Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La cultura siamo noi Noi i giovani

La società siamo noi, noi la cultura e la nostra storia:  la cultura non ha comparti né livelli - o c'è o non c'è.

Proteggiamo la cultura popolare, madre di tutte le culture!

Il materiale originale in questa pagina è © Paola Russo: la Redazione ringrazia l'autrice per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Rasenna Gens Etrusca dedita Religionibus" di Paola Gemma Francesca Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le radici nascoste

1. Introduzione

Gli Etruschi - un popolo molto religioso

 

Alla ricerca di radici lontane

Rasenna - Gens Etrusca dedita Religionibus

Le radici nascoste

1. Introduzione

Gli Etruschi - un popolo molto religioso

Una religione rivelata

Una disciplina per la vita

La mia ipotesi

Il mondo ed il pensiero etrusco

2. Dimostrazione dell’ipotesi

L'identità ritrovata

3. Commenti e conclusioni

La mia conclusione

 

I Popoli del Mare

Roma città etrusca, eccome!

La fondazione di Roma rivisitata dai bambini

L'inascoltato monito della Tomba dei Saties a Vulci

 

Paola Gemma Francesca Russo - Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Le radici nascoste

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1. Introduzione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Attraverso mio padre e le sue origini, sto riscoprendo radici del mio pensiero finora a me sconosciute: gli Etruschi - Rasenna, "gli uomini", e la loro religione - un ecologico modus vivendi.

 

Le culture occidentali hanno spesso cercato di interpretare l’essere e la vita frammentando la realtà nel razionalizzarla, ma solo molto raramente riconoscendovi l’intrinseca simbiosi del tutto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli Etruschi

Un popolo molto religioso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Della letteratura etrusca non ci sono pervenuti manoscritti originali, ma solo testimonianze e citati di scrittori latini, confermatici fino in Età Medievale.

 

L’interpretazione dell’unico documento originario, le Bende funerarie della mummia di Zagabria, non è ancora arrivata a darci nuove conoscenze, e lo stesso vale per molte delle iscrizioni tombali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Frammenti

di lapide romana

con l’iscrizione

”... Etruscorum mare...”

 

Dettaglio

delle bende funerarie della mummia

di Zagabria

 

Dettaglio

delle lamine in oro

dei portali del tempio

di Pyrgi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le informazioni più significative vengono finora da oggetti, spesso rinvenuti nelle necropoli, annotazioni su un modellino di fegato, scene mitologiche su gioielli, vasi e monete, offerte votive, affreschi mortuari: ciononostante, l’insieme di queste fonti frammentarie riesce a trasmetterci un’immagine del pensiero e della vita di un popolo, altrimenti avvolto nel mistero.

 

 

Gli Etruschi ritenevano che ci fosse una strettissima corrispondenza tra la realtà dei sensi e quella ultraterrena: la pace sulla terra era un riflesso dell’armonia nei cieli, garantita solo dal compimento scrupoloso del volere degli dei, attraverso l’attenta osservazione dei segni celesti nella natura.

 

L’interpretazione dei messaggi divini e l’adempimento dei riti propiziatori erano riservati ai sacerdoti, i quali elaborarono minuziose norme di culto a regolare tutti gli aspetti della vita, sia pubblica che privata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bende funerarie della mummia di Zagabria

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Iscrizioni religiose etrusche ricoprono letteralmente le bende di questo defunto, un intero rotolo di lino poi tagliato a pezzi.

 

Con le sue oltre 230 righe e circa 1200 parole leggibili, costituisce il testo etrusco più lungo oggi conosciuto. Sulla natura del suo contenuto generale, c’è consenso nel ritenerlo un calendario religioso appartenente alla disciplina etrusca, con  istruzioni sul tipo di offerte da fare alle diverse divinità in giorni specifici dell’anno.

 

Dal1862 è conservato nel Museo Nazionale di Zagabria.

 

Al contesto della nota