Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da qui gli Etruschi... – Note di approfondimento storico

Capire il passato per vivere meglio il presente pensando al futuro

Chi siamo

Roma città etrusca, eccome!

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Tabula Peutingeriana” o “Codex VindobonensisApprofondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Attraverso il mondo allora conosciuto

Il "portolanum"  

 

Attraverso il mondo allora conosciuto

Il "portolanum"

L'"itinerarium"

 

Pagina di origine

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

La Tuscia Romana nel famoso "stradario" antico-romano chiamato Tabula Peutingeriana.

 

 

Attraverso il mondo allora conosciuto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il “portolanum”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il cosiddetto "portolano" - dal latino portus, porto - è un manuale di navigazione costiera e portuale per il calcolo delle rotte marittime, la cui origine origine è nell'esperienza millenaria della navigazione "sotto costa" - distanze costiere da promontorio a promontorio e da porto a porto.

 

Evoluzione del precedente "periplo", già in uso presso Greci, e prototipo dei portolani medievali, sostituisce, o, meglio, precede, la carta nautica vera e propria, un prodotto tipicamente mediterraneo, frutto della secolare esperienza della navigazione lungo le coste del mare interno, i cui i primi esemplari a noi noti risalgono al XIII secolo.

 

 

Il portolano facilita la navigazione attraverso una descrizione delle coste, risultato delle conoscenze acquisite durante i precedenti viaggi.

 

Viene usato tramandandolo di generazione in generazione in una ininterrotta tradizione, sostanzialmente immutata nello stile, ma naturalmente sempre più ricca e dettagliata nei contenuti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le coste del Mar Mediterraneo in una rappresentazione portolana veneziana che si estende fino all'Inghilterra e all'Irlanda: i tipici vessilli frangiati della Serenissima ad indicare i suoi porti e le aree di influenza commerciale e militare nella massima espansione.

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel portolano, oltre ai riferimenti per il cabotaggio costiero - cosiddetta navigazione "per starea", dal greco medievale "sterea ghe" o "terraferma", con perimetri costieri riportati nei minimi dettagli, una ricca toponomastica e, successivamente, profondità delle acque nelle vicinanze della costa, soprattutto degli attracchi e dei porti, si aggiungono man mano anche istruzioni per rotte "in mare aperto" - cioè da costa a isola e da isola a isola.

 

Quest'ultime vengono chiamate durante il Medioevo dapprima con il latino transfertus, poi, con l'avvento del volgare, "peleggi" o navigazioni "a golfo lanciato", munite di distanze nautiche, lunghezze dei percorsi per raggiungere una data località, e molto approssimative "rotte" da tenere, sotto forma di "direzioni" da prendere rispetto ai punti cardinali.