Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline,

editato, redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "L" (continua)

Lin-Lus

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

 

A | B | C | D | E | F | G

 

I | J | L | M | N | O | P

 

Q | R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

“L

 

 

come Lindeppinto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lab-

-Lat

 

 

 

Lav-

-Lev

 

 

 

Lin-

-Lus

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative

(e note)

 

 

 

Lindeppinto

 

 

 

"Lindo e pinto", etteralmente "tutto pulito e imbellettato" (una volta la pulizia e l'igiene personale - date le povere condizioni abitative, spesso senza acqua corrente in casa né un bagno come lo concepiamo noi oggi ma solo un gabinetto e magari fuori delle mura - non è patrimonio di tutti, almeno nella dura quotidianità lavorativa dei più, per cui in occasione di feste o ricorrenze ovvero eventi davvero speciali ci si lava, ci mette a posto in maniere del tutto straordinaria e ci si mette addosso "gli abiti della festa", cosa che ovviamente viene notata dai vicini, eccome, e non può sfuggire neppure a tutti quelli che frequentino normalmente la persona!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Espressione rivolta, in senso di dileggio a persona oltremodo elegante

 

 

 

“È 'nnato da Nena tutto lindeppinto…”

 

(Vedi anche Leccato, Lisciato)

 

 

 

Liscebbusso

 

 

 

Rimbrotto

 

 

 

“J'ha dato 'n liscebbusso…”

 

 

Lisciato

 

 

 

Di persona ben vestita, molto curata

 

 

 

“'Mmazza come te se' lisciato!…”

 

(Vedi anche Leccato, Lindeppinto)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Litichino

 

 

 

Di persona propensa al litigio, provocatrice

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

'Llanguidi'

'Llanguidito

 

 

 

Avvertire un senso di languore, appetito

 

 

 

Me s’è ‘llanguidito lo stommico…”

 

 

 

 

 

 

'Llocchisse

 

 

 

Di gallina che diventa chioccia

 

 

 

Nun c’ho più ova da magna': me s’è ‘llocchita la gallina…”

 

(Vedi anche Biocca, Locca)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona che si impigrisce

 

 

 

Nun esce più de casa:  s’è ‘llocchito…”

 

 

 

 

 

 

Locca

 

 

 

Chioccia

 

 

 

(Vedi anche Biocca)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lombrichi

 

 

 

Letteralmente vermi di terra, usati come esca per pescare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche tipo di pasta casarecchia, a forma di lombrico, fatta di sola acqua e farina: si condisce con il sugo alla amatriciana o al tonno (a Viterbo "Umbrichelli", a Terni "Ciriole", in Toscana "Pici")

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Loffa

 

 

 

Fungo di prato non mangereccio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Più comunemente subdola flatulenza priva di rumore, ma dal pessimo odore

 

 

 

“'Tacci tua, che loffa!…”

 

 

 

 

 

 

Loffio

 

 

 

Di persona poco sincera, infida

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lonto

 

 

 

Lardo battuto e ridotto a poltiglia con un coltellaccio sul battilonto, usato come base per cucinare al posto dell’olio di oliva

 

 

 

(Vedi anche Battilonto, Battuto)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La "Minestra co' lonto" era una pietanza tipica della cucina braccianese

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luccata

 

 

 

Forma di protesta generale contro qualcuno: la si metteva in atto facendo in coro una sorta di ululato mentre altri lo intercalavano contemporaneamente fischiando alla pecorara

 

 

 

“J'hanno fatto 'na luccata…”

 

(Vedi anche Pecorara)

 

 

 

 

 

 

Lucchesina

 

 

 

Coperta imbottita ma leggera, che si usava ai primi freddi e comunque durante le due mezze stagioni

 

 

 

“È ora de mette la lucchesina…”

 

(Vedi anche 'Mbottita)

 

 

 

 

 

 

Luffi

 

 

 

Adipe in eccesso sulla parte superiore dei glutei

 

 

 

'N costume je se vedono li luffi…”

 

(Vedi anche Chiappe)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lupini

 

 

 

Calli dei piedi

 

 

 

“'Mmazza quanto me dole oggi 'sto lupino…”

 

(Vedi anche Cipolle)

 

 

 

 

 

 

Lupo menaro

 

 

 

"Lupo Mannaro", licantropo

 

 

 

“Aoh, è notte de luna piena: nun usci' che giù ar funtanile da Brando c'è vije' 'r lupo menaro…”

 

 

 

 

 

 

Lusco

 

 

 

In Italiano con il significato di “Losco”, in dialetto “scuro”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per indicare una lusce incerta, sia all'alba, quando dalla notte si passa rapidamente alla luce del giorno, sia al crepuscolo, quando, tramontato il sole, si passa rapidamente dalla luce al buio della notte

 

 

 

Tra er lusco e er brusco …”

(Modo di dire)

 

(Vedi anche Brusco)