Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini– Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

Lettera "R"

Panorama, Anni '30 del secolo scorso

 

Le cartoline di Bracciano com'era

Lettera "A"

Lettera "B"

Lettera "C"

Lettera "D"

Lettera "E"

Lettera "F"

Lettera "G"

Lettera "I"

Lettera "J"

Lettera "L"

Lettera "M"

Lettera "N"

Lettera "O"

Lettera "P"

Lettera "Q"

Lettera "R"

Lettera "S"

Lettera "T"

Lettera "U"

Lettera "V"

Lettera "Z"

Detti e proverbi popolari  

 

Pagina di origine

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lettera "R"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Panorama, Anni '30 del secolo scorso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano agli inizi del secolo scorso con uno scorcio del lago visto dal Pratoterra.

 

Sullo sfondo Monte Tonico, l’Università Agraria, i grandi edifici in alto a sinistra, e Via Carlo Cattaneo, dai Braccianesi chiamata “Lo Stradone”, Via Cupetta del Mattatoio e Via Claudia, che si intravede proprio al di sopra dei tetti come strada alberata di campagna, in quanto all’epoca la via d’accesso al Paese provenendo da Roma è ancora la Via Flavia.

 


In primo piano le facciate di cortile dei palazzi di fine Ottocento e primi Novecento che fiancheggiano la Via Flavia, oggi Via Salvatore Negretti, salendo verso "Villa Floridi", dal 1912 nuova sede conventuale delle Suore Agostiniane del Divino Amore.

 

Il tetto perpendicolare agli edifici che si scorge in basso a destra è quello del vecchio Cinema Virgilio di proprietà di Virgilio Sala, realizzato nel 1922 dal fratello Aristodemo e dal di lui figlio Aluterio.

 

 

 

 

 

 

La facciata del palazzo che si intravede solo in parte in basso a sinistra, sull'altro lato di Via Flavia, è quella del vecchio “Comando Tenenza e Stazione dei Carabinieri”.

 

L'edificio verrà poi demolito a metà Anni '60 del XX secolo perché pericolante e a fine ‘900 sull'area verrà costruito il nuovo palazzo i cui locali commerciali al piano terra sono oggi sede di un supermercato.

 

Da qui il Comando Carabinieri, presente a Bracciano fin dal 1872, si trasferirà prima per circa 40 anni in Via Principe di Napoli nel seicentesco palazzo del dismesso Albergo, Ristorante e Caffè “Sabazio”.

 

Dopodiché, nella nuova ed ancora attuale Sede (sempre in affitto!) in Località Cappuccini, proprio di fronte ad una estesa area con caserme semivuote tuttora di proprietà demaniale.