Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini– Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

Lettera "O"

Giardini Pubblici e Castello Odescalchi, Anni '50 del secolo scorso

 

Le cartoline di Bracciano com'era

Lettera "A"

Lettera "B"

Lettera "C"

Lettera "D"

Lettera "E"

Lettera "F"

Lettera "G"

Lettera "I"

Lettera "J"

Lettera "L"

Lettera "M"

Lettera "N"

Lettera "O"

Lettera "P"

Lettera "Q"

Lettera "R"

Lettera "S"

Lettera "T"

Lettera "U"

Lettera "V"

Lettera "Z"

Detti e proverbi popolari

 

Pagina di origine

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lettera “O”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giardini Pubblici e Castello Odescalchi, Anni '50 del secolo scorso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano uscita dalla Seconda Guerra Mondiale, in una cartolina di metà Anni ’50 del XX secolo con una veduta del Castello e del Giardino Pubblico.

 

In primo piano, in basso a sinistra, ancora presente il così detto “bottaccio” - vascone di raccolta dell’acqua necessaria come forza motrice per le antiche ferriere settecentesche degli Odescalchi, sulla cui area e al cui posto qualche anno dopo verrà ricavata la struttura della pista di pattinaggio ed il campo di pallacanestro in cemento, ancora oggi esistenti.

 


Alle sue spalle, l’
assenza delle enormi future costruzioni di Via Cavour e di Via del Fornaccio, così come dell’Ufficio Postale - edifici che sorgeranno tutti nei disastrosi Anni ’60 del XX secolo - consente all’occhio di poter ancora spaziare fino al Lago ed i Monti Sabatini, al di sopra degli alberi del giardino del Castello.
 

Al centro verso destra, le facciate di cortile delle abitazioni di Via San Francesco d’Assisi (proprio in mezzo all'immagine, in corrispondenza del Castello, quella fine Anni Venti - inizio Anni Trenta di Mastro “Peppe” Bresciani).

 

 

Al di sopra di questi edifici - sempre sulla destra - si staglia il seicentesco complesso conventuale, progettato dall’Architetto Orazio Turriani e successivamente adibito a civili abitazioni.

 

In origine si estende lungo gran parte di Via XX Settembre - qui ne resta ancora oggi a metà strada la Chiesa della Visitazione - e Via Ettore Latini, con l'ingresso per carri ad un bel cortile interno, fino a poco tempo fa ancora con reminescenze di orticelli e “gallinari” vari.