Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline,

editato, redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "C" (continua)

Cos-Cre

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

 

A | B | C | D | E | F | G

 

I | J | L | M | N | O | P

 

Q | R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

“C

 

 

come Cosciali

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cac

 

 

 

Cag-

-Cal

 

 

 

Cam-

-Can

 

 

 

Cap

 

 

 

Car

 

 

 

Cas-

-Cat

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cav-

-Caz

 

 

 

Cca-

-Cer

 

 

 

Ces-

-Chi

 

 

 

Cia-

-Cib

 

 

 

Cic-

-Cin

 

 

 

Cio-

-Ciu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Coa-

-Com

 

 

 

Con-

-Cor

 

 

 

Cos-

-Cre

 

 

 

Cri-

-Cro

 

 

 

Cuc-

-Cur

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative

(e note)

 

 

 

Cosciali

 

 

 

Pelli di capra o di cavallo che si legavano sopra i pantaloni per evitare di strapparli contro la fitta vegetazione

 

 

 

 

 

 

 

Coste

 

 

 

A Bracciano la strada che da “La Rinascente” arriva a “Santa Lucia-Cappuccini”, il cui nome significa “salita”

 

 

 

L'ho 'ntruppato su pe' le Coste…”

 

 

 

Cotozzo

 

 

 

Colpo piccolo ma molto doloroso e fastidioso, che i ragazzini si davano con la nocca del dito medio sulla testa

 

 

 

“Te do 'n cotozzo!…”

 

 

 

Cotta

 

 

 

Passione amorosa, innamoramento

 

 

 

Me so' ppijato 'na cotta pe’ Nina…”

 

 

 

 

 

 

 

Cottura, abbinandoci un numero si specifica quante cotture sono necessarie per completare una grossa quantità di cibo

 

 

 

La prima cotta l’ho fatta a mezzoggiorno, la seconda a le tre…”

 

 

 

 

 

 

 

Qualcosa eseguita senza alcun indugio

 

 

 

Qua!

Famola cott'e magnata…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Covaccio

 

 

 

Giaciglio del lepre

 

 

 

(Vedi anche Cuccio)

 

 

 

 

 

 

Covaccioni

 

 

 

Posizione di chi sta accovacciato

 

 

 

Mettete a covaccioni…”

 

(Vedi anche Accucciasse, Accucciato, 'Ccucciasse, 'Ccucciato)

 

 

 

 

 

 

Covannidolo

 

 

 

Ultimo nato di una covata di uccellini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per associazione il figlio più piccolo della famiglia

 

 

 

(Vedi anche Coannidolo)

 

 

 

 

 

 

Covata

 

 

 

Nidiata

 

 

 

C’hai li capelli che me parono ‘na covata de sorci…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Covaticcio

 

 

 

Aria viziata

 

 

 

“Apri 'm po' 'na finestra, ché c'è 'na puzza de covaticcio che se more…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luogo poco areato in cui sono presenti molte persone

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Crastica

 

 

 

Un uccello molto piccolo che vive tra i canneti del lago, dove fa il nido su ciuffi di cannucce sull'acqua: date le sue minuscole dimensioni viene usato come termine di paragone per esprimere "piccolezza" o "pochezza", sul lavoro (di rendimento molto basso), di appetito (che mangia molto poco) e anche di comprendonio (con un cervello molto piccolo)…

 

 

 

Se' più stupito de 'na crastica!…”

 

Se' peggio de 'na crastica!…”

 

Magni quante 'na crastica!…”

 

(Detti popolari)

 

 

 

 

 

 

Creatura

 

 

 

Neonato, bambino

 

 

 

È 'ncora ‘na creatura…”

 

Che bella creatura, diolobenedica!…”

 

 

 

 

 

 

Credenza

 

 

 

Mobile di cucina per le stoviglie, dal 1600 fino al Secondo Dopoguerra, anche "a muro"

 

Prima di allora nei grandi contesti sociali il cosiddetto "Maestro Credenziere" assaggiava i cibi serviti per "farne la credenza", tranquillizzare cioè che non fossero avvelenati, quindi creando "credenza" o affidamento sulla loro bontà: da cui prima la "stanza di credenza" sostituita poi in ambiti meno nobili e fastosi dall'omonimo mobile

 

 

 

Sei proprio ‘n credenzone!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona di imponente corporatura

 

 

 

Quanno ch'erimmio arpini sur Grappa c'ereno du' cristi grossi come du' credenze: 'nsomma uno se 'ncollò 'r cannone, 'n'antro l'ammunizzioni e io 'r mulo!…”

(Raccontato da "Checco" Morbidelli, già Capo Operaio della "Ditta G. Bresciani - Bracciano")

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Credenzone

 

 

 

Di persona ingenua che crede a tutto

 

 

 

Sei proprio ‘n credenzone!…”

 

(Vedi anche Bocco', Boccone)  

 

 

 

 

 

 

Crepa'

 

 

 

Morire

 

 

 

Me sento crepa'…”

 

(Vedi anche Crepacore)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di sensazione di sazietà e difficoltà di digestione

 

 

 

'Mmazza quant'ho mmagnato: mo’ crepo!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Morire" ad esempio dalle risate  

 

 

 

Me fà crepa' da le risate!…”

 

(Vedi anche Sbellicasse, Sgujasse, Spancottasse, Spanzasse, Spisciasse)

 

 

 

 

 

 

Crepacore

 

 

 

Dolore così grande da spaccare il cuore, infarto cardiaco provocato da tale dolore

 

 

 

Me farai morì de crepacore!…”

 

 

 

 

 

 

Cresta

 

 

 

Appropriazione indebita di una parte di qualcosa che non appartiene

 

L'espressione “fare la cresta”, cioè "truffare" attraverso una impropriazione, se pur marginale, ma indebita, deriva dalla pratica di cogliere l’uva ancora acerba ricavandone un succo chiamato “agresto” per il vino destinato ai contadini: questi, per migliorarne il gusto, all'insaputa del proprietario terriero  aggiungevano alla loro vendemmia anche di quell’uva ben matura riservata al vino del padrone, da cui l’inganno chiamato appunto “fare 'l’agresto'” poi con il tempo deformatosi in “fare 'la cresta'

 

 

 

Fà la cresta su la spesa…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Espressione per dire a una persona di tacere

 

 

 

J’ho fatto abbassa' la cresta…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di raccolta di quei grappoli d’uva che si preferiva lasciare sulla vite al momento della vendemmia, o perché poco matura o perché di scarsa qualità, rimandandone la raccolta di qualche settimana, così da effettuare una seconda piccola vendemmia mediante l’uso del cosiddetto “cazzaccio” e del “bigonzo”

 

 

 

(Vedi anche Cazzaccio, Bigonzo, Pistarola