Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini– Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

Modi di dire, detti e proverbi popolari

Piazza e Palazzo del Comune, Anni '10 del secolo scorso

 

Le cartoline di Bracciano com'era

Lettera "A"

Lettera "B"

Lettera "C"

Lettera "D"

Lettera "E"

Lettera "F"

Lettera "G"

Lettera "I"

Lettera "J"

Lettera "L"

Lettera "M"

Lettera "N"

Lettera "O"

Lettera "P"

Lettera "Q"

Lettera "R"

Lettera "S"

Lettera "T"

Lettera "U"

Lettera "V"

Lettera "Z"

Detti e proverbi popolari  

 

Pagina di origine

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Modi di dire, detti e proverbi popolari

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Piazza e Palazzo del Comune, Anni '10 del secolo scorso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano agli inizi ‘900, “Piazza del Comune” - oggi Piazza IV Novembre - con in primo piano la settecentesca fontana, qui affollata di personaggi in bella posa.

 

La fontana, voluta per abbellire l’allora “Piazza del Palazzo Priorale”, viene commissionata nel 1741 dal Consiglio della Comunità di Bracciano all’Architetto della Famiglia Odescalchi, Mario Asprucci, che si avvale per la sua realizzazione dello scalpellino Ottavio Pierini.

 

La vasca, con due protuberanze opposte, poggia su due gradini e un balustro sostiene un catino ovale dal cui centro zampilla acqua.

 

 

 

 

 

 

Ancorché il Travertino di Tivoli usato fosse di seconda scelta (la scarsa qualità del materiale comporterà fino ai nostri giorni continue manutenzioni) il costo dell’opera nel biennio necessario alla realizzazione lievita dagli iniziali 400 scudi ai 1.660 finali.

 

Nulla di nuovo sotto il cielo italiano!

 


Nella foto la fontana è ancora circondata da una serie di
colonnine in pietra collegate da sbarre in ferro, struttura che viene immotivatamente eliminata a fine Anni ’50 del XX secolo per essere poi abbandonata al Giardino Pubblico, dove in piccola parte ancora resiste.

 

 

Fa da sfondo il Palazzo Comunale, eretto tra il 1619 ed il 1636.

 

La realizzazione della facciata è del 1730 su progetto del 1630 dell’Architetto Orazio Turriani, che costruisce anche il palazzetto sulla destra, utilizzato come sua residenza quando da Roma - dove lavora - torna a Bracciano.

 

Da notare la chiara e luminosa scala cromatica della facciata, oggi “scientificamente” deturpata ed affogata nel grigio dopo il suo restauro!.

 

 

Oltre alla Sala Consigliare e ai vari uffici amministrativi l'edificio comunale ospita nel tempo anche la Scuola Elementare, l’abitazione del Segretario Comunale, dei granai, un piccolo teatro, purtroppo demolito nel 1876, l’Ufficio Postale e la Centrale Telefonica.

 

Al suo interno ulteriori rimaneggiamenti, soprattutto interni, sopravvengono nel corso dei secoli, ma per maggiori e più approfondite notizie, rimandiamo volentieri a “Il Palazzo fuori della Porta, Municipio di Bracciano” di Bruno Panunzi, pubblicato in questo portale nel sito “Cultura e Società”.