Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da qui gli Etruschi... – Note di approfondimento storico

Capire il passato per vivere meglio il presente pensando al futuro

Chi siamo

Roma città etrusca, eccome!

I Re di Roma, quasi la metà Etruschi

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La prima età regia, Latini e Sabini dominano – Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il quinto Re di Roma Anco Marzio

Di nuovo un sabino, fonda Ostia e costruisce il primo ponte sul Tevere

La guerra contro i Latini

Roma raggiunge il mare

 

Il quinto Re di Roma Anco Marzio

Note preliminari aggiuntive

 

Pagina di origine

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Il quinto Re di Roma Anco Marzio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di nuovo un sabino, fonda Ostia e costruisce il primo ponte sul Tevere

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La guerra contro i Latini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il pendolo della politica porta nuovamente al trono un Re di di stirpe sabina, Anco Marzio o Marcio, nipote del primo Re sabino Numa Pompilio, figura ambivalente: "saggio come il nonno, combattivo come Romolo", non ama particolarmente la guerra, ma non rifiuta lo scontro armato se necessario al bene di Roma.

 

A dimostrazione di questo affronta lo stesso popolo dei Latini, ma seguendo scrupolosamente tutte le cerimonie rituali previste in caso di guerra, come avrebbe fatto il nonno Numa: questo rituale di dichiarazione di guerra, come già visto parlando dei Feziali, rimarrà rigidamente inalterato nel futuro di Roma.

 

Terminata la guerra contro le popolazioni Latine con la vittoria di Roma in una grande battaglia campale, Roma deve dilatarsi ancora di più per poter accogliere gli sconfitti , cui viene assegnato l’Aventino e, non essendo questo sufficiente, poi anche l'area tra Aventino e Palatino, dove più tardi sorgerà il Circo Massimo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Roma raggiunge il mare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anco Marzio capisce l'importanza strategica delle comunicazioni con il mare aperto, vi cerca un vitale sbocco commerciale, conquista allo scopo il territorio che separa Roma dalla costa e fonda Ostia, dando a Roma il suo Pireo.

 

Il suo governo dal 640 al 616 aC non solo arricchisce Roma di uno sbocco marittimo, ma  migliora decisamente la navigabilità del Tevere tra la città e la foce del fiume: aumenta il commercio soprattutto del sale, da sempre causa primaria delle guerre con l'etrusca Vejo, attraverso la creazione di nuove saline e la costruzione di grandi magazzini lungo il fiume per conservarlo.