Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini– Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

Lettera "B"

Via Flavia, primi Novecento

 

Le cartoline di Bracciano com'era

Lettera "A"

Lettera "B"

Lettera "C"

Lettera "D"

Lettera "E"

Lettera "F"

Lettera "G"

Lettera "I"

Lettera "J"

Lettera "L"

Lettera "M"

Lettera "N"

Lettera "O"

Lettera "P"

Lettera "Q"

Lettera "R"

Lettera "S"

Lettera "T"

Lettera "U"

Lettera "V"

Lettera "Z"

Detti e proverbi popolari  

 

Pagina di origine

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lettera “B”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Via Flavia, primi Novecento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Via Flavia - ora “Via Agostino Fausti” - ai primi del ‘900, vista da “Piazza del Ponte” (poi Piazza Mariano Catena ed oggi Piazza I maggio 1945).

 

 

Qui si svolge il mercato di frutta, verdura e pesce, che successivamente verrà spostato in Via Ettore Latini/Via S. Francesco d'Assisi, poi in Via XX Settembre ed infine a La Praterina, dove ancora si trova con ormai, in verità, poche bancarelle.

 

 

La grande porta del locale sulla destra è l’ingresso di un’osteria che diventerà caffè, gestito, fino alla sua chiusura negli Anni ’70 del secolo scorso, dalla Famiglia Tondinelli, mentre nel negozio attiguo - oggi la Gioielleria Dominici - c'è una Tabaccheria-Cartoleria.


Il primo negozio sulla sinistra di Via Flavia è la
Macelleria F. Sala, chiamata “Beccheria Romana”, e sulla tenda si possono intravedere polli o abbacchi esposti in bella mostra.

 

 

A seguire - e dove si trova ancora oggi - l’unica Farmacia all'epoca, gestita nella seconda metà dell’ ‘800 dal Dr. Marzio Casetti ed, ai primi del ‘900, dal Dr. Anatolio Tracchia.

 

Oltre ad occuparsi della preparazione e vendita di medicinali, il farmacista aveva anche il compito di riferire ai due medici del paese - ad inizio secolo i Dottori Federico Federici e Giuseppe Palazzi - delle visite a domicilio che i concittadini richiedono suo tramite.