Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline,

editato, redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "C" (continua)

Con-Cor

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

 

A | B | C | D | E | F | G

 

I | J | L | M | N | O | P

 

Q | R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

“C

 

 

come Concallato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cac

 

 

 

Cag-

-Cal

 

 

 

Cam-

-Can

 

 

 

Cap

 

 

 

Car

 

 

 

Cas-

-Cat

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cav-

-Caz

 

 

 

Cca-

-Cer

 

 

 

Ces-

-Chi

 

 

 

Cia-

-Cib

 

 

 

Cic-

-Cin

 

 

 

Cio-

-Ciu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Coa-

-Com

 

 

 

Con-

-Cor

 

 

 

Cos-

-Cre

 

 

 

Cri-

-Cro

 

 

 

Cuc-

-Cur

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative

(e note)

 

 

 

Concallato

 

 

 

Infiammato, arrossato, prevalentemente di alcune parti del corpo

 

 

 

A forza de’ cammina', te se concalleno li piedi  …”

 

“È da stamatina che sto seduto: me se so’ concallate le chiappe…”

 

 

 

Concia'

 

 

 

Acconciare, usato in frasi minacciose che precludono alle "botte", cioè una rissa o una punizione 

 

 

 

Vije' qua che te concio pe’ le feste!…”

 

Quanno te pija tu patre te concia pe’ le feste…”

 

 

 

Concolina

 

 

 

Catino, bacinella

 

 

 

(Vedi anche Catinella)

 

 

Conni'

Connito

 

 

 

Condire

 

 

 

Marì, connisci la pasta ch'arivo…”

 

 

 

 

Modo di dire per "c’è più poco da fare", "sei spacciato"

 

 

 

“Se' bello che connito…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Conocchia

 

 

 

Pettinatura femminile, ciuffo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Coppa

 

 

 

L’insieme delle parti callose del maiale, cotte in acqua aromatizzata e pressate

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona grassa

 

 

 

È 'n rotolo de’ coppa…”

 

 

 

 

 

 

Coppietta

 

 

 

Coppia di fidanzatini

 

 

 

“Che bella coppietta!…”

 

 

 

 

 

 

Coppiette

 

 

 

Carne cruda equina o suina, aromatizzata, fatta a strisce e legata a coppie (da cui il nome), messa quindi a seccare per alcuni giorni a cavallo di una canna davanti al camino acceso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Coppone

 

 

 

Grosso scappellotto

 

 

 

(Vedi anche Boccatone, Cinquina, Cazzotto)

 

 

 

 

 

 

Coratella

 

 

 

Pietanza tradizionale, con le interiora dell’"abbacchio" o agnello cucinate in padella con cipolla e carciofi, che si mangiava la mattina di Pasqua

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Corca'

 

 

 

Spintonare, forzare a terra, sdraiare un animale o una persona

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Minaccia

 

 

 

Mo’ te corco de botte!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Imprecazione

 

 

 

Che te corchi ‘n furmine! …”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Corcasse

 

 

 

Distendersi, coricarsi

 

 

 

Pe ripara' 'r sifone j'è toccato a corcasse sotto e' lavandino…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Andare al letto

 

 

 

So’ stanco: me ne vad'a corcamme…”

 

 

 

 

 

 

Cordello

 

 

 

Filari di covoni messi a seccare

 

 

 

(Vedi anche Barcone, Gregna)

 

 

 

 

 

 

Coroja

 

 

 

Canovaccio che le donne attorcigliavano duramente a forma di ciambella sulla testa per poter trasportare più facilmente ceste di bucato alla fontana pubblica, brocche di acqua attinta alle fontane, sacchi di ortaggi, tavole con le pagnotte di pane da cuocere e cotte al forno a legna

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Corpo

 

 

 

Pronunciato con la prima "o" chiusa è "colpo" e significa "ictus", appunto già detto "colpo apoplettico"

 

 

 

Com’è morto?

J’è preso ‘n corpo…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Imprecazione

 

 

 

Che te pija ‘n corpo!…”

 

(Vedi anche Accidente)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Corpo

 

 

 

Pronunciato con la prima "o" aperta ha il medesimo significato della parola italiana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Soffrire di stitichezza

 

 

 

Nun vado de’ corpo da tre ggiorni…”

 

 

 

 

 

 

Corriera

 

 

 

In Italiano l’autoveicolo che trasportava posta e passeggeri, ma a Bracciano veniva chiamato così qualsiasi autobus di linea

 

 

 

“Me tocc'arzamme presto, ché c'ho da pija' la corriera pe' Canale…”