Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline,

editato, redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "C" (continua)

Cag-Cal

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

 

A | B | C | D | E | F | G

 

I | J | L | M | N | O | P

 

Q | R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

“C

 

 

come Cagnolo, Cagnoletto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cac

 

 

 

Cag-

-Cal

 

 

 

Cam-

-Can

 

 

 

Cap

 

 

 

Car

 

 

 

Cas-

-Cat

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cav-

-Caz

 

 

 

Cca-

-Cer

 

 

 

Ces-

-Chi

 

 

 

Cia-

-Cib

 

 

 

Cic-

-Cin

 

 

 

Cio-

-Ciu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Coa-

-Com

 

 

 

Con-

-Cor

 

 

 

Cos-

-Cre

 

 

 

Cri-

-Cro

 

 

 

Cuc-

-Cur

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative

(e note)

 

 

 

Cagnolo

cagnoletto

 

 

 

Cane di taglia rispettivamente medio piccola e piccola o cucciolo

 

 

 

 

 

 

 

Calata

 

 

 

Stato di persona abbattuta fisicamente e/o moralmente

 

 

 

“L'artro ggiorno ho visto Bastiano: certo ch'ha dato ‘na calata!…”

 

 

 

 

 

 

 

Di persona della quale si è persa la stima

 

 

 

“M’è calato…”

 

 

 

 

 

 

 

Intonazione dialettale

 

 

 

“…a Manziana parlono diferente da noi: c’hanno ‘na calata ppiù amabbile, 'ché tanti so' taijalegna e carbonari venuti da la Toscana…”

 

 

 

Calamaro

 

 

 

Calamaio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Calatora

 

 

 

Stradello di terra battuta che si forma naturalmente sul terreno per il continuo passaggio del bestiame che scende verso un fosso per abbeverarsi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Calesse

 

 

 

Carretto leggero e "lussuoso" a due ruote soprattutto per il trasporto di persone e per questo normalmente trainato da un solo cavallo o mulo (una versione più raffinata del "biroccio")

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Calla

 

 

 

Caldo afoso

 

 

 

(Vedi anche Callaccia)

 

 

 

 

 

Callaccia

 

 

 

Caldo molto afoso

 

 

 

(Vedi anche Calla)

 

 

 

 

 

 

Callafredda

 

 

 

Fenomeno causato dalle prime piogge estive, che raffredda la terra in superficie rimanendo però calda sotto e non può quindi essere lavorata, perché non sarebbe fertile: da notare come in tale situazione i cacciatori evitino di uscire con i cani, semplicemente perché convinti che si rovinerebbero l’olfatto per tutta la stagione

 

 

 

“Oggi nun poss'uscì co' li cani, che c’è callafredda…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Callalessa

 

 

 

Castagna bollita

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Callamari

 

 

 

Occhiaie

 

 

 

(Vedi anche Accallamarato)

 

 

 

 

 

Callàra

 

 

 

La Caldara di Manziana, classico esempio di vulcanismo secondario, Monumento Naturale all'interno del Parco Naturale Regionale di Bracciano e Martignano, a ridosso del grande Bosco sulla Manziana-Il Sasso-Furbara, una zona paludosa residuale del Vulcano Sabatino, dove l'acqua ancora gorgoglia in polle in continua apparente ebollizione, di fatto a seguito delle ricche emissioni gassose di anidride solforosa, anche formando piccoli geyser non lontano da un atipico quanto ameno boschetto nientemeno che di betulle bianche

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ad indicare forte velocità

 

 

 

“Ho visto passa' Peppe  co’ la machina: 'nnava a tutta callàra….”

 

 

 

 

 

 

Callararo

 

 

 

Calderaio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nominato nel detto popolare a rendere l’idea di un commerciante particolarmente esoso

 

 

 

“Tigne e coce com'er callararo…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Callarella

 

 

 

Cofana, arnese del muratore, recipiente per trasportare la malta

 

 

 

"Aoh, damme n'antra mezza callarella de carce, 'ché ce vo'…"

 

 

 

 

 

 

Callaretta

 

 

 

Recipiente che nelle vecchie stufe a legna conteneva l’acqua da riscaldare: a quell'epoca non c'erano rubinetti per acqua fredda e calda, anzi, se esisteva acqua corrente in casa già era un lusso (di pochi)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Callaro

 

 

 

Pentolone, paiolo - generalmente in rame - che, appeso al camino, serviva per cuocere grosse quantità di pasta o di polenta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Recipiente per fare i formaggi, tra gli altri la ricotta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Recipiente per far bollire le bottiglie di salsa di pomodoro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona che qualsiasi cosa faccia, lascia il segno

 

 

 

“È com'er callaro, ‘ndo tocca tigne!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Callarosta

 

 

 

Caldarrosta, cioè castagna abbrustolita

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di qualcuno sempre costretto a risolvere i problemi creati da altri, cioè a "scottarsi", farsi male

 

 

 

“Aoh, tocca sempr'amme a leva' le callaroste dar foco!…”

 

 

 

 

 

Callarostaro

 

 

 

Venditore di caldarroste

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Callo

 

 

 

Caldo

 

 

 

“Che callo che fa oggi…”