Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline,

editato, redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "C" (continua)

Cia-Cib

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

 

A | B | C | D | E | F | G

 

I | J | L | M | N | O | P

 

Q | R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

“C

 

 

come Ciafregno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cac

 

 

 

Cag-

-Cal

 

 

 

Cam-

-Can

 

 

 

Cap

 

 

 

Car

 

 

 

Cas-

-Cat

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cav-

-Caz

 

 

 

Cca-

-Cer

 

 

 

Ces-

-Chi

 

 

 

Cia-

-Cib

 

 

 

Cic-

-Cin

 

 

 

Cio-

-Ciu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Coa-

-Com

 

 

 

Con-

-Cor

 

 

 

Cos-

-Cre

 

 

 

Cri-

-Cro

 

 

 

Cuc-

-Cur

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative

(e note)

 

 

 

Ciafregno

 

 

 

Di persona non conosciuta e difficile da descrivere

 

 

 

“So ‘nnato ‘n banca e m’ha servito ‘n ciafregno novo…”

 

 

 

Ciafregnolo

 

 

 

Diminutivo di ciafregno 

 

 

 

 

 

 

 

Ciammellone

 

 

 

Ciambellone, dolce tradizionale, tipo Pan di Spagna, di forma circolare con un buco al centro

 

 

 

 

 

 

Ciampica'

 

 

 

Inciampare

 

 

 

 

 

 

 

Ciampica-

ciocchi

 

 

 

Di persona d’incerta deambulazione o handicappato agli arti inferiori

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ciampichetta

 

 

 

Sgambetto

 

 

 

Quello stronzo de Angelino m'ha fatto la ciampichetta e m'ha fatto casca'…

 

(Vedi anche Cianchetta)

 

 

 

 

 

 

Ciampicone

 

 

 

Storta, distorsione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cianche

 

 

 

Gambe

 

 

 

“Cianca rivorta

cascò pe’ le scale

e nun se fece male;

ce cascò n’arta vorta

e se ruppe la capoccia…”

(Cantilena per bambini)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Avere le gambe storte

 

 

 

C’ha le cianche storte…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Morire

 

 

 

Stira' le cianche…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Avere una brutta grafia

 

 

 

Scrive a cianche de’ gallina…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cianchetta

 

 

 

Sgambetto

 

 

 

(Vedi anche Ciampichetta)

 

 

 

 

 

 

Ciancica'

Ciancicato

 

 

 

Masticare a lungo

 

 

 

Ammazza si 'sta carne  è ddura: ciancica ciancica ma nun vò 'nna' ggiù…”

 

 

 

 

 

 

 

Sgualcire, sgualcito

 

 

 

Piega bbene quer giacchetto che te se ciancica tutto…”

 

“Stireme ‘sta camicia ch'è tutta ciancicata…”

 

 

 

 

 

 

 

Non saper tenere un discorso o parlare in un modo incomprensibile

 

 

 

Ha ciancicato du' parole e se n'è ito…”

 

 

 

 

 

 

Ciancica-

gnocchi

 

 

 

Di persona con difficoltà di parola

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ciavatta

 

 

 

Pantofola, ciabatta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di una persona cui non è rimasto nulla

 

 

 

È rimasto co’ ‘na scarpa e na’ ciavatta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di un forestiero arrivato a Bracciano con pochi mezzi economici, poi arricchitosi sul posto ed ora borioso: espressione un po' di disprezzo e unpo' di invidia

 

 

 

È 'rrivato co’ ‘na scarpa e ‘na ciavatta…”

 

(Vedi anche Bordacchè)

 

 

 

 

 

Ciavattoni

 

 

 

Formato di pasta tipo Paccheri

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cibbasse

 

 

 

Sopportare pazientemente la compagnia non gradita di una persona ovvero un discorso noioso, come, ad esempio, la predica in chiesa troppo lunga e risentita

 

 

 

Mo lo so’ ddovuto cibba' pe’ du’ ore…”