Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline,

editato, redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "C" (continua)

Cuc-Cur

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

 

A | B | C | D | E | F | G

 

I | J | L | M | N | O | P

 

Q | R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

“C

 

 

come Cucchiara

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cac

 

 

 

Cag-

-Cal

 

 

 

Cam-

-Can

 

 

 

Cap

 

 

 

Car

 

 

 

Cas-

-Cat

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cav-

-Caz

 

 

 

Cca-

-Cer

 

 

 

Ces-

-Chi

 

 

 

Cia-

-Cib

 

 

 

Cic-

-Cin

 

 

 

Cio-

-Ciu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Coa-

-Com

 

 

 

Con-

-Cor

 

 

 

Cos-

-Cre

 

 

 

Cri-

-Cro

 

 

 

Cuc-

-Cur

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative

(e note)

 

 

 

Cucchiara

 

 

 

Cazzuola, strumento manuale del muratore, per  spalmare la malta tra le pietre o i mattoni

 

 

 

“Abbasta 'na cucchiara de carce pe' 'ttura' sto buco…”

 

(Vedi anche Cazzola)

 

 

 

Cucchiarino

 

 

 

Cucchiaino

 

 

 

(Vedi anche Cucchiaro)

 

 

 

 

 

 

 

Di persona incorsa in un incidente riportando conseguenze molto gravi

 

 

 

L’hanno riccorta cor cucchiarino…”

 

 

 

Cucchiaro

 

 

 

Cucchiaio

 

 

 

(Vedi anche Cucchiarino)

 

 

 

Cucchiarata

 

 

 

In cucina "cucchiaio" come misura, "una cucchiaiata"

 

 

 

Ce metti du' cucchiarate de zucchero e ggiri bbene…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cuccio

 

 

 

Giaciglio del lepre

 

 

 

(Vedi anche Covaccio)

 

 

 

 

 

 

Cucco

 

 

 

Cuculo, uccello noto per il suo parassitismo di cova e come specie particolarmente longeva

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona o cosa molto vecchia

 

 

 

C’ha l’anni der cucco…”

 

 

 

 

 

 

Cuccumella

Cuccumello

 

 

 

Piccolo recipiente per far bollire l’acqua, ad esempio del caffè

 

 

 

(Vedi anche Cuccumo, Cuccuma)

 

 

 

 

 

 

Cuccumo

Cuccuma

 

 

 

Recipiente che serviva per preparare il caffé o per far bollire il latte o delle uova

 

 

 

“Metti 'm po' su 'r cuccumo che se famo du' gocce de caffè…”

 

(Vedi anche Cuccumella, Cuccumello)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cucuzza

 

 

 

Zucca, la pianta

 

 

 

Bella cucuzza!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche per la testa

 

 

 

Me fa male la cucuzza!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona dura di comprendonio

 

 

 

S'è propio 'na cucuzza!…”

 

 

 

 

 

 

Cucuzzaro

 

 

 

Gioco in cui un bambino assumeva il ruolo di "Cucuzzaro" ed assegnava a ciascuno degli altri, detti "Cucuzze", un numero

 

Il Cucuzzaro cominciava a dire, ad esempio:

"Nel mio orto mancano DUE cucuzze (il numero era a suo piacere e veniva detto velocemente, a sorpresa)

La cucuzza con quel numero doveva subito rispondere:

"E perché DUE cucuzze?”

Il Cucuzzaro rispondeva:

"E quante se no?"

La Cucuzza a questo punto doveva dire un altro numero ma poteva scegliere in una sfida diretta anche "Tutto il Cucuzzaro", il quale a sua volta ne sceglieva un altro e così via in rapide serie di battute a domanda e risposta

 

Se la Cucuzza con il numero chiamato esitava e non rispondeva prontamente, doveva pagare un pegno

 

 

 

"All'orto mio mancheno DU' cucuzze!"

"E perché DU' cucuzze?"

"E quante sinnò?"

"SEI cucuzze!"


"E perché SEI cucuzze?"

"E quante sinnò?"

"Tutt'er cucuzzaro!"


"E perché tutt'er cucuzzaro?"


"E quante sinnò?"

 

 

 

 

 

 

Cucuzzella

 

 

 

Piccola zucca

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Zucchina

 

 

 

(Vedi anche Cucuzzòla)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cucuzzòla

 

 

 

Zucchina

 

 

 

(Vedi anche Cucuzzella)

 

 

 

 

 

 

Cugginello/-a

 

 

 

Cugino/-a di secondo grado

 

 

 

(Vedi anche Cuggino/-a, Frate cuggino)

 

 

 

 

 

 

Cuggino/-a

Frate cuggino

 

 

 

Cugino/-a di primo grado, cugino "carnale", figlio/-a di un fratello o sorella del genitore

 

 

 

(Vedi anche Cugginello/-a)

 

 

 

 

 

Culetto

 

 

 

Parte terminale della pagnotta del pane o di un salume - la più croccante o saporita

 

 

 

"Damm'er culetto che a me me piace de ppiù!"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Culo

 

 

 

Sedere, ano

 

 

 

(Vedi anche Chiappe)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il più classico degli insulti

 

 

 

Vaffanculo!…”

 

Ma vaffa n’culo!…”

"A brutto stronzo: si 'n te vai, li vaffanculi se sprecheno…”

 

“Vattala a pija' ‘n der culo!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prendere in giro

 

 

 

Me puzza tanto che 'sto fregno ce sta a pija' per culo…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona sfrontata, menzognera, senza vergogna, che "ha il coraggio di..."

 

 

 

C’ha la faccia come 'r culo…”

 

A faccia de culo!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona di cattivo umore

 

 

 

“Se vede che s’è svejato cor culo scoperto…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Essere nervoso

 

 

 

Lasseme perde che oggi me rode 'r culo…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Essere contrariato

 

 

 

E me ce rode pure 'r culo!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non farsene una pena, "è andata così", "chi se ne importa"

 

 

 

Evvabbeh...: ciccia ar culo!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di gente "provinciale", nel senso di ignorante e rozza

 

 

 

“Culo che nun vide mai camicia, quanno la vide se ne fece risa!…”

(Proverbio popolare)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cupella

 

 

 

Barilotto

 

 

 

“Donna arta ‘na cupella regge quarsiasi cappella…”

(Detto popolare)

 

 

 

 

 

 

Cupello

 

 

 

Alveare, arnia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nell'espressione "per colpa di una sola persona vengono coinvolti in molti"

 

 

 

Pe’ ‘na lapa ce và de’ mezzo tutt'er cupello!…”

(Detto popolare)

 

 

 

 

 

 

Cupetta

 

 

 

Viottolo di campagna scavato nel tufo e con ricca vegetazione, così che il sole vi penetra con difficoltà (da "cupo", scuro, ombreggiato)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Curiolo

 

 

 

Laccio di cuoio