Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Tuscia Romana

I musei del territorio

Il Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Il materiale originale ed alcune immagini in queste pagine sono © o di proprietà di Luciano Russo: la Redazione ringrazia l'autore / il proprietario per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vigna di Valle Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Volare necesse est" (continua)

1891 – Otto Lilienthal, il volo “a vela”

 

"Volare necesse est"

Il mito di Icaro

1482 – Leonardo da Vinci, l’intuizione del genio

1670  – Francesco Lana Terzi, il concetto di “più leggero dell’aria”

1783 – Joseph-Michel e Jacques-Etienne Montgolfier, il pallone aerostatico

1891 – Otto Lilienthal, il volo “a vela”

1896 – Octave Chanute, l'“aero-plano”

1903 – Wilbur ed Orville Wright, il primo volo “a motore”

Il testimone passa a Roma

 

Pagina di origine  

L’Aeronautica Militare Italiana – Un'introduzione

"Un piccolo spazio  personale" di Luciano Russo

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

“Volare necesse est!” (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1891 – Otto Lilienthal

Il volo “a vela”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I primi importanti esperimenti “propedeutici” per la realizzazione dell’“aeroplano” vanno accreditati al tedesco Otto Lilienthal, il quale basa i suoi studi, proprio come Leonardo, sull’osservazione del volo degli uccelli e a lui si deve, fra l’altro, l’invenzione della moderna “cellula alare” dell’aeroplano.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La copertina originale de "Der Vogelflug als Grundlage der Fliegekunst" e il suo autore, Otto Lilienthal.

 

 

 

 

 

 

 

Raccoglie i risultati del suo lavoro in un volumetto, che pubblica a Berlino nel 1889, e, a partire dal 1891, dà inizio ad esperimenti pratici, lanciandosi spericolatamente, dall’alto di colline e di torri di legno appositamente costruite, con apparecchi di sua ideazione.

 

Sono costituiti da due ali ed una coda, ma senza propulsore – gli “alianti”.

 

 

 

 

 

 

 

 

Si tratta di voli “a vela” che sfruttano l’effetto del vento, sia di quello naturale, sia di quello “relativo”, prodotto cioè dalla forza di gravità sul velivolo.

 

Lilienthal riesce con il tempo a coprire distanze fino a circa 350 m, modeste ma pur sempre significative.

 


Purtroppo i suoi promettenti esperimenti terminano improvvisamente il 10 agosto 1896, quando Lilienthal perde la vita in un incidente aereo nei pressi di
Rhinow.