Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Tuscia Romana

I musei del territorio

Il Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Il materiale originale ed alcune immagini in queste pagine sono © o di proprietà di Luciano Russo: la Redazione ringrazia l'autore / il proprietario per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vigna di Valle Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Volare necesse est" (continua)

Il testimone passa a Roma

 

"Volare necesse est"

Il mito di Icaro

1482 – Leonardo da Vinci, l’intuizione del genio

1670  – Francesco Lana Terzi, il concetto di “più leggero dell’aria”

1783 – Joseph-Michel e Jacques-Etienne Montgolfier, il pallone aerostatico

1891 – Otto Lilienthal, il volo “a vela”

1896 – Octave Chanute, l'“aero-plano”

1903 – Wilbur ed Orville Wright, il primo volo “a motore”

Il testimone passa a Roma

Da qui in poi una storia molto italiana

 

Pagina di origine  

L’Aeronautica Militare Italiana – Un'introduzione

"Un piccolo spazio  personale" di Luciano Russo

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

“Volare necesse est!” (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il testimone passa a Roma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un esemplare del "Flyer", il primo aereo a motore della storia, è anche il primo aereo dell’aviazione italiana.

 

In Italia la nascente passione per il volo moderno si concretizza nel 1909 nella costituzione del “Club Aviatori Romani”, i cui Soci – sia militari che civili – si autotassano per l’allora ingente somma di 4.000 Lire ciascuno, pur di istituire una propria Scuola di Aviazione.

 


Il Club prende in affitto un
vasto appezzamento di terreno alle porte di Roma, in zona Centocelle, e lo attrezza opportunamente.

 

Centocelle diventa così il primo aeroporto italiano per velivoli terrestri a motore.

 

 

 

 

 

 

 

 

La “Tessera di pilota” italiana numero 1, rilasciata dalla Federazione Aeronautica Internazionale a Mario Calderara, oggi conservata al Museo Caproni di Trento.

 

 

 

 

 

 

 

Determinante per il rapido avvio delle attività aviatorie di Centocelle, sono le trattative con Wilbur Wright, in quel periodo a Parigi, per una serie di esibizioni a Roma e l’addestramento dei primi due piloti italiani su un Flyer, il numero IV, che il Club acquisterà: sono il Sottotenente di Vascello Mario Calderara ed il Tenente del Genio Umberto Savoja.


Wilbur Wright arriva a Roma il 10 aprile 1909 dove compie ben 67 voli con la sua macchina volante, tra il 15 e il 26 dello stesso mese: una ventina di questi li effettua con passeggero, alcuni VIP e i due allievi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mario Calderaia a colloquio con il suo eccezionale istruttore di volo, Wilbur Wright in persona, sui prati di Centocelle (Roma) nell’aprile 1909.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le esibizioni suscitano grande ammirazione negli innumerevoli spettatori.

 

Tra loro il Re d’Italia, già interessato al volo e positivamente impressionato dagli esperimenti con i dirigibili nella sua visita a Bracciano due anni prima.