Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da qui gli Etruschi... – Note di approfondimento storico

Capire il passato per vivere meglio il presente pensando al futuro

Chi siamo

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il cammino della cultura

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da dove veniamo e dove andiamo (continua)

I sentieri e i tratturi del Mesolitico (continua) 

I vallis

 

Da dove veniamo e dove andiamo

Le piste del Paleolitico

I sentieri e i tratturi del Mesolitico

Il fenomeno della transumanza

I castellieri

Gli henge

Le curtis

I vallis

Le vie dacqua e di terra del Neolitico

Le strade dell'“Età dei Metalli”

 

La “Tabula Peutingeriana”

La strada romana
Le autostrade dell'Impero
I nomi dei luoghi

 

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Da dove veniamo e dove andiamo (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I sentieri e i tratturi del Mesolitico (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I vallis

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I vallis - dal Latino vallum o vallus, palo - sono invece cortili tipicamente recinti da palizzate di legno.

 

Una semplice e rapida costruzione difensiva a protezione di accampamenti e confini, poi ripresa e migliorata dai Romani per i loro castra, costituita da un profondo fossato scavato all’esterno o fossa e un terrapieno di terra o torba interno, l'agger, munito di palizzata lignea a riccio.

 

 

Simile alla palizzata difensiva greca, la cosiddetta χάρακες, karakes, quella romana sarà molto più fitta, composta da elementi precostruiti, detti sudes o, più impropriamente, pila muralia.

 

In duro legno di quercia di almeno un metro e mezzo di lunghezza, il singolo palo o sudis è a doppia punta piramidale estremamente affilata e munito di funzionale maniglia al centro, la cosiddetta “vita”, per poterlo conficcare con grande forza a terra, quindi rapidamente e facilmente montabile e smontabile, come in caso di improvvisi attacchi o per difendere i campi temporanei di marcia.

 

Inoltre il sudis è trasportabile, in dotazione nel numero di tre o quattro a ciascun legionario, che li prepara personalmente con cura seguendo uno standard sia di forma che di misure e li sostituisce quando danneggiati, con quel geniale assottigliamento bloccante centrale, a permetterne una semplice quanto perfettamente funzionale legatura tra loro, singoli in serie legati con corde, tipo palizzata “a pettine” o, in gruppi di tre, trasformandosi in una stella esaedrale, il micidiale cosiddetto “cavallo di Frisia”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tre sudes montati con incastro ortogonale sulla vita a formare un primitivo "cavallo di Fresia".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’originario utilizzo difensivo del vallum verrà vantaggiosamente convertito anche in offensivo, ad esempio durante l’assedio di città.

 

Viene creata una doppia linea fortificata ad anello o circumvallatum per tagliare le comunicazioni tra la città e le campagne circostanti, formata da un cerchio interno contro la città, a difesa da eventuali sortite degli assediati, ed uno esterno, contro eventuali tentativi di intervento alleato per sollevare l'assedio, con l'esercito attaccante accampato tra le due linee.

 

 

Anche questo tipo di doppia “circonvallazione” è originariamento greco, con αποτειχισμός e περιτειχισμός, apoteikismos e periteikismos, documentatamente utilizzato già durante l'assedio di Platea da parte dei Peloponnesi.

 

La doppia palizzata viene eretta a distanza di 16 piedi una dall’altra, con pareti merlate o επάλξεις, epalxeis, protette da fossa esterna o τάφρος, tafros, ed ogni dieci merli vi si intercala una torre da parete a parete con passaggio interno per attaccare o difendersi dall'alto, modello copiato esattamente dai Romani ed utilizzato da Scipione durante l’assedio di Cartagine e Numanzia o dallo stesso Cesare durante quello di Alesia, una tecnica vallo-torre ripresa poi anche da Bizantini e Goti.