Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline,

editato, redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "V" (continua)

Vet-Vor

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

 

A | B | C | D | E | F | G

 

I | J | L | M | N | O | P

 

Q | R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

“V

 

 

come Vetrinaro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vac-

-Ves

 

 

 

Vet-

-Vor

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative

(e note)

 

 

 

Vetrinaro

 

 

 

 Veterinario

 

 

 

 “Va a cchiama' 'r vetrinaro che 'sta ppe' sgrava'…”

 

 

 

Vetrole

 

 

 

Biglie di vetro colorato usate dai bambini per giocare

 

 

 

“'Nnamo a ggioca' a vetrole!…”

 

(Vedi anche Buchetta)

 

 

 

Vetrolone

 

 

 

Vetrola di grosse dimensioni

 

 

 

“Ce metto 'r vetrolone…”

 

(Vedi anche Vetrola)

 

 

 

Vetta

 

 

 

Coppia di buoi aggiogata, il "motore" dell'aratro prima del trattore

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da cui il famoso detto

 

 

 

“Tira più ‘n ppelo de fica, che 'na vetta de bbovi!…”

(Detto popolare)

 

(Vedi anche Bove, Fica, Pelo)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Viggìa

 

 

 

Vigilia

 

 

 

Oggi gnente carne: è viggìa…”

 

 

 

 

 

 

Vignarola

 

 

 

Carretto a due ruote trainato da quadrupede ed adibito ai trasporto relativi alla vendemmia, come di bigonci, uva e così via

 

 

 

“Senza vignarola come famo pe' pporta' l'uva?…”

 

(Vedi anche Pistarola)

 

 

 

 

 

 

Visavì

 

 

 

Armadio della camera da letto, con specchio al centro

 

 

 

“Ber visavì: c'ha 'no specchio che te ce vedi tutta quanta, pure gnuda…”

 

 

 

 

 

 

Visita

 

 

 

Come in Italiano, "visita"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona che si è trattenuta molto più del previsto nel fare una visita (come la Madonna, che andò a trovare la cugina, Santa Elisabetta, e vi si trattenne per tre mesi!)

 

 

 

Ha' fatto come la visit'a Sant'Elisabetta…”

 

(Vedi anche Madonna)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vitabbia

Vitarbia

 

 

 

In italiano "Vitalba", la pianta erbacea i cui tronchetti venivano fumati dai ragazzi che nel Secondo Dopoguerra non avevano i soldi per comprarsi delle vere sigarette, neppure sfuse

 

 

 

“C'ha' 'na vitabbia?…”

 

 

 

 

 

 

Vituperio

 

 

 

Di persona violenta, che crea disordine e problemi

 

 

 

“È 'n vituperio: è mmejo si nun se fa véde…”

 

 

 

 

 

 

Voja

 

 

 

Macchia congenita della pelle che, a seconda della forma e del colore, viene etichettata con la specifica somiglianza

 

 

 

È nata co’ ‘na voja de caffè su la coscetta…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli spesso strani ed impellenti desideri delle donne incinte

 

 

 

Je pijono le voje come a le donne gravide…”

 

(Vedi anche Pregna)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche nel senso di "fantasia", "voglia", "desiderio" come nel detto

 

 

 

“Voja de lavora' sarteme addosso e tu ppigrizzia nun m'abbandona'…”

(Detto popolare)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vojartri

 

 

 

Voi

 

 

 

“Vojartri da 'sta parte e nojartri da quell'artra…”

 

(Vedi anche Nojartri)

 

 

 

 

 

 

 

Volo

 

 

 

Brutta caduta

 

 

 

Ho ffatto ‘n volo ‘m mezz'a la strada che me so' macellato li ginocchi…”

 

(Vedi anche Casca', Scrociasse)

 

 

 

 

 

 

Vorta

 

 

 

Nel senso di "dopo"

 

 

 

Na vorta che s’è ccotta, la fai fredda' e ce metti li confettini che vennono li Monnini…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche nell'espressione per "vaneggiare"

 

 

 

Ma cche te da de vorta 'r cervello?…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per caso, forse

 

 

 

T’avressi tante vorte 'mprestato 'r martello e nun me l’ha' ppiù ridato?…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Qualora

 

 

 

Tante vorte lo dovressi trova', chiameme…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vortata

 

 

 

Voltata, girata

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cuocere qualcosa per pochissimo tempo

 

 

 

La bbutti ‘n padella e je dai ‘na vortata e ‘na ggirata…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel senso di "alla svelta", "in fretta"

 

 

 

La vita è ‘n'affacciata de finestra: ‘na vortata e ‘na ggirata e 'sta fregatura è bbella che ffinita…”

 

 

 

 

 

 

Vortastommico

 

 

 

Nausea, avversione al cibo

 

 

 

“A védolo me vijè 'r vortastommico!…”

 

 

 

 

 

 

Vorzinia

 

 

 

La "Volsinia Elettricità", società che gestiva la produzione e l'erogazione della corrente elettrica a Bracciano prima dell’avvento della S.R.E. - Società Romana Elettricità e quindi dell’ENEL

 

 

 

Si c'ha' 'n probblema va da Scotti a la Vorzinia …”