Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini– Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

Lettera "P"

Viale Odescalchi, Anni '10 del secolo scorso

 

Le cartoline di Bracciano com'era

Lettera "A"

Lettera "B"

Lettera "C"

Lettera "D"

Lettera "E"

Lettera "F"

Lettera "G"

Lettera "I"

Lettera "J"

Lettera "L"

Lettera "M"

Lettera "N"

Lettera "O"

Lettera "P"

Lettera "Q"

Lettera "R"

Lettera "S"

Lettera "T"

Lettera "U"

Lettera "V"

Lettera "Z"

Detti e proverbi popolari  

 

Pagina di origine

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lettera “P”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Viale Odescalchi, Anni '10 del secolo scorso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nella scelta del tracciato della nuova ferrovia Roma-Viterbo sono determinanti le pressioni esercitate dal Principe Odescalchi e da Tommaso Tittoni, che riescono a far prevalere il percorso circumlacustre.

 

A Bracciano da Via Principe di Napoli verso quelli che saranno e sono ancora oggi i Giardini Pubblici si sviluppa l'“Imposto del Principe”, luogo di raccolta e stoccaggio del legname dei boschi circostanti a ridosso della Via della Stazione, poi “Viale Odescalchi”, per essere poi spedito su lunghi treni merce.

 

Nella foto, guardando la Stazione dal passaggio a livello, a sinistra il muro di delimitazione della ferrovia e, a destra, l'alto muro di selce di tale imposto.

 

 

È nel 1900 che il costruttore Giovanni Perugini, realizza Via della Stazione, poi ribattezzata Viale Odescalchi in onore del Principe, proprio perché realizzata su terreno di sua proprietà.

 

Di fatto il Principe è all'epoca proprietario di molte delle terre, alcune delle quali espropriate, su cui andrà realizzata detta ferrovia - ma è nel suo stesso interesse cederle.
 

 

Mentre i platani sulla sinistra ancora oggi resistono, quelli sulla destra verranno gradatamente prima potati ad appiattirli sul lato verso il muro, infine abbattuti - gli ultimi negli anni ’50 del XX secolo - per dare spazio alla costruzione dei nuovi palazzi, soprattutto il famoso “Albergo Splendore” della Famiglia D'Achille.