Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini– Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

Lettera "V"

Via Principe di Napoli, Anni '10 del secolo scorso

 

Le cartoline di Bracciano com'era

Lettera "A"

Lettera "B"

Lettera "C"

Lettera "D"

Lettera "E"

Lettera "F"

Lettera "G"

Lettera "I"

Lettera "J"

Lettera "L"

Lettera "M"

Lettera "N"

Lettera "O"

Lettera "P"

Lettera "Q"

Lettera "R"

Lettera "S"

Lettera "T"

Lettera "U"

Lettera "V"

Lettera "Z"

Detti e proverbi popolari  

 

Pagina di origine

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lettera “V”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Via Principe di Napoli, Anni '10 del secolo scorso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I cancelli a rombi del vecchio passaggio a livello, una “signora” su un asinello, due bambini al seguito, una donna in abito chiaro - non certo il traffico di oggi...

 

Su Via Principe di Napoli a sinistra l'imbocco del Viale della Stazione, poi nulla (Via Armando Sala ancora non esiste).

 

Quindi l'antico edificio dove oggi troneggia il palazzone costruito dal Geometra Ennio Panunzi & Alfredo Granatelli detto “Persichella”, mentre a destra nulla di nulla, dove poi verrà edificata la scuola, fino all'edificio all'angolo verso il Castello di Piazza Dante.

 

 

Ancora nel Secondo Dopoguerra i cancelli del passaggio a livello erano tali e quali.

 

Per puro spasso i ragazzini ogni tanto se ne facevano una "svolta", agganciati con le mani alla cornice superiore, spingendo coi piedi per prendere velocità fino a saltarvi sù, vale a dire fino ache - sbatti una volta sbattene un'altra, il gioco non venisse regolarmente interrotto dalle grida minacciose e, a volte, l'inseguimento (simbolico!) del casellante, la cui abitazione ben si vede a sinistra.