ora, la più importante testimonianza tramandataci dagli Etruschi quale l'unica pagina della loro storia narrata da loro in prima persona attraverso gli affreschi dell'ipogeo.

 

L'archeologo fiorentino Alessandro François la scopre "casualmente" nel 1857, poco prima di morire, mentre si dedica nelle vicinanze ad altri scavi per localizzare l’ingresso del Tumulo della Cuccumella, un incarico ricevuto dal Principe Alessandro Torlonia, neo-proprietario delle tenute di Canino.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sopra, il vaso François e, sotto, un dettaglio della sua ricchissima decorazione a figure nere.

 

 

 

 

 

 

François è già famoso per avere scoperto nel 1843 a Chiusi il famoso vaso di Ergotimos e Kleitias, ormai appunto universalmente noto come “vaso François”.