Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline,

editato, redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "C" (continua)
 

Cap

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

 

A | B | C | D | E | F | G

 

I | J | L | M | N | O | P

 

Q | R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

“C

 

 

come Capa'

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cac

 

 

 

Cag-

-Cal

 

 

 

Cam-

-Can

 

 

 

Cap

 

 

 

Car

 

 

 

Cas-

-Cat

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cav-

-Caz

 

 

 

Cca-

-Cer

 

 

 

Ces-

-Chi

 

 

 

Cia-

-Cib

 

 

 

Cic-

-Cin

 

 

 

Cio-

-Ciu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Coa-

-Com

 

 

 

Con-

-Cor

 

 

 

Cos-

-Cre

 

 

 

Cri-

-Cro

 

 

 

Cuc-

-Cur

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative

(e note)

 

 

 

Capa'

 

 

 

Sbucciare un frutto o pulire un ortaggio

 

 

 

“Capeme ‘na mela che  c'ho 'n saporaccio 'n bocca…”

 

 

 

 

 

 

 

Scegliere, selezionare tra più cose

 

 

 

“La moje me la so' capata ‘bbona…”

 

 

 

 

 

 

 

In forma ironica per dire di aver fatto una scelta sbagliata

 

 

 

“Se l’è capato ‘mmezz'ar mazzo!…”

 

 

 

Capace

 

 

 

Probabile

 

 

 

“Ha conosciuto ‘na bella regazza: è capace pure che se sposeno…”

 

 

 

 

 

 

 

Nell'espressione "è incredibile", "non posso crederci"

 

 

 

“Ma davero?

Nun me ne faccio capace…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Capatura

 

 

 

Scarto della verdura pulita o "capata"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cape

 

 

 

Entrare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ad indicare qualcosa che non riesce o non può fisicamente entrare in una cavità o in un foro, perché di misura troppo grande o di diversa forma

 

 

 

“Ma nu' lo vedi che nun ce cape…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Invitare qualcuno ad entrare in un luogo

 

 

 

“Capi pure…”

 

 

 

 

 

 

Capello

 

 

 

Come in Italiano, capello, ma anche nel senso di "piccolezza", "irrilevanza", "dettaglio senza importanza"

 

 

 

“Aoh, cerca de fallo 'm po' meijo!”

E vvabbe', mo sta' a gguarda' 'r capello…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche con il significato di cavarsela per "un niente", "per pura fortuna"

 

 

 

“Je s'è sganciato 'r sacco e nun m'ha beccato 'm pieno pe 'n capello…”

 

(Vedi anche Pelo)

 

 

 

 

 

 

Capezza

 

 

 

Cavezza

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nell'espressione idiomatica per "tenere a bada qualcuno", "tenerlo a freno"

 

 

 

“La matre lo tije' a capezza…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Capezzone

 

 

 

Lunga corda messa sulla testa del cavallo ancora da domare e, quindi, senza usare pressione sulla bocca

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Capicioccolo

 

 

 

Ruzzolone, capitombolo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Capicollo

 

 

 

Lonza di maiale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Capiscione

 

 

 

Dispregiativo di persona che ostenta il sapere

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Capo

 

 

 

Rampa delle scale
 

 

 

“Pe' anna' a casa ho da fa' ‘n capo de scale…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Inizio

 

 

 

“E va be': rincominciamo da capo, va…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona scaltra (nei letti una volta si dormiva sia "da capo" che "da piede", cioè non c'erano stanze in numero sufficiente perché ognuno avesse la sua, specialmente i bambini: dormire "da piede" era naturalmente più scomodo e maleodorante di piedi...

 

 

 

“Questo dorme da capo!  …”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dalla testa ai piedi

 

 

 

“J'ho dato 'na guardata da cap'a piedi: nun me pare 'n gran che…”

 

 

 

 

 

 

Capoccella

 

 

 

Capolino, affacciarsi timidamente da una finestra o far spuntare solo la testa da dietro un angolo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Capoccetta

 

 

 

Testa di bambino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Persona responsabile di un'unità di lavoro sottoposta a sua volta alla supervisione di un responsabile generale o “Capoccia”

 

 

 

(Vedi anche Capoccia)

 

 

 

 

 

 

Capoccia

 

 

 

Testa

 

 

 

“S’è rotto la capoccia…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Essere assolutamente sicuro di una cosa

 

 

 

“Me ce gioco la capoccia …”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Persona a capo di una ditta o responsabile di un luogo di lavoro, come un cantiere edile, un'officina

 

 

 

“Er comparetto mio fà er capoccia co' ‘na ditta de Roma…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Capocciata

 

 

 

Testata

 

 

 

“Ammazza che capocciata!…”

 

 

 

 

 

 

Capoccione

 

 

 

Di persona poco intelligente, ironicamente quindi "intelligentone"

 

 

 

“Aoh, è propio 'n capoccione!…”

 

(Vedi anche Coccio)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Persona alta in grado, "capo dei capi"

 

 

 

“È lui 'r capoccione de la baracca!…”

 

 

 

 

 

 

Capomilla

 

 

 

Camomilla

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cappella

 

 

 

Glande, prepuzio

 

 

 

“Vijè qua: me fa' 'na cappella!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Espressione minacciosa per dire a qualcuno che non mancherà occasione per ottenere vendetta

 

 

 

“Prim'o poi c’ha' da capita' sotto ‘sta cappella…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cappellaccio

 

 

 

Fungo in Italiano chiamato Mazza di Tamburo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In uno scavo la terra vergine, quella compattata e scura, una volta durissima da scavare con il semplice piccone: è lo strato, a profondità variabile, da raggiungere per solide fondamenta di costruzioni tradizionali in pietra e/o laterizio, appena sotto quello superficiale di terra già mossa, in un abitato perché scavata e in campagna perché lavorata

 

 

 

“Mettemese l'anima 'n pace che semo arivati ar cappellaccio: scava, scava compa'!…”

 

 

 

 

 

Cappiola

 

 

 

Semplice e geniale tipo di nodo usato per la piccola caccia, ad esempio di volatili

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Medesimo nodo una volta usato per trattenere i panni stesi al vento prima dell'avvento delle mollette, di legno e poi di plastica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chiodo curvo a due punte, usato per fissare fili di ferro o cavi 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cappotta

 

 

 

Scherzo abbastanza balordo che consiste nel coprire all’improvviso la testa di un amico con un cappotto, in modo che rimanga confuso cercando di divincolarsi e non possa difendersi mentre gli altri gli danno schiaffi sulla testa e spinte sul corpo

 

 

 

“Daije rega' che je famo la cappotta!…”