Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline,

editato, redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "T" (continua"

Tra-Tuz

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

 

A | B | C | D | E | F | G

 

I | J | L | M | N | O | P

 

Q | R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

“T

 

 

come Traccagnotto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tab-

-Tep

 

 

 

Tig-

-Toz

 

 

 

Tra-

-Tuz

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative

(e note)

 

 

 

Traccagnotto

 

 

 

Tracagnotto, di persona di bassa statura e di corporatura tozza, tarchiato

 

 

 

“È 'n traccagnotto arto du' dita…”

 

 

 

Traccheggia'

 

 

 

Perdere tempo, allungare i tempi

 

 

 

“Nun tracceggia': è ora de decidete!…”

 

 

 

Tracolla'

 

 

 

Tagliare la strada per arrivare prima, termine usato da contadini e cacciatori

 

 

 

“Tracollamo, che famo prima…”

 

 

 

Tramoggia

 

 

 

Di persona che mangia tanto e di tutto

 

 

 

“Se' 'na tramoggia!…”

 

 

 

Tramontana

 

 

 

In Italiano è il fortissimo vento freddo da nord, caratteristico per Bracciano e qui particolarmente violento, data la sua ubicazione rispetto al lago ed i monti circostranti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Viene detta "torbida" quando associata ad un tempo nuvoloso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Può soffiare con particolare vemenza

 

 

 

C’è ‘na tramontana che se ‘ncolla le case!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dura solitamente tre, sei o nove giorni, un proverbio dice

 

 

 

Tramontana de bbon core, o tre, o sei o nove…”

(Proverbio popolare)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tran-tran

Trantran

 

 

 

La routine quotidiana, di azioni ripetitive e monotone

 

Parola onomatopeica a riprodurre il suono monotono delle ruote di un treno sulle rotaie, il suo ritmo: continuo, uniforme, noioso

 

 

 

Finita 'sta settimanata de pace se ritorna ar solito tratran…”

 

 

 

 

 

 

Trapasso

 

 

 

Stradello di campagna che si utilizza per attraversare fossi alti e molto impervi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Travaijo

 

 

 

In Italiano "travaglio", attrezzatura composta da tre pali con sovrapposizione di trave, per tenere fermi gli animali durante gli interventi terapeutici, la monta o la ferratura: a Bracciano il travaglio si trovava dopo il passaggio a livello, all’angolo tra Via Principe di Napoli e l’attuale Via Udino Bombieri, e serviva al famoso fabbro e maniscalco, "Mastro Fabbro Ferraro" Arnaldo Pomponi, per la ferratura di cavalli, asini e muli

 

 

 

Vad'ar travaijo d’Arnardo a ferra' la cavalla…”

 

 

 

 

 

 

Traversone

 

 

 

Gioco di carte, detto anche "Tressette a non prendere"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tricche

tracche

 

 

 

Parola onomatopeica, a rappresentare un suono metallico contro delle tavole di legno: lunghe circa 60 cm e larghe 20 con due manigliette fissate al centro, quando scosse ritmicamente generavano un rumore simile a quello tipico "tric trac" dei mortaretti
 

Per tradizione venivano usate dai chierichetti per le vie del Paese il Venerdì ed il Sabato Santo, a sostituire il suono delle campane, "legate" con un simbolico nodo alle corde prima di Pasqua, in segno di lutto: in tal modo e a voce si comunicava alla gente l'orario di mezzogiorno ed il prossimo inizio delle cerimonie religiose liturgicamente appartenenti alla Settimana Santa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Trinca'

 

 

 

Una italianizzazione del verbo tedesco "trinken", bere, nel linguaggio familiare o scherzoso, "tracannare" vino o altre bevande alcoliche, berli cioè con gusto e in abbondanza

 

 

 

Massimetto trinca, trinca…”

 

(Vedi anche 'Mbriacasse)

 

 

 

 

 

 

Trinkensvaine

 

 

 

Italianizzazione del tedesco "trinken", bere, e "wein", vino, la quale risulta in un'espressione descrittiva di persona incline all’alcol

 

 

 

Je piace 'r trinkensvàine…”

 

(Vedi anche 'Mbriacone)

 

 

 

 

 

 

Trippa

 

 

 

Pancia molto pronunciata

 

 

 

C’ha' 'na trippa…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel significato di "qui non c'è più niente da prendere", "non ce n'è per nessuno": storicamente l'espressione fu sarcasticamente coniata dal popolino ai primi del '900, quando l'allora Sindaco di Roma, Ernesto Nathan, costretto a ridurre le spese pubbliche della Capitale, fece tra l'altro eliminare dal bilancio la tradizionale voce per il mantenimento di una colonia di felini randagi accasati - come ancora oggi - fra le rovine archeologiche del centro storico

 

 

 

Nun c’è ttrippa ppe’ ggatti!…”
(Modo di dire popolare)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Piatto tipico della cucina locale, ricco e gustoso: interiora dello stomaco di bovino, scalogno, sedano, carote, prosciutto crudo non troppo magro, aglio, prezzemolo, formaggio pecorino, mentuccia romana, sale e olio di oliva

 

 

 

“Giovedì gnocchi, sabbato trippa…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Trippaccio

 

 

 

Interiora animali  di vitello, vaccina o maiale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tristo

 

 

 

Cattivo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona che arriva proprio mentre se ne sta parlando

 

 

 

Persona trista, nominata e vvista!…”

(Proverbio popolare)

 

 

 

 

 

 

Trocia

 

 

 

Pozzanghera formata da sostanza sporca

 

 

 

“Me s’è rotto lo scolo de' llavandino e pe' tterra me s’è ffatta ‘na trocia d’acqua zozza …”

 

 

 

 

 

 

Trogo

 

 

 

Trogolo, recipiente in pietra dove mangiava il maiale

 

 

 

“Quann'è ora de mmagna', tutti ar trogo!…”

(Modo di dire popolare)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Troja

 

 

 

Scrofa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di donna di malaffare, prostituta

 

 

 

“È 'na gran troja!…”

 

(Vedi anche Trojaro)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Popolarissima esclamazione di dissenso, rabbia, delusione, frustrazione e molto, molto altro

 

 

 

Porca troja!…”

 

 

 

 

 

 

Trojaro

 

 

 

Di luogo molto sporco

 

 

 

“Aoh, damo 'm po' 'na pulita, ché mme pare de sta' dentr'a 'n trojaro…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luogo notoriamente frequentato da prostitute

 

 

 

“Quer bar è 'n trojaro…”

 

(Vedi anche Troja)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

'Ttappa'

 

 

 

Tappare, otturare

 

 

 

“'Ttappa 'm po' 'sto buco…”

 

(Vedi anche 'Ttura')

 

 

 

 

 

 

'Ttraversa'

 

 

 

Attraversare

 

 

 

Famme ‘ttraversa' prima che me diventa rosso…”

 

 

 

 

 

 

'Ttufa'

'Ttufato

 

 

 

Cuocere del cibo a fuoco lento in una pentola ben chiusa

 

 

 

(Vedi anche Attufa', attufato)

 

 

 

 

 

 

'Ttura'

 

 

 

Otturare, tappare

 

 

 

(Vedi anche 'Ttappa')

 

 

 

 

 

 

Tufa'

 

 

 

Aggradare, convincere

 

 

 

'Sta situazzione nun me tufa…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Turlindana

 

 

 

Anche "durlindana", "tirlindana" o "dirlindana": tipo di pesca al luccio, trainando dalla barca una lenza alla quale è legato un amo nascosto da un “cucchiarino”, un sistema detto "a lameggiata"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tuttombotto

 

 

 

All’improvviso

 

 

 

“M'è zzompato addosso tuttombotto…”

 

 

 

 

 

 

Tuzza

 

 

 

Gioco per divertire i bambini molto piccoli, che consiste nel battere le fronti delicatamente “

 

 

 

“Famo tuzza?…”

 

 

 

 

 

 

Tuzza'

 

 

 

Battere la testa, scontrarsi, andare addosso, provocare

 

 

 

“E nun me stà a 'ntuzza'!…”

 

(Vedi anche 'Ntuzza')