Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Tuscia Romana

I musei del territorio

Il Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Il materiale originale ed alcune immagini in queste pagine sono © o di proprietà di Luciano Russo: la Redazione ringrazia l'autore / il proprietario per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vigna di Valle Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Volare necesse est" (continua)

1783 – Joseph-Michel e Jacques-Etienne Montgolfier, il pallone aerostatico

 

"Volare necesse est"

Il mito di Icaro

1482 – Leonardo da Vinci, l’intuizione del genio

1670  – Francesco Lana Terzi, il concetto di “più leggero dell’aria”

1783 – Joseph-Michel e Jacques-Etienne Montgolfier, il pallone aerostatico

1891 – Otto Lilienthal, il volo “a vela”

1896 – Octave Chanute, l'“aero-plano”

1903 – Wilbur ed Orville Wright, il primo volo “a motore”

Il testimone passa a Roma

 

Pagina di origine  

L’Aeronautica Militare Italiana – Un'introduzione

"Un piccolo spazio  personale" di Luciano Russo

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

“Volare necesse est!” (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1783 – Joseph-Michel e

Jacques-Etienne Montgolfier

Il pallone aerostatico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Risalgono al 5 giugno 1783 le prime ascensioni, effettuate dai fratelli francesi Joseph-Michel e Jacques-Etienne Montgolfier e, nello stesso anno, anche dall’italiano Vincenzo Lunari.

 

 

Per testare la possibilità di vita negli strati “superiori” dell’atmosfera, il 19 settembre 1783 a Versailles, alla presenza dei Reali di Francia Luigi XVI e Maria Antonietta, i fratelli Montgolfier mandano su un gallo, una pecora e una papera in un pallone ad aria calda di loro creazione.

 

Dopo aver superato i 500 m di altezza (!) tornano a terra vivi e vegeti due miglia più lontano – il primo esperimento di volo con animali (precursore, tra gli altri, del primo volo spaziale di un essere vivente, quello della cagnetta Laika, lanciata a bordo del satellite sovietico Sputnik II il 3 novembre 1957).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I fratelli Montgolfier, a sinistra Etienne e Joseph a destra.

 

 

 

 

 

 

 

Il primo volo umano della storia viene effettuato il 21 novembre 1783 dai volontari “aeronauti” Jean-François Pilâtre de Rozier (poi deceduto nel tentativo di attraversare la Manica in un aerostato) e del marchese D'Arlandes con uno dei palloni aerostatici costruiti dai fratelli Montgolfier.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una vivace stampa contemporanea, colorata a mano, delle ascensioni dei fratelli Montgolfier:

 

“Exprience Arostatique … Versailles Le 10 Sept 1783”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tra gli spettatori che testimoniano lo storico evento lo stesso Benjamin Franklin, il quale, in una lettera a Sir Joseph Banks, Presidente della Royal Society of London, osservando la totale mancanza di controllo della navigazione aerea, profetizza:

 

 

 

 

 

 

 

“Queste macchine devono sempre… essere trasportate dai venti…

 

Forse l’Arte Meccanica riuscirà un giorno a dar loro strumenti di mozione direzionale”. 

 

Benjamin Franklin