Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline,

editato, redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "C" (continua)

Car

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

 

A | B | C | D | E | F | G

 

I | J | L | M | N | O | P

 

Q | R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

“C

 

 

come Carabbignere 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cac

 

 

 

Cag-

-Cal

 

 

 

Cam-

-Can

 

 

 

Cap

 

 

 

Car

 

 

 

Cas-

-Cat

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cav-

-Caz

 

 

 

Cca-

-Cer

 

 

 

Ces-

-Chi

 

 

 

Cia-

-Cib

 

 

 

Cic-

-Cin

 

 

 

Cio-

-Ciu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Coa-

-Com

 

 

 

Con-

-Cor

 

 

 

Cos-

-Cre

 

 

 

Cri-

-Cro

 

 

 

Cuc-

-Cur

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative

(e note)

 

 

 

Carabbignere

 

 

 

Carabiniere

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Persona autoritaria che controlla ogni cosa

 

 

 

“Fori è 'na pecora, cor marito è ‘n carabbignere…”

 

 

 

Caracca

 

 

 

Colpo violenta, pugno

 

 

 

“J'ho dato 'na caracca che l'ho spostato 'na metrata…”

 

(Vedi anche Cazzotto)

 

 

 

Caravina

 

 

 

Piccone

 

 

 

 

 

 

 

Carbonaro

 

 

 

Lavoratore del carbone

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il famoso "Omo nero" spesso usato per spaventare i bambini irrequieti, discoli o disobbedienti

 

 

 

“Aoh, guarda che si nu' la smetti te fò pija' dar carbonaro!…”

 

(Vedi anche Omo nero)

 

 

 

 

 

 

 

Figura portata ad esempio come persona sporca o dai vestiti lerci 

 

 

 

“E datte 'na lavata a'ste mano: me pari 'n carbonaro!…”

 

“A San Sirvestro 'r carbonaro se vortò la camicia e disse: ah, viva la faccia de la pulizzia!…”

(Detto popolare)

 

 

 

Carbonella

 

 

 

Carbone a pezzi minuti per stufette e scaldini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Modo di dire per "zero", "niente"

 

 

 

“Zero zero carbonella…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Carburo

 

 

 

Composto del carbonio è un sale dell'acetilene o del metano che a contatto con con acqua o acidi libera gas:  il "carburo" per antonomasia è quello di calcio, CaC2, usato prima delle torce elettriche, ad esempio dagli speleologi, per produrre l'acetilene ad alimentare le loro lampade (l'acetilene viene ancora oggi utilizzato nel cannello ossi-acetilenico, capace di temperature fino a 3000°C!)

 

A Bracciano i ragazzi lo usavano però per fare un gioco molto divertente, anche se estremamente pericoloso, causa di frequenti e gravi incidenti e quindi decisamente sconsigliabile!

Per la “Botta cor carburo” o “Er barattolo” si scavava una buchetta nel terreno, la si riempiva d’acqua e vi si versava un po’ di carburo, il tutto coperto e sigillato in fretta con un barattolo forato sul fondo e capovolto: al contatto con l’acqua, il carburo sprigionava rapidamente un tale volume di gas che solo a stento riusciva a fuoriuscire attraverso il piccolo foro, raggiungendo all'interno fortissima pressione, per cui, avvicinando da debita distanza una fiamma sopra il barattolo, il gas contenutovi esplodeva con inaudita violenza in una gran "botta", sollevando un gran polverone e facendo saltare in aria il barattolo ad altezze e/o distanze anche considerevoli

 

 

 

(Vedi anche Barattolo)

 

 

 

 

 

 

Carca

 

 

 

Calca di gente, folla

 

 

 

“Oggi ar mercato c'era 'na carca…”

 

 

 

 

 

 

Carcagno

 

 

 

Calcagno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Carciofoletto

 

 

 

Piccolo e tenero carciofo o cuore di carciofo, una primizia e delicatezza, spesso conservato in olio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona dall’atteggiamento rustico, campestre

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Carciofolo

 

 

 

Carciofo

 

 

 

“De contorno che te porto?…”

“Cell'ha' du' carciofoli a la giudìa?…”

 

(Vedi anche Giudìa)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di ragazzo o giovane dai comportamenti strani e non del tutto affidabili, insomma un tipo strano o addirittura sospetto

 

 

 

“To lo riccomanno - propio 'n ber carciofolo!…”

 

 

 

 

 

Cardìni

 

 

 

Le foglie carnose della pianta di carciofo che si cucinano in umido

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Careggia'

 

 

 

Trasportare qualcosa a più riprese

 

 

 

“Stamo a carreggia' tutto 'r ggiorno co' 'ste cassette - aoh, famme mette a sede du' seconni che mo l'accuso!…”

 

“M'è toccato a careggia' sei secchi d’acqua per bucato…”

 

 

 

 

 

 

Carestoso

 

 

 

Di commerciante esoso o di oggetto costoso

 

 

 

“Ammazza si s'è fatto carestoso 'r macellaro…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Carnovale

 

 

 

Carnevale

 

 

 

“A Carnovale, 'gni scherzo vale…”

(Proverbio popolare anche a significare "Non te la prendere!")

 

 

 

 

 

 

Carosa'

 

 

 

Tosare le pecore, ma anche ironicamente rasare o tagliare molto corti i capelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Carosata

 

 

 

Taglio di capelli "estivo" o esageratamente corto

 

 

 

“Ammazza che carosata che t'hanno dato 'sta vorta…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Eccessiva potatura di piante e siepi o taglio dell'erba di un prato

 

 

 

“J'ho dato 'na carosata ar praticello, sinnò me tocca taijallo 'gni giorno…”

 

 

 

 

 

 

Carraccio

 

 

 

Fosso di corso d'acqua secco in estate

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Carrareccia

 

 

 

Strada di campagna, sterrata e dissestata, a malapena percorribile con un carro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Carriola

 

 

 

Cariola: quando tuonava si nominava ai bambini per non farli spaventare 

 

 

 

“Senti?

Nonno va ‘n carriola!...”

 

 

 

 

 

 

Carrozzette

 

 

 

Veicoli rudimentali costruiti dai ragazzi con tavole di legno e cuscinetti a sfera, utilizzati per corse in discesa, ad esempio sulla Via del Lago

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel gioco della Tombola il numero 22

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cartata

 

 

 

Incartata, unità di misura approssimativa

 

 

 

“Pe’ cena ho comprato ‘na cartata de porchetta…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cartierese

 

 

 

Abitante del Rione Cartiere

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cartine

 

 

 

Bustine contenenti polveri per uso alimentare a base di bicarbonato di sodio, acido malico e acido tartarico, per rendere l’acqua del rubinetto frizzante - delle marche più conosciute nel Secondo Dopoguerra era la famosa "Idrolitina" del Cavalier Gazzoni

 

Sulla scatola era riportata questa simpatica filastrocca che tanto piaceva agli anziani e che volentieri leggevano ai nipotini mentre erano intenti alla preparazione dell’acqua frizzante:

 

Diceva l’oste al vino "tu mi diventi vecchio,

ti voglio maritare con l'acqua del mio secchio",

rispose il vino all'oste "fai le pubblicazioni,

sposo l'Idrolitina del Cavalier Gazzoni!"

 

 

 

“A casa bevemo l’acqua fatta co’ le cartine…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In senso più generico, bustine contenenti additivi chimici per adulterare alcuni alimenti

 

 

 

“Che t'ho da di': a me 'sto vino me pare fatto co’ le cartine…”

 

 

 

 

 

Cartoccia

 

 

 

Attrezzo in ferro per fare profondi ed esatti buchi nel terreno in cui infilare dei pali

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cartoccetto

 

 

 

Piccolo cartoccio da considerare quale unità di misura dai venditori ambulanti di "bruscolini" - semi di zucca, lupini - legumi (antichissimi) gialli, "sanati" in acqua per qualche giorno e poi salati, olive dolci e così via: tutti "dolcetti" naturali da mangiucchiare per strada durante le feste di paese o al cinema

 

 

 

“Quanto vije' ‘n cartoccetto de’ lupini ?...”

 

(Vedi anche Bruscolini, Lupini)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Strettissimo cartoccio fatto con i fogli di quaderni dismessi da inserire in una cannello metallico, la cosiddetta "cerbottana", in cui si soffiava con gran pressione per lanciarlo come un proiettile (nei "peggiori" casi si muniva la punta del cartoccetto con uno spillo...)

 

 

 

(Vedi anche Ceciarelli, Cerbottana)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Carzetta

 

 

 

Calza da donna

 

 

 

“Gina me s'è tutta 'nghingherata: figurete che s'è messa pure le carzette nove…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di uomo da poco, di poco conto, non un "vero" uomo ovvero un giocatore di scarse qualità

 

 

 

“È 'na mezza carzetta!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La calza della Befana, un calzettone capiente che i bambini appendevano sotto la cappa la notte tra il 5 e il 6 gennaio per ricevere frutta secca, dolcetti e spesso carbone

 

 

 

“Nun te scorda' la carzetta che stanotte vije' la Befana!…”

 

(Vedi anche Befana)

 

 

 

 

 

 

Carzolaro

 

 

 

Calzolaio