Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline,

editato, redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "C" (continua)

Cam-Can

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

 

A | B | C | D | E | F | G

 

I | J | L | M | N | O | P

 

Q | R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

“C

 

 

come Cama

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cac

 

 

 

Cag-

-Cal

 

 

 

Cam-

-Can

 

 

 

Cap

 

 

 

Car

 

 

 

Cas-

-Cat

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cav-

-Caz

 

 

 

Cca-

-Cer

 

 

 

Ces-

-Chi

 

 

 

Cia-

-Cib

 

 

 

Cic-

-Cin

 

 

 

Cio-

-Ciu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Coa-

-Com

 

 

 

Con-

-Cor

 

 

 

Cos-

-Cre

 

 

 

Cri-

-Cro

 

 

 

Cuc-

-Cur

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative

(e note)

 

 

 

Cama

 

 

 

Pula, prodotto di scarto della trebbiatura del grano

 

 

 

 

 

 

 

Camicia

de' Meo

 

 

 

Di situazione particolarmente lenta o che non finisce mai

 

 

 

“Ha fatto ‘na predica lunga come la camicia de’ Meo…”

 

 

 

Cammerone

 

 

 

Grossa stanza

 

 

 

 

 

 

Cammio

 

 

 

Camion, autocarro, mezzo di trasporto pesante

 

 

 

 

 

 

 

Campana

 

 

 

Gioco per bambine: si traccia in terra un particolare disegno a riquadri da saltare secondo vari persorsi, con diverse difficoltà e assolutamente senza mai toccare le linee di confine

 

 

 

(Vedi anche Brucio)

 

 

 

 

 

 

 

Nell'espressione idiomatica di "prestare attenzione"

 

 

 

“'Sta ‘n campana che sinnò caschi…”

 

 

 

 

 

 

 

Anche nel senso di sordità

 

 

 

“Sor'Agnese è diventata sorda come 'na campana …”

 

(Vedi anche Campanaro)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Campanaro

 

 

 

Persona preposta a suonare le campane della chiesa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche per indicare una persona sorda (associando alla sordità spesso causata dal suono estremamente ravvicinato delle campane)

 

 

 

“Parleije ppiù forte che è campanaro…”

 

(Vedi anche Campana)

 

 

 

 

 

 

Campanelle

 

 

 

Anelli di ferro sui muri esterni delle abitazioni e dei negozi per legare "in sosta" cavalli, muli o asini quando ci si allontanava momentaneamente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Campano

 

 

 

Campanaccio che si mette al collo dei caproni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Espressione idiomatica per dire "se non fai attenzione ti mettono alla berlina, ti prendono in giro"

 

 

 

“Si nu’ stai attento t’attaccheno er campano…”

 

(Vedi anche Bidone)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Camposantaro

 

 

 

Custode del cimitero, becchino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Canala

 

 

 

Grondaia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Canizza

 

 

 

L'abbaiare intenso ed eccitato della muta di cani che rincorre la selvaggina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Discussione animata fra più persone, confusione

 

 

 

“Aoh, state a fa' 'na canizza - e daije 'ch'è mezzanotte passata!…”

 

 

 

 

 

 

Cannéle

 

 

 

Muco nasale che spesso cola dalle narici dei bambini e ricorda due candelotti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cannelli

 

 

 

Protezioni di canna che i mietitori mettevano sulle dita per proteggerle da tagli involontari, anche gravi, usando il falcetto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bastoncini di liquirizia

 

 

 

“Aoh, 'nnamo da Renato Sala a pija' du' cannelli, 'na decina de pescetti e 'm po' de Golìe così famo er pranzetto ar giardino [pubblico]!…”

 

 

 

 

 

 

Cannolicchi

 

 

 

Pasta corta per minestre, oggi usualmente chiamata "ditaloni" o anche "ditalini", a seconda della dimensione

 

 

 

“Che se famo oggi?…

Che ne dichi de du' cannolicchi co' li ceci, ch'è tanto tempo che nu' li magnamo?…”

 

 

 

 

 

 

Cantino

 

 

 

Rampogna, rimprovero, chiarimento verbale fra contendenti

 

 

 

“Finarmente l’ho ‘ncontrato e j’ho dato er cantino…”