Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline,

editato, redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "M" (continua)

Map-Maz

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

 

A | B | C | D | E | F | G

 

I | J | L | M | N | O | P

 

Q | R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

“M

 

 

come Mappamonno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mac-

-Mad

 

 

 

Mag

 

 

 

Mal-

-Man

 

 

 

Map-

-Maz

 

 

 

Mbe-

-Mez

 

 

 

Mic-

-Moc

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mog-

-Mos

 

 

 

Moz-

-Mpa

 

 

 

Mpe-

-Mut

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative

(e note)

 

 

 

Mappamonno

 

 

 

Sedere di notevoli dimensioni

 

 

 

“C'ha 'n mappamonno…”

 

(Vedi anche Chiappe, Culo)

 

 

 

Marcaduto

 

 

 

Epilessia

 

 

 

Sto poro regazzo c’ha 'r marcaduto e 'gni tanto se sturba…”

 

 

 

Marcia'

 

 

 

Marciare, filare dritto

 

 

 

“Er patre lo fa marcia'…”

 

(Vedi anche Fila')

 

 

 

 

 

 

 

Ma anche "fare il furbo", "provarci"

 

 

 

“Aoh, ma che ce sta' a marcia'?  …”

 

(Vedi anche Frega')

 

 

 

Maria Cazzetta

 

 

 

Non si sa chi sia il personaggio ironicamente citato per dire di persona che, illudendosi di risparmiare, spende molto oppure che compra a poco prezzo  qualcosa che si rileva un pessimo affare, ad esempio un macchinario che poi richiede spese di riparazione o manutenzione superiori al prezzo di acquisto

 

 

 

“Li risparmi de Maria Cazzetta…”

(Detto popolare)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Marchese

 

 

 

Mestruazioni

 

 

 

“Niente da fa': c'ha er marchese…”

 

(Vedi anche Mestolazzioni)

 

 

 

 

 

 

Marpione

 

 

 

Di persona furba, scaltra

 

 

 

“Io a te te conoscio bbene: tu se' 'n marpione…”

 

 

 

 

 

 

Marraccio

 

 

 

Grossa roncola per pulire le "fratte" o cespugli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Marvole'

 

 

 

Antipatia, non gradire qualcuno

 

 

 

È ‘n discolo a scola e ccosì la maestra l’ha preso a marvolé…”

 

 

 

 

 

 

Marzaletta

 

 

 

Bicchierino di Vino tipo Marsala

 

 

 

'Nnamese a fa’ ‘na Marzaletta…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Maschio de bottega

 

 

 

Ragazzo apprendista

 

 

 

Ho ‘ncominciato a fa’ er maschietto de bottega che c’avevo dodicianni…”

 

(Vedi anche Mastro)

 

 

 

 

 

 

Mastro

 

 

 

"Maestro", appellativo dato in segno di rispetto agli artigiani di grande esperienza spesso poi titolari di attività artigianali: Mastro Aristodemo Sala, nonno materno di Gianni Orsini, ed il nonno materno di Luciano Russo,  Giuseppe Bresciani, da tutti in Paese meglio conosciuto come "Mastro Peppe", erano il primo titolare di un'impresa edile e il secondo tra l'altro di una fabbrica di mattonelle "alla veneziana" di graniglia antica

 

 

 

(Vedi anche Maschio de bottega)

 

 

 

 

 

Materazzaro

 

 

 

Materassaio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Matora

 

 

 

Parola senza significato a sostituire "Madonna" nella relativa bestemmia (da tutti i Braccianesi comunque perfettamente intesa), con la speranza di non fare peccato…

 

 

 

“Porca matora!…”

 

(Vedi anche Madonna, Madora, Matosca)

 

 

 

 

 

 

Matosca

 

 

 

Parola senza significato invece di Madonna nelle bestemmie

 

 

 

“Porca matosca!…”

 

(Vedi anche Madonna, Madora, Matora)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Matre

 

 

 

Madre, da "Mater"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Matreggia'

 

 

 

Assumere atteggiamenti e comportamenti altrimenti tipici di una madre

 

 

 

Bastiano matreggia…”

 

 

 

 

 

 

Mattera

 

 

 

Madia, mobile da cucina dove si conservava la farina ed il pane

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mattità

 

 

 

Pazzia, ad esempio un acquisto esagerato

 

 

 

“Mo' emo fatto 'sta mattità: che dio ce la manni bbona nun se pentimo però…”

 

(Vedi anche Stronzata)

 

 

 

 

 

 

Mazzafegato

 

 

 

Salsiccia di fegato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mazzafionna

 

 

 

Fionda, arma manuale da lancio

 

 

 

(Vedi anche Fionna)

 

 

 

 

 

 

Mazzapicchio

 

 

 

Locale strapieno di gente che fa confusione (in Italiano il mazzapicchio è il martello con il quale si cerchiano le botti)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mazzo

 

 

 

Fatica

 

 

 

Me so fatto 'n mazzo così…”

 

(Vedi anche Culo)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche riferito ad una gran quantità tra cui si va a scegliere qualcosa di particolare

 

 

 

“Se l’è capato ‘m mezz'ar mazzo!…”

 

 

 

 

 

 

Mazzocchetti

 

 

 

Germogli del Cicorione del tipo Catalogna, ai quali si tolgono i filamenti prima di immergerli in acqua fredda per farli arricciare: si condiscono con un intingolo, preparato nel pistasale, a base di olio, aceto, sale, aglio e acciughe

 

 

 

(Vedi anche Puntarelle)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mazzola'

 

 

 

Prendere o dare una bella batosta

 

 

 

L'hanno mazzolati: mo' voijo véde si fanno li galletti…”

 

 

 

 

 

 

Mazzolata

 

 

 

Dare una lezione

 

 

 

“L'ha ddato 'na mazzolata che se magnava la lingua…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un duro colpo

 

 

 

J’hanno dato ‘na bella mazzolata: l’hanno bocciato pe’ la seconna vorta - mo' senti 'r patre…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche di un conto troppo salato

 

 

 

“'Emo magnato bbene, ma 'na mazzolata: aoh, c'hanno spellato!…”

 

 

 

 

 

 

Mazzoletta'

 

 

 

Prendere o dare legnate

 

 

 

Stavorta t’hanno mazzolettato come se deve…”