Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Tuscia Romana

I musei del territorio

Il Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Il materiale originale ed alcune immagini in queste pagine sono © o di proprietà di Luciano Russo: la Redazione ringrazia l'autore / il proprietario per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vigna di Valle Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Volare necesse est" (continua)

Il mito di Icaro (continua)

Il mito

 

"Volare necesse est"

Il mito di Icaro

La trama

Il mito

Oltre il limite

1482 – Leonardo da Vinci, l’intuizione del genio

1670  – Francesco Lana Terzi, il concetto di “più leggero dell’aria”

1783 – Joseph-Michel e Jacques-Etienne Montgolfier, il pallone aerostatico

1891 – Otto Lilienthal, il volo “a vela”

1896 – Octave Chanute, l'“aero-plano”

1903 – Wilbur ed Orville Wright, il primo volo “a motore”

Il testimone passa a Roma

 

Pagina di origine  

L’Aeronautica Militare Italiana – Un'introduzione

"Un piccolo spazio  personale" di Luciano Russo

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

“Volare necesse est!” (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il mito di Icaro (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il mito

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se la prima parte del mito racchiude dunque l’umana speranza di una nèmesi vendicatrice, che colpisca l’uomo con lo stesso male che fa agli altri, la seconda accende la rincuorante convinzione, che dal carcere dei propri errori, sia sempre possibile e doveroso evadere, anche a costo di pagarne a caro prezzo il tentativo.

 

Il genio di Dedalo lo porta a costruirsi ali di penne e cera, per se e per suo figlio: è diviso tra il desiderio fortissimo di uscire dalla prigione, che lui stesso ha creato, e il fondato timore per un fallimento dell’impresa, punizione degli Dei per il suo arrogante tentativo di volare – Icaro, dal canto suo, affronta la sfida con la più totale spensieratezza ed una fiducia incondizionata, senza esitazione o timore.

 

 

 

 

 

 

 

 

Una moderna e altamente poetica rappresentazione dell’antico mito: "Icarus", Henry Matisse – 1943-1944.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Stai attento

 

– raccomanda Dedalo ad Icaro, mentre salgono verso il cielo

 

non accostarti troppo al Sole, perché scioglierebbe la cera che tiene salde le tue ali, e non abbassarti troppo verso il mare, perché l’umidità ne appesantirebbe le penne!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma Icaro, inebriato dalla magia divina del volo, per poter vedere meglio nuove terre e mari che già scorge lontani, si avvicina sempre più pericolosamente all’esaltazione della luce, all’infinito dove brillano le stelle, finché le sue ali bruciano al Sole e precipita.

 

Agitando ancora le braccia ormai nude viene inghiottito dall’azzurro di quel mare, che da lui prende il nome - "Mare Icario", presso l’Isola di Samo, nell’Egeo Meridionale.