Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline,

editato, redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "C" (continua)

Cio-Ciu

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

 

A | B | C | D | E | F | G

 

I | J | L | M | N | O | P

 

Q | R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

“C

 

 

come Ciocco

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cac

 

 

 

Cag-

-Cal

 

 

 

Cam-

-Can

 

 

 

Cap

 

 

 

Car

 

 

 

Cas-

-Cat

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cav-

-Caz

 

 

 

Cca-

-Cer

 

 

 

Ces-

-Chi

 

 

 

Cia-

-Cib

 

 

 

Cic-

-Cin

 

 

 

Cio-

-Ciu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Coa-

-Com

 

 

 

Con-

-Cor

 

 

 

Cos-

-Cre

 

 

 

Cri-

-Cro

 

 

 

Cuc-

-Cur

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative

(e note)

 

 

 

Ciocco

 

 

 

Di persona pesante, poco atletica o che comunque non fa molto movimento, sedentaria, anche in senso di non vivace

 

 

 

È ‘n ciocco!…”

 

 

 

Cioccolata

squaijata

 

 

 

La oggi famosissima Nutella nasce solo nel 1964, per cui prima di allora a Bracciano si consumava la così detta “cioccolata squaijata”, conservata in grossi barattoli piatti simili a quelli del tonno: il "Pizzicarolo" la estraeva con una "cucchiarella" di legno e la pesava su una carta oleata

 

 

 

 

 

 

 

Ciocia

 

 

 

La tradizionale calzatura laziale di fatto non legata ad alcun preciso contesto folklorico o territorio, adottata anche nell'ex Regno delle Due Sicilie e addirittura di origine balcanica (la si ritrova in Albania, Grecia, Macedonia e Cosovo), oggi, "per tradizione popolare" più romanesca e sublacense, specifica della Marsica e Sud-Pontino, con varianti in "zampitti" e "sciòscio" ancora più a sud

 

 

 

 

 

 

 

Ciociaro

 

 

 

Ciociari venivano chiamati gli abitanti della Ciociarìa o Ciocerìa, parte del Lazio Sud-Orientale mai ben specificata.

 

Solo durante il Ventennio Fascista il nome viene infatti usato come sinonimo della Provincia di Frosinone

 

 

 

Er bisnonno materno de Luciano, Cammillo, era Ciociaro, de' quelli veri ancora cor fazzoletto ar collo e l'orecchini: veniva a Bracciano a venne oijo e vino cor carro da bovi a' du' rote grosse e sotto una ve ce cascò e rimase sotto prima che la fija era stata partorita, poretto…”

 

 

 

Ciocio

 

 

 

Nel linguaggio dei bambini, il maiale

 

 

 

Lo vedi 'r ciocio quant’è grasso?…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ciola

 

 

 

Di persona che in una discussione non replica alle osservazioni mossegli ammettebdo tacitamente di aver torto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ciola

 

 

 

Nell'espressione "mettere la coda fra le gambe"

 

 

 

Ha fatto ciola…”

 

 

 

 

 

 

Cionca'

 

 

 

Tagliare di netto, troncare

 

 

 

Te cionco le mano…”

 

 

 

 

 

 

Cionna

 

 

 

Di donna pigra, scansafatiche

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cioppolo

 

 

 

In Italiano "Lippa", gioco che consisteva nell’alzare da terra con un bastone di circa un metro un legnetto tondo appuntito alle due estremità: una volta in aria, bisognava colpirlo al volo, vincendo ovviamente chi lo lanciava più lontano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ciovetta

 

 

 

Ragazza che si mette in mostra per richiamare su di se le attenzioni dei ragazzi

 

 

 

Chiudi 'm po' quella finestra e smettala de fa' la ciovetta!…”

 

 

 

 

 

 

Cipolla

 

 

 

Inciampo, incespico

 

 

 

“Ho preso ‘na cipolla e so' cascato…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alluce valgo, deformazione ossea del piede con l'allontanamento della testa del primo metatarso dalle altre,  protuberanza

 

 

 

“Er Sor Checco ce soffre de cipolle: figurete che pe' potecce cammina' su li scarponi  c'ha dovuto fa 'na bella ntacca pe pparte…”

 

 

 

 

 

 

Ciriola

 

 

 

Pane bianco tipo “baguette” francese

 

 

 

Famme 'n po' 'na mezza cirioletta co' du' fette de mortatella…”

 

(Vedi anche Rosetta)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Piccola anguilla

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cispatano

 

 

 

Dialetto dell’Italia Settentrionale, "Cispadano", ma anche più in generale di dialetto o lingua sconosciuti o difficili da comprendere

 

Il prefisso "cis" - dal Latino cis - "dalla stessa parte" o "al di quà di", contrario trans, "dalla parte opposta" o "al di là di"

 

Alcuni esempi: Gallia "Cis-alpina", al di quà delle Alpi e quindi Italica, e "Trans-alpina", al di là di esse, viste dall'Italia, e ancora, la Repubblica "Cis-padana", giacobina del 1796, madre del tricolore, e quella "Trans-padana", ovvero ai nostri giorni, i geni a configurazione "cis" e "trans" nel genoma, a seconda che la posizione spaziale dei legami molecolari sia sul filamento positivo o negativo del DNA

 

 

 

“Io ‘sto cristiano nu lo capisco, parla cispatano: senti m po’ tu che vò…”

 

“Aoh, nun me parla' cispatano!…”

 

 

 

 

 

 

Ciuccasse

 

 

 

Stordirsi, prendere un’insolazione

 

 

 

“A lavora' ggiù pe la campagna sott'er sole, me so’ ciuccato…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ubriacarsi, prendere una sbornia con tutti i sacramenti

 

 

 

“Ammazza che vinello: me so' bbevuto solo 'n paro de bicchieri, ma, aoh, me so' ciuccato!…”

 

 

 

 

 

 

Ciuccia'

 

 

 

Succhiare

 

 

 

“Vedi come ciuccia er fijarello…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche nel senso di sperperare rapidamente il denaro di cui si dispone

 

 

 

“C'è la moije poraccia ch'è disperata: nun fa attempo a pija' la paga 'r venerdì, che'r sabbato già se l'è ciucciata…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ciucco

 

 

 

Di persona ubriaca, stanca sfinita

 

 

 

So' ciucco…”

 

(Vedi anche Arivato, Cotto, Lesso)

 

 

 

 

 

 

Ciufeca

 

 

 

Di vino, caffè o bevanda in generale dal sapore sgradevole

 

 

 

'N se pò beve: è ‘na ciufeca…”

 

 

 

 

 

 

Ciuffa

 

 

 

Treccia di capelli arrotolata sulla nuca della donna

 

 

 

“Damme ‘na mano a rifa' la ciuffa, che me s’è sciorta…”

 

 

 

 

 

 

Ciufolo

 

 

 

Zufolo, flauto artigianale di canna

 

 

 

(Vedi anche Piffero)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nell'espressione "non ci credo", "suonane un'altra di melodia, questa non attacca!"

 

 

 

Sì, 'n ciufolo!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ciurcinato

 

 

 

Derelitto, poveraccio

 

 

 

“Ho ‘ncontrato 'm poro ciurcinato…”