Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini– Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

Lettera "S"

Borgo Flavio, primi Novecento

 

Le cartoline di Bracciano com'era

Lettera "A"

Lettera "B"

Lettera "C"

Lettera "D"

Lettera "E"

Lettera "F"

Lettera "G"

Lettera "I"

Lettera "J"

Lettera "L"

Lettera "M"

Lettera "N"

Lettera "O"

Lettera "P"

Lettera "Q"

Lettera "R"

Lettera "S"

Lettera "T"

Lettera "U"

Lettera "V"

Lettera "Z"

Detti e proverbi popolari

 

Pagina di origine

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lettera “S”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Borgo Flavio, primi Novecento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano, veduta dei primi anni del ‘900 dell’allora intera Via Flavia, la cui toponomastica verrà in seguito suddivisa in due tratti:
 

- quello compreso tra il Convento del Divino Amore e Piazza Roma verrà intitolato alla Medaglia d’Argento Salvatore Negretti - Sottotenente di fanteria - caduto durante un combattimento a Farla di Majano, in Provincia di Udine, il 30 ottobre 1917;

 

- quello tra Piazza Roma e Piazza del Ponte (oggi Piazza I maggio 1945) verrà intitolato alla Medaglia D’Oro Agostino Fausti - Sergente Maggiore Pilota - caduto il 4 luglio 1940 nei cieli di Tobruk.

 

 

 

 

 

 

Si noti sulla sinistra e fino a Vicolo del Pratoterra - dai Braccianesi chiamato “Il Vicoletto” - la completa assenza di palazzi, che verranno edificati a partire dai successivi anni ’20.

 


Sulla destra la proprietà Colantuoni, oggi purtroppo in totale abbandono: il cancello in primo piano dava accesso ad un ampio verdeggiante parco che confinava con le attuali Via Viroflay, Via Flavia ed arrivava fino a Via Trieste.


A seguire, l’attiguo palazzetto ed il successivo imponente edificio - purtroppo abbattuto alla fine degli Anni Cinquanta del secolo scorso - già sede del
Comando Tenenza e Comando Stazione dell’Arma dei Carabinieri, presente a Bracciano fin dal 1872.