Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini– Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

Lettera "L"

Panoramica con la ferrovia da Roma, fine '800

 

Le cartoline di Bracciano com'era

Lettera "A"

Lettera "B"

Lettera "C"

Lettera "D"

Lettera "E"

Lettera "F"

Lettera "G"

Lettera "I"

Lettera "J"

Lettera "L"

Lettera "M"

Lettera "N"

Lettera "O"

Lettera "P"

Lettera "Q"

Lettera "R"

Lettera "S"

Lettera "T"

Lettera "U"

Lettera "V"

Lettera "Z"

Detti e proverbi popolari  

 

Pagina di origine

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lettera “L”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Panoramica con la ferrovia da Roma, fine '800

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Uno scorcio di Bracciano fine ‘800 con in primo piano il tratto ferroviario che precede il Ponte del Pratoterra.

 

 

La strada ferrata Roma-Viterbo, con la diramazione Capranica-Ronciglione, viene inaugurata il 29 aprile 1894 ed aperta al pubblico il giorno successivo.

 

Il percorso inizia dalla vecchia Stazione di Roma Trastevere in Piazza Ippolito Nievo, un’edificio oggi purtroppo in forte degrado, ma che si può ancora vedere, fino a qualche anno fa sede dell’Istituto Sperimentale delle Ferrovie.
 

 

 

 

 

 

Oltre Roma Trastevere - che nel 1911 viene spostata all’attuale ubicazione - le altre stazioni dell’intero percorso sono:

 

- Roma San Pietro

- “Roma Sant’Onofrio”, oggi “Roma Monte Mario”

- La Storta-Formello

- Cesano

- Anguillara

- Crocicchie

- Vigna di Valle

- Bracciano

- Manziana

- Oriolo

- Bassano-Sutri

- Capranica

- Vico Matrino

- Vetralla

- Tre Croci

- Viterbo Porta Romana.

 

Solo in seguito il percorso verrà prolungato fino a Viterbo Porta Fiorentina, stazione che fin dal 1886 è al servizio della tratta per Attigliano.

 

 

 

Il progetto originario della nuova ferrovia prevede in effetti che la Stazione di Bracciano venga realizzata all’altezza di Santa Lucia-Cappuccini, ma per volontà e forti interessi economico-commerciali-turistici del Principe Odescalchi, in questo supportato anche dall’Onorevole Tommaso Tittoni, se ne modifica il tracciato.

 

Così si verrà a meglio servire sì anche il Paese, evitandone disaggi ai viaggiatori, ma principalmente il famoso “imposto” degli Odescalchi, tra appunto le attuali Viale Odescalchi, Via Principe di Napoli, Via Ettore Latini e Via San Francesco d'Assisi / Giardini Pubblici, cui affluisce il legname  dei rigogliosi boschi dell'intero circondario per essere di lì inoltrato a destinazione via ferrovia.

 

L’onere della variante costerà all’Amministrazione Comunale circa 20 mila lire dell'epoca, versate alla Società Italiana per le Strade Ferrate del Mediterraneo incaricata dallo Stato dei lavori.