Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da qui gli Etruschi... – Note di approfondimento storico

Capire il passato per vivere meglio il presente pensando al futuro

Chi siamo

Roma città etrusca, eccome!

I Re di Roma, quasi la metà Etruschi

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La prima età regia, Latini e Sabini dominano – Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il terzo Re di Roma Numa Pompilio

Sabino, il Re saggio che vince su tutti con il suo pacifismo

Il primo interregno

Un uomo "al di sopra delle parti"

 

Il terzo Re di Roma Numa Pompilio

Note preliminari aggiuntive

 

 Pagina di origine

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Il terzo Re di Roma Numa Pompilio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sabino, il Re saggio che vince su tutti con il suo pacifismo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"La sparizione in cielo" di Romolo, ovvero il suo assassinio, non può che generare un periodo di estrema confusione ed è lotta aperta tra Sabini e Romani per la successione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il primo interregno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Allo scopo di evitare il notevole indebolimento interno di uno Stato senza governo, cosa che esporrebbe la giovane Roma a più che possibili, opportunistici assalti da parte delle popolazioni circostanti, non del tutto rassegnate, si arriva ad un compromesso.

 

Si decide che tra i suoi 10 Senatori, creati da Romolo, ogni decuria ne sceglierà uno: questi 10 patrizi, rappresentanti le decurie, si alterneranno alla guida della città, ma per un periodo massimo di cinque giorni consecutivi ciascuno.

 

 

Il cosiddetto "interregno" va avanti un anno, ma alla fine gli interessi di parte dei Senatori si fanno troppo evidenti, né il compromesso riesce a risolvere la lotta politica per la supremazia.

 

La plebe, spazientita, reclama che sia il popolo ad eleggere direttamente il suo Re: di fronte al precipitare degli eventi, il Senato accetta, a condizione di una sua successiva ratifica, ma la plebe apprezza a tal punto la concessione ricevuta da rimettere la scelta del Re di nuovo nelle mani dei Senatori.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un uomo “al di sopra delle parti”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Hanno la meglio i Sabini, che riescono a far eleggere Numa Pompilio: nonostante sia cittadino di Curi, capitale dei Sabini, ed inoltre genero del defunto Re Tito Tazio, avendone sposato la figlia Tazia, non è stato mai prima coinvolto in lotte al potere, anzi sie è dimostrato tanto schivo di carriere politiche da aver preferito ritirarsi nella sua città natale - insomma un uomo "al di sopra delle parti".

 

L’elezione all’unanimità di Numa si rivela un'ottima scelta e il nuovo Re verrà ricordato come "il pio": esperto di giustizia umana e divina, più fiducioso nella forza del diritto che in quella delle armi.

 

Simbolico il suo primo gesto ufficiale di far erigere un tempio in onore di Giano bifronte, come metafora delle due alternative "o pace o guerra" - le sue porte rimarranno aperte con Roma in guerra, chiuse in tempo di pace, cosa questa che accadrà rarissimamente dopo Numa.