Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline,

editato, redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "M" (continua)

Mic-Moc

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

 

A | B | C | D | E | F | G

 

I | J | L | M | N | O | P

 

Q | R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

“M

 

 

come Miccia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mac-

-Mad

 

 

 

Mag

 

 

 

Mal-

-Man

 

 

 

Map-

-Maz

 

 

 

Mbe-

-Mez

 

 

 

Mic-Moc

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mog-

-Mos

 

 

 

Moz-

-Mpa

 

 

 

Mpe-

-Mut

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative

(e note)

 

 

 

Miccia

 

 

 

Femmina dell’asino, asina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche di donna di malaffare

 

 

 

“È 'na miccia…”

 

(Vedi anche Mignotta, Scrofa)

 

 

 

Micco

 

 

 

Di persona ingenua

 

 

 

 

 

 

 

Mignotta

 

 

 

Puttana, donna di facili costumi, ma anche in senso figurato, come qualcuno che "si vende", un traditore, e in esclamazioni rafforzative

 

 

 

“S'e' 'na gran mignotta, amico caro…”

 

“Porca mignotta, si nun me dai li sordi io da qui nun me movo!…”

 

(Vedi anche Miccia, Scrofa)

 

 

 

Migragna

 

 

 

Miseria, povertà

 

 

 

“Gran migragna, Eccellenza…”

(Detto popolare)

 

 

 

Migragnoso

 

 

 

Di persona povera, bisognosa, che se la passa male

 

 

 

“Poraccio: è 'n migragnoso…”

 

 

 

 

 

 

 

Ma anche di persona tirata, tirchia, avara, avida

 

 

 

“'Sto migragnoso!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Millante

 

 

 

Era la "carta da mille lire"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Minchiona'

 

 

 

Prendere in giro qualcuno

 

 

 

Che me stai a minchiona'?…”

 

(Vedi anche Cojona')

 

 

 

 

 

 

Minchione

 

 

 

Di persona troppo buona, semplice, generosa o credulona

 

 

 

“Ha fatto la fine der minchione…”

 

(Vedi anche Cojone, Fregnone)

 

 

 

 

 

 

Minestraro

 

 

 

Di persona amante di minestre

 

 

 

“Pe' la carne nun ce fo tanto: so' 'n minestraro  …”

 

 

 

 

 

 

Mira

 

 

 

Desiderare fortemente una cosa o una persona

 

 

 

Je stà a fa' la mira da mo'…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mischietto

 

 

 

Miscuglio, un po' di tutto

 

 

 

“Che te ce do?

Famme 'n po' 'n mischietto…”

 

 

 

 

 

 

Misidìa

 

 

 

Gioco di carte, una variante del "Tressette"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mistica'

 

 

 

Girare, mescolare

 

 

 

Mistica la minestra che così te se fredda…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rendere omogeneo

 

 

 

'N te scorda' de mistica' bbene 'sto colore prima de pitturacce 'r muro…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lavorare intensamente su qualcosa

 

 

 

C'è stato a mistica' tutt'er giorno…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Misticanza

 

 

 

Misto di verdure coltivate, consumate crude in insalata

 

 

 

(Vedi anche Misticanza de campo)

 

 

 

 

 

 

Misticanza de campo

 

 

 

Misto di verdure selvatiche, consumate crude in insalata

 

 

 

(Vedi anche Misticanza, Pimpinella)

 

 

 

 

 

 

'Mmattisse

 

 

 

Impazzire

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel senso di "non poterne più

 

 

 

Me fai ‘mmatti'…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche con il significato di cercare tenacemente a fare qualcosa, ad esempio di tentare in tutti i modi di riparare qualcosa di meccanico che si è rotto, ma nonostante tutto non riuscirci

 

 

 

“Me sto' a 'mmatti' co 'sta pompa…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per "ma stai scherzando?"

 

 

 

“Ma che te se' 'mmattito?…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

'Mmolla'

 

 

 

Bagnare, ammollare nel senso di "mettere a mollo", "mettere a bagno", "immergere in un liquido", "ammorbidire"

 

 

 

Pij ‘m pezzo de pane e l'ammolli…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Piantare in asso

 

 

 

M’ha ‘mmollato ‘m mezz'a la strada…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rompere un fidanzamento

 

 

 

Doppo du' anni l’ha ‘mmollato…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dare qualcosa a qualcuno, affibiare

 

 

 

M’ha ‘mmollato ‘na fregatura…”

 

“Mo’ t’ammollo ‘no sganassone!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lasciare in custodia qualcosa o qualcuno

 

 

 

“Nun posso moveme: mi matre m'ha 'mmollato mi fratello…”

 

(Vedi anche Ammolla')

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mo'

 

 

 

Subito, immediatamente

 

 

 

Mo’ vengo…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Adesso, in questo momento, o poco fà

 

 

 

L’ho visto mo' che scegneva pe' la Scalinata de San Clemente…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel senso di "e allora?"

 

 

 

“M'è cascato: e mo' c'ho da fa'?…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

O anche per "ancora", "un altra volta", "di nuovo", "questa volta"

 

 

 

“Ariecchete, sor compa'!

Mo' che voi?…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Con il significato di "da molto tempo"

 

 

 

“Che da mo'!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mocciolo

 

 

 

Muco nasale

 

 

 

“Sempre co' 'sto mocciolo...

E tira sù!…”

 

(Vedi anche Moccolo)

 

 

 

 

 

 

Moccoletto

 

 

 

Lumino, piccola candela

 

 

 

“'Ccènni 'r moccoletto ch'è 'nnata via la luce…”

 

 

 

 

 

 

Moccolo

 

 

 

Muco nasale

 

 

 

“Leveije 'm po' 'sto moccolo a 'sto fijarello, che nu lo posso vede…”

 

(Vedi anche Caccola, Mocciolo)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Grosso cero

 

 

 

“Ho 'cceso 'n moccolo a Sant'Antogno…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fare "compagnia" a due innamorati o, piuttosto, essere messi "di guardia" ad una giovane coppia per controllarne i comportamenti e stemperarne gli ardori, un ingrato compito che normalmente toccava ai fratelli più piccoli di lei (la situazione poteva però essere anche furbamente sfruttata da questi, guadagnandoci sopra qualche lauta mancetta in cambio di non raccontare proprio "tutto" ai genitori)

 

 

 

Stasera me tocca usci' a spasso co' mi sorella a reggeje 'r moccolo…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche di una bestemmia

 

 

 

Mannava su certi moccoli che Cristo l'ha da furmina'…”

 

(Vedi anche Smoccola')

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Moccolotto

 

 

 

Cero grosso e corto che si metteva e si mette ancora sulle tombe dei defunti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mocone

 

 

 

Odore e colore tipici del processo degenerativo del prosciutto

 

 

 

'Sto preciutto ha preso de’ mocone…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche di persona offesa

 

 

 

Ha preso de’ mocone…”