Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline,

editato, redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "C" (continua)

Cca-Cer

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

 

A | B | C | D | E | F | G

 

I | J | L | M | N | O | P

 

Q | R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

“C

 

 

come 'Ccatta'

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cac

 

 

 

Cag-

-Cal

 

 

 

Cam-

-Can

 

 

 

Cap

 

 

 

Car

 

 

 

Cas-

-Cat

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cav-

-Caz

 

 

 

Cca-

-Cer

 

 

 

Ces-

-Chi

 

 

 

Cia-

-Cib

 

 

 

Cic-

-Cin

 

 

 

Cio-

-Ciu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Coa-

-Com

 

 

 

Con-

-Cor

 

 

 

Cos-

-Cre

 

 

 

Cri-

-Cro

 

 

 

Cuc-

-Cur

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative

(e note)

 

 

 

'Ccatta'

 

 

 

Andare elemosinando

 

 

 

Nun fa artro che anna' 'ccattanno da la matina a la sera…”

 

(Vedi anche Accatta', Accattone)

 

 

 

'Cciacca'

 

 

 

Schiacciare

 

 

 

Vado a ‘cciacca' 'm po' de noci  …”

 

 

 

 

 

 

 

Pestare

 

 

 

M’hai ‘cciaccato li piedi…”

 

 

 

 

 

 

Stirare sommariamente o alla svelta un indumento

 

 

 

J’ho dato ‘na ‘cciaccata

 

 

 

 

 

'Ccucciasse

'Ccucciato

 

 

 

Accovacciarsi, accovacciato

 

 

 

'Ccuccete che te vedeno…”

 

(Vedi anche Accucciasse, Accucciato, Covaccioni)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cecagna

 

 

 

Sonnolenza, pesantezza sugli occhi

 

 

 

Doppo pranzo m’è presa ‘na cecagna che m'è toccato ‘nna a dormì …”

 

 

 

 

 

 

Cecalone

 

 

 

Di persona che ci vede poco

 

 

 

(Vedi anche Guercio, Quattrocchi)

 

 

 

 

 

 

Ceciarelli

 

 

 

Piccole bacche sferiche acerbe di ligustro - poco più grandi, blù-nerastre e tossiche quando mature - o di piante rampicanti: per i monelli del Secondo Dopoguerra "munizioni" da inserire all’interno di cannelli di canna o tubi in cui soffiare con veemenza per lanciarle

 

 

 

(Vedi anche Cerbottana)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cecio

 

 

 

Cece

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non saper mantenere un segreto

 

 

 

Nun se sà tene' ‘n cecio ‘m bocca…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Presentarsi al momento giusto, arrivare a proposito

 

 

 

Capiti proprio a cecio…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rammendo grossolano, ad esempio di un calzino (sì, una volta le calze si rammendavano e rammendi fatti male o esagerati facevano poi male nelle scarpe!)

 

 

 

Questo nun è ‘n punto: è ‘n cecio!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Brillante di fidanzamento

 

 

 

“J’ha fatto ‘n cecio grosso così…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Morire

 

 

 

È ‘nnat'a fa’ la terra pe’ li ceci…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cecolino

 

 

 

Foruncolo, infezione suppurativa del follicolo pilifero

 

 

 

(Vedi anche Pedicello)

 

 

 

 

 

 

Cecolinoso

 

 

 

Di persona affetta da acne giovanile

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Celletto

 

 

 

Passero, uccellino

 

 

 

Stasera giù al lago era pieno de celletti…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Organo sessuale del maschietto

 

 

 

Sta' attente ch'er gatto nun te se magna er celletto…”

 

 

 

 

 

 

Celletti

 

 

 

Dolci a forma di uccellini, realizzati con la pasta avanzata delle Pizze di Pasqua: cotti al forno, erano guarniti con confettini colorati e venivano regalati ai maschietti, mentre alle femminucce si davano le "catane"

 

 

 

(Vedi anche Pizza di Pasqua, Catane)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cencio

 

 

 

Diminutivo di Vincenzo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Straccio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Centopelle

 

 

 

Parte della trippa che corrisponde all’omaso del bovino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ceppara

 

 

 

Ceppaia, soprattutto di castagno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerasa

 

 

 

Ciliegia

 

 

 

“Sora Cammi', ve do' du chili de cerase bbone?…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerbottana

 

 

 

Una vera arma da lancio ad aria, un tubo di piccolo diametro di lunghezza variabile, in una estremità del quale il tiratore, gonfiate le guance, soffia con rapidità e violenza forzando l'uscita del proiettile o dardo dall'altra

 

I bambini nei loro giochi usavano un cannello di canna o un tubo metallico nel quale inserivano dei "ceciarelli" o un "cartoccetto"

 

 

 

(Vedi anche Cartoccetto, Ceciarelli)

 

 

 

 

 

 

Cerino

 

 

 

Fiammifero di dimensioni tascabili con piccolissimo fusto in cotone o in carta ritorta, intriso di cera, e capocchia incendiaria

 

 

 

C’ha' ‘n cerino?…”

 

(Vedi anche Minerva, Prospero)

 

 

 

 

 

 

Cerne

 

 

 

Dal Latino "secernere", separare, spaccare, come nella frase “ho una fame che mi si spacca", nel senso di “non ci vedo più dalla fame”

 

 

 

C’ho ‘na fame che me se cerne…”

 

 

 

 

 

 

Cerotto

 

 

 

Di persona cagionevole di salute che si ammala spesso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerqua

 

 

 

Quercia

 

 

 

(Il Latino Volgare Cer-qua si evolve da quello classico per cosiddetta "metatesi" dal Latino Classico Quer-cus per poi di nuovo diventare in Italiano moderno Quer-cia.

 

La metatesi - dal Greco meta, dopo, oltre, e thesis, atto del porre, cioè trasposizione o scambio - è  in linguistica la figura grammaticale del cambiamento di posto di singole lettere o sillabe all'interno di una parola.

 

Anche se rimane da Nord a Sud come cognome, il termine è tipicamente campano e laziale - Casertano e Frusinate - simbolo di forza sia fisica che morale, così anche nella tradizione cristiana e precisamente  nell'antico culto della "Madonna della Cerqua", uno dei cui Santuari a Viterbo.)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cervione

 

 

 

In italiano Cervone, un serpente di grosse dimensioni, ma non velenoso