Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini– Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

Lettera "D"

Via Flavia, Macelleria F. Sala, Anni '10-'20 del secolo scorso

 

Le cartoline di Bracciano com'era

Lettera "A"

Lettera "B"

Lettera "C"

Lettera "D"

Lettera "E"

Lettera "F"

Lettera "G"

Lettera "I"

Lettera "J"

Lettera "L"

Lettera "M"

Lettera "N"

Lettera "O"

Lettera "P"

Lettera "Q"

Lettera "R"

Lettera "S"

Lettera "T"

Lettera "U"

Lettera "V"

Lettera "Z"

Detti e proverbi popolari  

 

Pagina di origine

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lettera “D”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Via Flavia, Macelleria F. Sala, Anni '10-'20 del secolo scorso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Macelleria Sala, altrimenti detta “Beccheria Romana” all’inizio dell’allora Via Flavia, ora Via Agostino Fausti.

 

 

Il termine “beccheria”, tuttora in uso nel Meridione d’Italia, ma non più nella nostra zona, è un francesismo che deriva da “boquerie”, che significa appunto macelleria.

 

Un’altra storica beccheria del paese era quella di Giovanni Tarquini, di fronte alla Chiesa di Santa Maria Novella, rimasta aperta fino agli Anni Settanta del secolo scorso, gestita dalla Signora Liliana Tarquini.

 

 

Per quanto riguarda la databilità dell'immagine, quella paglietta in testa all’uomo che posa elegante all’ingresso del negozio, ci fa pensare che siamo tra gli Anni '10 e '20 del Novecento.

 

In questi anni infatti, la “maggiostrina” - il famoso “cappello di paglia di Firenze”, anche così chiamato perché indossato da maggio fino al periodo della vendemmia - è un accessorio molto in voga nella moda maschile estiva.