Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline,

editato, redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "M" (continua)

Mal-Man

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

 

A | B | C | D | E | F | G

 

I | J | L | M | N | O | P

 

Q | R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

“M

 

 

come Malaccio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mac-

-Mad

 

 

 

Mag

 

 

 

Mal-

-Man

 

 

 

Map-

-Maz

 

 

 

Mbe-

-Mez

 

 

 

Mic-

-Moc

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mog-

-Mos

 

 

 

Moz-

-Mpa

 

 

 

Mpe-

-Mut

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative

(e note)

 

 

 

Malaccio

 

 

 

Cancro, tumore 

 

 

 

L’hanno aperto e richiuso: c’ha 'n malaccio…”

 

 

 

Malaugurio

 

 

 

Fattura, dannazione, sfortuna

 

 

 

(Vedi anche Ucello der malaugurio)

 

 

 

Maleppeggio

 

 

 

Attrezzo da muratore, un tipo di piccozza a manico corto o mini-piccone, ma con due lame opposte entrambe taglienti, una in verticale, parallela cioè al manico, e l’altra in orizzontale, di traverso al manico, quindi una doppia lama sagomata in ortogonale facilmente accessibile a seconda del bisogno

 

Estremamente adatto per piccole demolizioni o preparazioni "di precisione", con cui tagliare e scavare,  particolarmente adatto alla sagomatura del blocchetto di tufo come del mattone, "zoccolo" o forato che sia - quindi, soprattutto nella nostra zona vulcanica ricca di tufi di ogni grana e compattezza, un arnese indispensabile!

 

 

 

Se chiama maleppeggio perché da ‘na parte fà male e da quell’artra fà peggio…”

(Detto popolare)

 

(Vedi anche Piccone)

 

 

 

 

Malìa

 

 

 

Malattia dei polli

 

 

È vvenuta la malìa e me so’ morte tutte le galline…”

 

 

 

Mammalucco

 

 

 

Bamboccione

 

 

 

A mammalucco: e ttu ce caschi?…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mammatrone

 

 

 

Di indisposizione,agitazione, nervosismo, smania

 

 

 

E ‘statte 'n po' fermo: me stai a fa’ veni' 'r mammatrone…”

 

 

 

 

 

 

Manciata

 

 

 

Poco

 

 

 

Aoh, damme 'm po' ‘na manciata de gesso…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scricciolo

 

 

 

“Sta fiarella è ‘na manciata…”

 

(Vedi anche Manciatella, Ossi)

 

 

 

 

 

 

Manciatella

 

 

 

Diminutivo di manciata, "un pochino"

 

 

 

“Nun c'ho ffame: damme solo ‘na manciatella de riso…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scricciolino

 

 

 

S'è messo co’ una ch'è na manciatella…”

 

(Vedi anche Manciata, Ossi)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Manco

 

 

 

Neanche, neppure

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per "niente affatto"

 

 

 

Manco pe’ gnente…”

 

(Vedi anche Nemmanco, Scordasse)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Assolutamente no" (devi prima passare sul mio corpo…)

 

 

 

Manco morto!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Certamente", "subito"

 

 

 

Manc'a dillo…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel senso di "bene!"

 

 

 

Manco male…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Espressione per "non lo auguro a nessuno"

 

 

 

Manco a li cani…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Manfrina

 

 

 

Messa in scena, giro di parole con l’intento di ingannare o convincere qualcuno

 

 

 

Nun me’ fa tante manfrine e dimme bbene come stanno le cose…”

 

 

 

 

 

 

Mannaretta

 

 

 

Piccola mannaia che si teneva in casa per tagliare le parti dure o le ossa degli animali da cucinare e per tagliare piccoli pezzi di legna da mettere al fuoco

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mannàsse

 

 

 

Dondolarsi

 

 

 

Mannete 'm po’ co’ l’artalena…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Desiderare ardentemente, sessualmente una persona

 

 

 

Ma la mannerebbe pe’ l’ossa…”

 

 

 

 

 

 

Mannata

 

 

 

Mandata o giro di chiave nella serratura

 

 

 

Chiudi bbene: 'n te scorda' de daije n’antra mannata…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mano

 

 

 

Indistintamente sia al singolare che al plurale

 

 

 

Se crede de pote' leva' le castagne dar foco co’ le mano dell’artri…”

(Detto popolare)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona alla quale cade tutto di mano

 

 

 

C’ha le mano de ricotta …”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche in senso di "rimedio", "cosa che fà bene"

 

 

 

È ‘na mano santa…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di donna che sa fare tutto

 

 

 

C’ha le mano d’oro…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tenere una persona in grande considerazione

 

 

 

Lo tie' 'm parmo de mano…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aria di botte, "bada che sento già un formicolìo alle mani", "sta attento che mi prudono le mani"

 

 

 

Guarda che c’ho le mano che me rodono…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di situazione senza sbocco

 

 

 

“E mo'?

'Na mano davanti e quell'antra de dietro!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chiedere aiuto a qualcuno

 

 

 

“Damme 'na mano armeno tu…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ciascuna passata a pennello di pittura

 

 

 

“Daije 'na mano sola che abbasta…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ricorrente grido di disperazione e di benevola minaccia del Capo Operaio di Mastro Peppe Bresciani, Francesco "Checco" Morbidelli, ai continui danni, disordine e piccoli furti di  arnesi e materiale provocatigli dall'irrefrenabile "sartapicchio" Luciano (Russo)

 

 

 

“Lucianooo!…

Statte fermo co' le manooo!

Ché sinnò te le monco…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Manovale

 

 

 

Operaio assistente del muratore, che saliva sulle impalcature per portargli calce e mattoni: molti pensano che fosse un lavoro meno qualificato, ma la bravura del muratore a nulla sarebbe valsa senza l'attenta assistenza del manovale (il muratore non doveva mai chiedere, perché il buon manovale lo seguiva ad ogni passo con sguardo vigilante e scaltro, anticipando così tutti i suoi bisogni di materiale, cofane di calce, tipo di calce, pile di mattoni, mezzi mattoni ecc)

 

 

 

“'N manovale bbono vale 'r muratore…”

 

(Vedi anche Mastro)

 

 

 

 

 

 

 

Mantenuto

 

 

 

Protettore di prostitute

 

 

 

“Che sta' a fa' 'r mantenuto?…”

 

(Vedi anche Magnaccia, Pappa, Pappone)

 

 

 

 

 

 

Manza

 

 

 

Mucca che non ha mai partorito