Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da qui gli Etruschi... – Note di approfondimento storico

Capire il passato per vivere meglio il presente pensando al futuro

Chi siamo

Roma città etrusca, eccome!

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'inascoltato monito della Tomba dei Saties a Vulci – Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'autentico genius loci (continua)

Il "genius loci"

 

L'autentico genius loci

Lo "spirito" nell'antichità pre-cristiana

Lari, Mani, Numi e Penati

Il concetto di "genio"

Il genius dei nostri giorni

Il "genius loci"

Il genius loci oggi

La continuità della tradizione religiosa etrusco-italico-romana

L'antica città di Vulci

La Tomba dei Saties

Gli affreschi

L'importanza degli affreschi della Tomba dei Saties a Vulci e delle tavolette bronzee di Lione

 

Pagina di origine

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

L'autentico genius loci (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il “genius loci”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il "genius loci" della religione "romana" fa parte della grande frode storica del "Made in Rome", in altre parole la pseudo-romanità della nostra cultura, perché anche questo direttamente derivante dalla credenza etrusca!

 

Quest'entità soprannaturale legata a luoghi ed oggetti di culto, è l'interazione tra la dimensione fisica e quella metafisica di uno spazio, vuoto o no che sia - nullus locus sine genio, cioè "nessun luogo è senza un genio" ovvero "nessuno spazio è senza spirito", leggi volentieri "senza valori".

 

 

Ma come interpretare l'espressione "spirito": lo "spirito dei luoghi" o i "luoghi dello spirito"?

 

La tarda assimilazione del "genio" con i "Lari" - o Lares dal Latino lar, cioè "focolare", a sua volta (guarda caso...) derivato dall'eEtrusco lar, che significa "padre" - durante la prima Età Imperiale trasfigura e corrompe il concetto originario etrusco: il genius loci non è assolutamente il Lare!

 

 

L'autentico genius loci è invece la spiritualità "intrinseca" del luogo, la "sacralità" che questo spazio acquisisce solo quando e perché a lungo e regolarmente frequentato o permanentemente abitato dall'essere "umano", questi come espressione del "divino".

 

A riprova, il genius loci è l'unica entità spirituale da invocarsi nella cosiddetta "preghiera", da praecàri, raccomandarsi, a sua volta da prèx, voce - atto linguistico magico e religioso insieme - precisando "sive mas sive foemina", cioè "maschio o femmina [che sia]", perché non è dato di conoscerne il genere, in quanto non ne ha.

 

In questo contesto la divinità-bambino (non-uomo, non-donna!) etrusca Tagete non "esce" dalla terra, ma è ragionevolmente interpretabile come "lo spirito stesso della terra" che parla all'uomo!