Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini– Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

Lettera "C"

Via Principe di Napoli, primissimi Novecento

 

Le cartoline di Bracciano com'era

Lettera "A"

Lettera "B"

Lettera "C"

Lettera "D"

Lettera "E"

Lettera "F"

Lettera "G"

Lettera "I"

Lettera "J"

Lettera "L"

Lettera "M"

Lettera "N"

Lettera "O"

Lettera "P"

Lettera "Q"

Lettera "R"

Lettera "S"

Lettera "T"

Lettera "U"

Lettera "V"

Lettera "Z"

Detti e proverbi popolari

 

Pagina di origine

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lettera “C”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Via Principe di Napoli, primissimi Novecento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano agli inizi del secolo scorso con “Via dei Cappuccini” - oggi Via Principe di Napoli - e parte di Piazza Dante.

 

 

Il muro in primo piano sulla sinistra delimita una vasta superficie di proprietà del Principe Odescalchi, chiamata “Imposto”, dove arriva e viene ammassato il legname tagliato nei molti boschi limitrofi di proprietà, per essere poi inoltrato a destinazione tramite la adiacente ferrovia.

 

Detta area di stoccaggio è compresa inizialmente fra le attuali Via Principe di Napoli, Via Ettore Latini, Via San Francesco d’Assisi, Viale Odescalchi.

 

 

Il palazzo sulla sinistra - originariamente “Albergo della Posta”, immutato ai giorni nostri seppure ristrutturato - viene chiamato dalla popolazione dell'epoca “Le case nove”, mentre la prima tenda parasole di fronte, sulla destra, è quella del primo negozio di ferramenta della “Ditta G. Bresciani” di Giuseppe Bresciani, gestito dalla moglie, Camilla Ercoli (oggi “Vicolo dei Colonna”).