Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline,

editato, redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "A" (continua)

Ass

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

 

A | B | C | D | E | F | G

 

I | J | L | M | N | O | P

 

Q | R | S | T | U | V | Z

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

“A

 

 

come Asséde, A séde

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Abb

 

 

 

Acc

 

 

 

Ace -

-Acq

 

 

 

Ada -

-Add

 

 

 

Afa -

-Aff

 

 

 

Agg -

-Aje

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

All-

-Alo

 

 

 

Ame -

-Amo

 

 

 

Ani -

-Ant

 

 

 

App

 

 

 

Ara -

-Ari

 

 

 

Arp -

-Arz

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ass

 

 

 

Att

 

 

 

Ava -

-Azz

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative

(e note)

 

 

 

Asséde

A séde

 

 

 

L’atto del sedersi e dell'essere seduto

 

 

 

“Mettete assede du' secondi…”


“Me gira la capoccia: me tocca metteme a sede…”

 

“Resto a sede giusto pe' 'n bicchiere de vino e me ne vado…”

 

(Vedi anche Sedesse, séde)

 

 

 

 Asserena'

 

 

 

In epoca ancora senza frigorifero, mettere la carne al fresco fuori la finestra ad evitare che si deteriorasse

 

 

 

“Prima d’anna' a dormi', nun te scordà d’asserena' la carne, che sinnò domani puzza de freschino…”

 

(Vedi anche Freschino)

 

 

 

Assesta'

Assestasse

 

 

 

Mettere o mettersi a posto, in ordine

 

 

 

“Assesta 'n po' 'ste balle, sinnò cascano…”

 

“M'assesto e vengo…”

 

(Vedi anche Aggiusta', Aggiustasse)

 

 

 

 

 

 

 

In termini venatori, verificare la presenza di cinghiali su un territorio