Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline,

editato, redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "C" (continua)

Cas-Cat

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

 

A | B | C | D | E | F | G

 

I | J | L | M | N | O | P

 

Q | R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

“C

 

 

come Casaccio 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cac

 

 

 

Cag-

-Cal

 

 

 

Cam-

-Can

 

 

 

Cap

 

 

 

Car

 

 

 

Cas-

-Cat

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cav-

-Caz

 

 

 

Cca-

-Cer

 

 

 

Ces-

-Chi

 

 

 

Cia-

-Cib

 

 

 

Cic-

-Cin

 

 

 

Cio-

-Ciu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Coa-

-Com

 

 

 

Con-

-Cor

 

 

 

Cos-

-Cre

 

 

 

Cri-

-Cro

 

 

 

Cuc-

-Cur

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative

(e note)

 

 

 

Casaccio

 

 

 

Alla rinfusa, così come capita, come viene viene, senza pensarci troppo, senza perderci tempo

 

 

 

Stamatina me so' vestito a casaccio…”

 

(Vedi anche Sanfaisò, Sinfasò)

 

 

 

Casca'

 

 

 

Cadere

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona debole, che non si regge dritto in piedi, ma anche di chi non abbia, più che forza, voglia di lavorare

 

 

 

Casca e penne!…”

 

 

 

 

 

 

 

Avvertimento minaccioso per dire "non provarci nemmeno!"

 

 

 

“Co' me caschi male!…”

 

 

 

 

 

 

 

Di situazione in cui qualsiasi scelta si faccia è sbagliata e se dovranno inevitabilmente pagare le conseguenze

 

 

 

“Qui come caschi, caschi male!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Al contrario, di scelta tra alternative tutte favorevoli ed appaganti

 

 

 

“'N te preoccupa': come caschi, caschi bene!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commettere un errore, prendere una "fregatura", lasciarsi convincere a fare qualcosa di cui poi ci si pente

 

 

 

Ce so cascato ‘na vorta e nun ce casco più!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Passare da una brutta situazione ad una ancora peggiore

 

 

 

È cascato da la padella su la brace!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona a cui è andata bene una qualche cosa, ad esempio il matrimonio

 

 

 

C'ha'vuto culo: è cascato bene!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Avere voglia o bisogno di dormire

 

 

 

“Pora creatura, portala a letto: nu lo vedi che casca dar sonno?…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Venire delusi o tediati da qualcuno

 

 

 

Aoh, appen'apre bocca me cascheno le brache!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Casengo

 

 

 

Di persona che preferisce stare in casa piuttosto che uscire

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Casereccio

 

 

 

Di tutto quanto fatto in casa, specialmente di alimenti e cibi, come ad esempio a pagnotta del pane, ed in senso positivo di "genuino"

 

 

 

Bbono 'sto pane casereccio…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se invece riferito ad arnesi e macchinari, ovvero oggetti di uso quotidiano e certi abiti, acquistava un senso leggermente negativo, di "fatto alla meglio", dozzinale

 

 

 

T’ho fatto ‘na modifica ‘n po’ casereccia, ma dovrebbe funziona' lo stesso…”

 

“Certo però che pe' quello che l'ha' pagato er taijo de 'sto vestito me rimane casereccio, e manco poco: tanto valeva che to lo facevi a casa, armeno rispambiavi…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In senso positivo di persona semplice, alla mano, familiare, che non si spaccia per quello che non è, non si da arie (riferendo alla genuinità e bontà del pane fatto in casa, espressione di genuina cultura contadina)

 

In senso negativo - cronologicamente più tardo - di persona sempliciotta, che non ha studiato, che non ha visto il mondo e quindi non sa comportarsi né esprimersi (per marcare la differenza "culturale tra gente di paese o di provincia e gente di città, termine di moda con l'avvento dell'industrialismo, quando cioè chi ha i soldi acquista roba "comprata", mentre chi non li ha se la continua a fare da solo in casa)

 

Interessanti queste inversioni di tendenza: ad esempio, la plastica, dopo aver fatto piazza pulita in casa di tutti gli antichi materiali naturali - legno, rame, ferro, pietra, ceramica... - come icona di modernità e ambito simbolo di emancipazione e "lusso", viene oggi invece ridimensionata a quel materiale "povero" che è (soprattutto di cultura!) riconsiderando i "vecchi" materiali fino a definirli "chic"...

 

 

 

È 'n tipo casereccio…”

 

 

 

 

 

 

Cassamortaro

 

 

 

Becchino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Castagne

da morto

 

 

 

Semi non commestibili dell’Ippocastano o Castagno d'India, di colore bruno lucido anche detti "castagne matte", di sapore amaro e di odore molto sgradevole se cotti, un po' tossici e quindi non commestibili

 

Grandi piante come queste facevano parte del luogo di giochi per eccellenza, il Giardino Pubblico al centro del Paese, fornendo abbondante materiale "bellico" per le numerosissime battaglie tra piccole bande di "munelli" appartenenti ai diversi Rioni, tra i cui i più temuti i "monticiani" del Rione Monti, sotto il Castello

 

 

 

“Aoh, sbrigateve a raccoije le castagne da morto e capatele grosse, che quanno spuntano je damo'r benvenuto!…”

 

 

 

 

 

 

Castra'

 

 

 

Castrare un animale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Incidere la buccia delle castagne con un coltello prima di arrostirle, per evitare che esplodano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Castrica

 

 

 

Di persona poco perspicace, anche in senso sarcastico

 

 

 

“È 'nteligente come ‘na castrica…”

 

“C’ha er cervello de’ ‘na castrica…”

 

 

 

 

 

 

Catafarco

 

 

 

Catafalco, detto anche di cosa ingombrante

 

 

 

“Mo lo voi leva' 'sto catafarco da mezzo li piedi, che 'gni vorta che passo ce ‘ntruppo…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Catana

 

 

 

Borsa in cuoio “tipo Tolfa”, dove i contadini che non rientravano a casa per il pranzo, mettevano gli alimenti da portarsi al lavoro nei campi

 

 

 

(Vedi anche Tascapane)

 

 

 

 

 

 

Catane

 

 

 

Dolcetti cotti al forno, a forma di borsa, con un uovo non sgusciato al centro e guarniti con confettini colorati, realizzati con la pasta avanzata delle Pizze di Pasqua, da regalare alle femminucce, mentre ai maschietti si davano i "celletti"

 

 

 

(Vedi anche Pizza di Pasqua, Celletti)

 

 

 

 

 

 

Catenaccio

 

 

 

Catena, lucchetto, serratura o semplicemente nel senso di chiudere

 

 

 

“'Si torni tardi, te metto er catenaccio e dormi pe' strada!…”

 

 

 

 

 

 

Caterba

 

 

 

Caterva

 

 

 

“Ma che vai a compralli a fa': ce ne so' na caterba!…”

 

 

 

 

 

 

Catinella

 

 

 

Catino, bacinella

 

 

 

(Vedi anche Concolina)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Catorcio

 

 

 

Qualsiasi cosa, ma maggiormente veicolo - automobile o motocicletta - vecchio, di brutta apparenza e mal funzionante

 

 

 

(Vedi anche Scatorcio)