Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini– Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

Lettera "N"

Carri e buoi per i turisti in visita al Castello, primissimi anni del secolo scorso

 

Le cartoline di Bracciano com'era

Lettera "A"

Lettera "B"

Lettera "C"

Lettera "D"

Lettera "E"

Lettera "F"

Lettera "G"

Lettera "I"

Lettera "J"

Lettera "L"

Lettera "M"

Lettera "N"

Lettera "O"

Lettera "P"

Lettera "Q"

Lettera "R"

Lettera "S"

Lettera "T"

Lettera "U"

Lettera "V"

Lettera "Z"

Detti e proverbi popolari  

 

Pagina di origine

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lettera "N"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Carri e buoi per i turisti in visita al Castello, primissimi anni del secolo scorso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano agli inizi del secolo scorso: due “barrozze”, trainate ciascuna da una “vetta” di buoi, trasportano alcuni turisti - con ogni probabilità invitati alla Caccia al Daino - in visita al complesso del Castello Orsini-Odescalchi.

 

La barrozza è un carro a trazione animale, caratteristico della Campagna Romana, usato per trasportare fieno, legname e comunque materiali vari, ma non certo persone: singolare pertanto il fatto che la comitiva sia fatta salire su questo tipo di carro (accento pittoresco voluto?).

 

 

La foto - che risale ai primissimi anni del ‘900 - è scattata davanti al fabbricato del “granaio” del Castello, in effetti con tale funzione solo nei locali del primo piano, mentre al piano terra serve da scuderia.

 

 

 

 

 

 

A lato del muraglione di sostegno del primo bastione, si intravede l’arco, opera di Jacopo del Duca, che immette nel prato antistante la facciata nord del Castello, decorato con grosse bugne in pietra alternate a rose orsine.

 

Nella chiave dell’arco - qui non visibile - lo stemma Orsini con lateralmente incisa l’iscrizione latina “P. Iordanus Urs. D. Aragonia”, cioè "Paolo Giordano Orsini d'Aragona".

 

 

Paolo Giordano I Orsini, primo Duca di Bracciano nel 1560 e Capitano nella Battaglia di Lepanto del 1571, sposa Isabella de' Medici, figlia del Granduca di Toscana Cosimo I, che cerca così di neutralizzare la tradizionale politica filofrancese degli Orsini.

 

Paolo però la strangolerà, spinto da morbosa gelosia, nel 1578 per poi innamorarsi di Vittoria Accoramboni, il cui marito, nipote di Papa Sisto V, farà assassinare nel 1583.

 

Ricercato dalla Giustizia Pontificia e inseguito dai sicari del Granduca di Toscana per i suoi misfatti, sarà costretto a fuggire nel Nord Italia con l'amante, poi sua sposa nel 1585.

 

Il medesimo anno anche lei assassinata, da Ludovico Orsini di Monterotondo, per vendicare la morte del fratello Roberto, salvo venire lui a sua volta rapidamente eliminato per ordine delle Autorità Veneziane.