Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Tuscia Romana

I musei del territorio

Il Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Il materiale originale ed alcune immagini in queste pagine sono © o di proprietà di Luciano Russo: la Redazione ringrazia l'autore / il proprietario per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vigna di Valle Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Volare necesse est" (continua)

Il mito di Icaro (continua)

La trama

 

"Volare necesse est"

Il mito di Icaro

La trama

Il mito

Oltre il limite

1482 – Leonardo da Vinci, l’intuizione del genio

1670  – Francesco Lana Terzi, il concetto di “più leggero dell’aria”

1783 – Joseph-Michel e Jacques-Etienne Montgolfier, il pallone aerostatico

1891 – Otto Lilienthal, il volo “a vela”

1896 – Octave Chanute, l'“aero-plano”

1903 – Wilbur ed Orville Wright, il primo volo “a motore”

Il testimone passa a Roma

 

Pagina di origine  

L’Aeronautica Militare Italiana – Un'introduzione

"Un piccolo spazio  personale" di Luciano Russo

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

“Volare necesse est!” (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il mito di Icaro (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La trama 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dedalo è un mitico genio dell’ingegneria, sia tecnica che artistica, nell'antichità greca.

 

Gli vengono attribuite invenzioni come la scultura, l’uso della vela e del règolo, addirittura la costruzione dei primi “automi”, statue capaci di muovere automaticamente occhi e arti.

 

 

 

 

 

 

 

 

L’eroe Teseo uccide il Minotauro, dipinto greco su ceramica - 415 aC.

 

 

 

 

 

 

 

Impulsivo ed egocentrico, quando suo nipote inventa la sega, Dedalo, cieco d’invidia e di rabbia, lo spinge a tradimento giù dall’Acropoli di Atene.

 

La Dea Atena ha compassione del ragazzo e lo salva trasformandolo in uccello,

“coprendolo di penne mentre cadeva”.

 

 

Accusato dell’omicidio, a nulla vale la sua autodifesa davanti all’Areòpago, il tribunale della città, e viene condannato all’esilio sull’isola di Creta, dove trova protezione presso Minosse.

 

Per lui ideerà e costruirà il famoso Labirinto, luogo con inestricabili andirivieni, dove il Re vuole rinchiudere per sempre il frutto del bestiale amore di sua moglie Pasifae – il Minotauro.

 

 

 

 

 

 

Quando Teseo vi entra per uccidere il mostro, è proprio Dedalo a dare ad Arianna il famoso filo (“il filo di Arianna”), che serve all'eroe per ritrovarne l’uscita.

 

Dedalo finisce così per essere lui stesso imprigionato, insieme al figlio Icaro, nel Labirinto che ha costruito (appunto anche detto “dèdalo”), ma ne evadono con il noto stratagemma delle ali di penne e cera (“il volo di Icaro”).