Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline,

editato, redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "C" (continua)

Cav-Caz

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

 

A | B | C | D | E | F | G

 

I | J | L | M | N | O | P

 

Q | R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

“C

 

 

come Cavacecio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cac

 

 

 

Cag-

-Cal

 

 

 

Cam-

-Can

 

 

 

Cap

 

 

 

Car

 

 

 

Cas-

-Cat

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cav-

-Caz

 

 

 

Cca-

-Cer

 

 

 

Ces-

-Chi

 

 

 

Cia-

-Cib

 

 

 

Cic-

-Cin

 

 

 

Cio-

-Ciu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Coa-

-Com

 

 

 

Con-

-Cor

 

 

 

Cos-

-Cre

 

 

 

Cri-

-Cro

 

 

 

Cuc-

-Cur

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative

(e note)

 

 

 

Cavacecio

 

 

 

Portare qualcuno sulle spalle

 

 

 

'N’amo che te porto a cavacecio…”

 

(Vedi anche Cavaloio, Cavarcioni)

 

 

 

Cavaloio

 

 

 

Modo di portare un bambino sulle spalle

 

 

 

Monta che papà te porta a casa a cavaloio…”

 

(Vedi anche Cavacecio, Cavarcioni)

 

 

 

Cavarcioni

 

 

 

Sedersi a cavallo di qualcosa, come un ramo o un muretto

 

 

 

Nun te preoccupa' che nun casco: me metto a cavarcioni…”

 

 

 

 

 

 

 

Portare una persona sulle spalle

 

 

 

S’era fatto male e me lo so' dovuto porta' a casa a cavarcioni…”

 

(Vedi anche Cavacecio, Cavaloio)

 

 

 

Cavola

 

 

 

Rubinetto della botte per spillare il vino, anche nel senso di Osteria

 

 

 

“'Nnamo su a li Monti che oprono 'na cavola nova!  …”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cazzabbubbolo

 

 

 

In italiano "Cazzabubolo" è un dispregiativo per indicare una persona goffa, buffa o un uomo sciocco e presuntuoso

 

 

 

“'Sto fregno è propio 'n   cazzabbubbolo!…”

 

 

 

 

 

 

Cazzaccio

 

 

 

Bastone di legno a tre punte per pigiare l'uva direttamente nei bigonci - e non con i piedi nella “pistarola” - durante una seconda e più modesta vendemmia, chiamata “cresta”, di quei grappoli lasciati sulla vite durante la prima o per scarsità di chicchi o per altra scadente qualità

 

 

 

(Vedi anche Cresta, Bigonzo, Pistarola)

 

 

 

 

 

Cazzaro

 

 

 

Di persona che scherza sempre o poco affidabile

 

 

 

“A Nico', nun te ce facevo tanto cazzaro!…”

 

(Vedi anche Cazzone)

 

 

 

 

 

 

Cazzarola

 

 

 

Tegame di medie dimensioni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Interiezione di disappunto

 

 

 

“Eh cazzarola!…”

 

(Vedi anche Cazzo)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cazzeggia'

 

 

 

Scherzare, andare in giro senza meta e senza fine, non concludere niente

 

 

 

“Oggi nun ho fatto artro che cazzeggia'!…”

 

 

 

 

 

 

Cazzimperio

 

 

 

Pinzimonio, anche "zalimperio" o "cacimperio", è una salsa a crudo con olio d'oliva, sale e pepe, in cui intingere ortaggi crudi come ad sempio sedano, carote e carciofi, molto probabilmente dall'Italiano arcaico "cazza" per mestolo

 

 

 

(Vedi anche Cazzo)

 

 

 

 

 

Cazzo

 

 

 

Letteralmente creduto sinonimo di "Pene", parola anche italiana di origine dialettale e carattere decisamente popolare, qui però non forma oscena del termine anatomico, quanto libera espressione di compiacimento ed eccessività, rafforzativo emotivo, colorito o enfatico, di uso sempre più diffuso in tutta Italia: ha il suo omologo femminile in "fica" o "figa"

Etimologicamente derivato della parola "cazza" o mestolo, dal Latino cattia, presente in molti dialetti - romanesco, lombardo e altri - anche nella originaria forma femminile, come in espressioni "un fastidio della cazza", da noi corrispondente al più comune e volgare epiteto di "rompicazzo"

 

 

 

“Eh che cazzo!…”

“Cazzo che culo!…”

 

(Vedi anche Cavolo, Cazzarola, Fica, Rompicazzo)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lasciare qualcuno in pace

 

 

 

“E nun rompe er cazzo!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Farsi i fatti propri, non intromettersi in quelli degli altri

 

 

 

“Tu fatte li cazzi tua!…”
 

(Vedi anche 'Mpicciasse)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel senso di "non valer la pena"

 

 

 

“E va bbe', ma si è così allora è tutto 'n cazzo!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cazzola

 

 

 

Cazzuola, strumento manuale del muratore, per  spalmare la malta tra le pietre o i mattoni

 

 

 

“Damme 'na cofanata de carce  e 'na cazzola!…”

 

(Vedi anche Cucchiara)

 

 

 

 

 

 

Cazzone

 

 

 

Di persona inaffidabile, poco seria

 

 

 

(Vedi anche Cazzaro)

 

 

 

 

 

Cazzotto

 

 

 

Pugno

 

 

 

“Te do 'n cazzotto che te stenno!…”

 

(Vedi anche Boccatone, Cinquina, Coppone)