Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini e Luciano Russo i testi, di Luigi Felluca la cartolina, editato e redatto da  Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini– Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Modi di dire, detti e proverbi popolari

 

Pagina di origine

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Modi di dire, detti e proverbi popolari

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Parla come magni

 

 

La cultura popolare trae ovvia ispirazione dagli aspetti basilari della vita materiale, come il cibo necessario per la sopravvivenza, da cui Ma parla come magni...” sii te stesso, uno dei modi di dire più riusciti, insieme a “Bbono come 'r pane” fragrante, verace e generosamente saziante.

 

E poi “Pane pe' li denti” di fronte ad sfide ardue, e ancora “Chi c'ha li denti nun c'ha 'r pane e chi c'ha 'r pane nun c'ha li denti” di quasi rassegnata autocommiserazione dicontro alla imperante ingiustizia del destino, e infine l'eloquente “Tocca da porta' a ccasa la pagnotta” che appunto la dice tutta sulla lotta continua della piccola gente per sopravvivere.

 

 

Allo stesso tempo sa attingere copiosamente anche dalla Comedia Dantis Alagherii, Florentini natione, non moribus, quella somma “Divina Commedia” vera miniera di citazioni e proverbi peraltro in tutti i contesti socio-culturali.

 

Singoli versi o addirittura singole locuzioni dantesche diventeranno modi di dire proverbiali, nella quasi totalità tratti, come immaginabile, dall’“Inferno”: due fra tutti, il “Senza 'nfamia e senza lode” e quel “Lasciate 'gni speranza o voi ch’entrate”, ma così pure già lo strafamoso incipit “Ne 'r mezzo der cammin de nostra vita” il quale in bocca al “compare”, che buio fatto dall'osteria cerca barcollante di tornarsene a casa , si sviluppa in un “me ritrovai 'n de 'na strada scura, che nun sapevo si era scesa o era salita”...
 


Il che anche a confermare i
proverbi e i detti come “filosofia popolare”, distillato della saggezza di un popolo, dei suoi usi e costumi, nonostante queste frasi idiomatiche siano spesso snobbate quali “frasi fatte” in senso decisamente dispregiativo.

 

Innegabile che riconducano comunque a sentimenti ed usanze popolari, come tali di fatto e di diritto parte integrante della nostra cultura, tanto da pronunciarle tutti noi senza praticamente accorgercene, con significati rimasti in molti casi immutati anche a secoli e secoli di distanza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aiutaci

ad arricchire la pagina

 

Chiunque

voglia contribuire a questo lavoro con

 

parole e modi di dire

detti e proverbi

strettamente braccianesi

 

è benvenuto con una mail

alla Redazione del portale

 redazione@tusciaromana.info

 

 

Grazzie de core

pe' la collabborazzione!