Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità'" di Giovanni Orsini– Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

Lettera "A"

Via Principe di Napoli, primi Novecento

 

Le cartoline di Bracciano com'era

Lettera "A"

Lettera "B"

Lettera "C"

Lettera "D"

Lettera "E"

Lettera "F"

Lettera "G"

Lettera "I"

Lettera "J"

Lettera "L"

Lettera "M"

Lettera "N"

Lettera "O"

Lettera "P"

Lettera "Q"

Lettera "R"

Lettera "S"

Lettera "T"

Lettera "U"

Lettera "V"

Lettera "Z"

Detti e proverbi popolari  

 

Pagina di origine

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Le cartoline di Bracciano com'era (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lettera “A”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Via Principe di Napoli, primi Novecento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano, “Via dei Cappuccini” - già “Via di Borgo Flavio” ed oggi “Via Principe di Napoli” - nei primi anni del XX secolo.

 

 

Sulla destra lo storico Albergo, Ristorante e Caffè “Sabazio”, che fin dal Seicento (allora sotto il nome di “Osteria di Bracciano”) rappresenta non solo un degno e rassicurante rifugio per il viandante che arriva in paese, ma anche il punto d’incontro per concludere un affare o per scambiare quattro chiacchiere con gli amici dopo il lavoro, nonché la sede per festeggiare i principali eventi.


All’angolo con Via Traversini spicca l’accattivante insegna di ferro colorato che raffigura un vispo galletto intento a cantare, con sotto un rubicondo oste che srotola una pergamena con l’insegna “Sabazio”.

 

A fine ‘800 l’attività è gestita dal Cav. Giuseppe Savelli, mentre successivamente e fino alla sua chiusura, negli Anni Sessanta del secolo scorso, dalla Famiglia Ferranti.

 

 

 

 

 

 

Sia l'esterno che soprattutto l'interno dell'edificio, uno dei più importanti del 1600, subiscono notevoli cambiamenti.

 

Sulla facciata resta immutato il monumentale ingresso ad arco, ed il lato loggiato su Via Traversini, mentre il muro perimetrale di facciata su Via Principe di Napoli, con le due finestre a grata, risulta oggi completamente sventrato con due moderni ingressi squadrati di locali commerciali (già negozio di calzature, al momento “Bar del Corso”)...

 

Per non parlare delle non sempre felicemente riuscite trasformazioni interne, che, stravolgendo la planimetria dell'originale piano lasciano (ancora?) pressoché intatti solo due bellissimi camini in peperino, monumentali quanto l'ingresso, e il rialzamento di diversi piani che falsa completamente le proporzioni del palazzo.

 


Quasi inalterate le facciate degli altri palazzi, così come lo sfondo fino a
“Piazza del Ponte” (oggi Piazza I Maggio 1945) - “Via Santa Maria Novella” (oggi Via Umberto I) e Piazza Giardino (oggi Piazza Mazzini).

 

 

Una piccola curiosità.

 

Il medaglione metallico posto sul palazzetto all’angolo con Via XX settembre è la pubblicità dell’Albergo-Ristorante concorrente del Sabazio, vale a dire l’“Albergo della Posta”, la cui originaria ubicazione si sviluppa - non visibile in questa cartolina - alle spalle del fotografo, sulla sinistra, fino all'angolo con Via Ettore Latini, continuando su questa fino al cortiletto dell'ex-maniscalco, oggi...

 

Ma questa è tutta un'altra storia.