Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline,

editato, redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "Z" (continua)

Zoc-Zzi

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

 

A | B | C | D | E | F | G

 

I | J | L | M | N | O | P

 

Q | R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

“Z

 

 

come Zoccola

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Zag-

-Zir

 

 

 

Zoc-

-Zzi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative

(e note)

 

 

 

Zoccola

 

 

 

Grosso topo di fogna

 

 

 

“È sortita fora 'na zoccola ch'era 'n porco…”

 

(Vedi anche Sorca)

 

 

 

 

 

 

 

Di donna di malaffare, prostituta

 

 

 

“A la sera doppo le caserme, a la curva de La Doganella, è sempre pieno de zoccole…”

 

(Vedi anche Bona donna, Mignotta, Troja, Trojona)

 

 

 

Zompa'

 

 

 

Saltare

 

 

 

“Fa' 'm ber primo e zompamo 'r seconno…”

 

 

 

 

 

 

 

Nell'espressione "salti chi può"

 

 

 

Sarta chi zompa…”

(Modo di dire popolare)

 

 

 

Zompafosso

 

 

 

Saltafosso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di pantaloni non abbastanza lunghi

 

 

 

“Porta li carzoni a zompafosso …”

 

(Vedi anche Zompa')

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Zozzo

Zozza

 

 

 

Letto con la "ó" chiusa, significa "persona sporca"

 

 

 

“Ammazza quanto se' zozzo: e ddatte 'na lavata prima de magna'!…”

 

(Vedi anche 'Nzaccherato, 'Nzoijato)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche nel modo di dire "porca miseria"

 

 

 

“Porca zozza…”

 

(Vedi anche Mignotta, Madonna, Puttana)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Letto con la "ò" aperta, è detto invece

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di un pasto mal cucinato e sporco, una brodaglia

 

 

 

Magnete 'm po' sta zozza si ja la fai…”

 

(Vedi anche Brodaija, Buijacca)

 

 

 

 

 

 

Zozzona

Zozzone

 

 

 

Sporcacciona, di donna dai facili costumi

 

 

 

“È 'na zozzona…”

 

(Vedi anche Mignotta)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sporcaccione, chi se la fa con donna dai facili costumi

 

 

 

“… e puro lui è 'no zozzone!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Zozzeria

 

 

 

Sporcizia

 

 

 

“La politica oggi è 'na gran zozzeria…”

 

(Vedi anche Zozzume)

 

 

 

 

 

 

Zozzume

 

 

 

Sporcizia

 

 

 

“È 'no zozzume…”

 

(Vedi anche Zozzeria, Trojaro)

 

 

 

 

 

 

Zuccarone

 

 

 

Di ragazzo dalla testa grossa e con i capelli rasati

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona zuccona, poco intelligente

 

 

 

“È sempre stato 'no zuccarone…”

 

“È ‘n ber fijo, ma è ‘n po’ zuccarone…”

 

(Vedi anche Tonto)

 

 

 

 

 

 

Zucchetto

 

 

 

Copricapo di lana

 

 

 

“Mettete lo zucchetto ché te cachi sotto da'r freddo…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Zuppa'

Zuppasse

 

 

 

Bagnare, intingere, inzuppare, inzupparsi, fradiciarsi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bagnarsi completamente a causa della pioggia

 

 

 

Me so' zzuppato tutto…”

 

(Vedi anche Fracicasse)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Della famosa "pappa co' latte" della prima colazione dei bambini e non solo

 

 

 

Se zzuppa 'r pane dentr'a' latte per ffa’ colazzione e dentr'a l’acqua per ffa’ la panzanella…”

(Modo di dire popolare)

 

 

 

 

 

 

Zupp'inglese

 

 

 

Tradzionale ed apprezzatissimo dolce al cucchiaio che veniva servito nelle grandi occasioni o le più importanti festività o quei pranzi "della domenica" quando tutta la famiglia si riuniva intorno alla tavola dei genitori: si preparava su di una fiamminga con savoiardi imbevuti nel rosso dell’alchermes e crema pasticciera, ricoprendo il tutto con chiara d’uovo montata a neve - la cosiddetta "fiocca" - guarnita con confettini  argentati o colorati e poi si cuoceva al forno

 

 

 

“A no', ma  la daressivo 'n'artra fetta de zupp'inglese?…”

 

 

 

 

 

 

'Zzecca'

 

 

 

Indovinare, centrare la risposta o il risultato del gioco

 

 

 

Ho ‘zzeccato ‘n terno a' lotto…”


“J’ho sparato e l’ho ‘zzeccata
…”

 

(Vedi anche Azzecca', 'Ndovina')

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

'Zzibbibbo

 

 

 

Uvetta passa, zibibbo

 

 

 

“Mmm… quant'è bbono 'r 'zzibibbo dentr'a'r panettone!…”

 

(Vedi anche 'Zibbibbo)