Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da qui gli Etruschi... – Note di approfondimento storico

Capire il passato per vivere meglio il presente pensando al futuro

Chi siamo

Roma città etrusca, eccome!

I Re di Roma, quasi la metà Etruschi

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La prima età regia, Latini e Sabini dominano – Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il primo (e il secondo) Re di Roma – Romolo (e Tito Tazio (continua)

Assestamenti, consolidamento ed organizzazione (continua)

Romolo viene eliminato

 

Il primo (e il secondo) Re di Roma Romolo (e Tito Tazio)

Assestamenti, consolidamento ed organizzazione

Il ratto delle "Sabine"

La co-regenza con il sabino Tito Tazio

Le Gentes Romane

Aria di guerra dentro e fuori le mura

Romolo viene eliminato

 

Pagina di origine

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Il primo (e il secondo) Re di Roma – Romolo (e Tito Tazio) (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Assestamenti, consolidamento ed organizzazione (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Romolo viene eliminato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Che Romolo a soli 55 anni e dopo ben 37 anni di regno come assoluto capo politico, religioso e militare, "scompaia" improvvisamente nel nulla  "durante un'eclissi di sole" e questo a riprova "divina" della sua discendenza da Marte...

 

Beh, davvero troppo pesante per potersi digerire anche dal più ingenuo o dal più fazioso degli storici.

 

"Gens Memmia", moneta romana del 56 aC: a sinistra il fronte raffigurante la testa di Romolo con attribuiti arcaici, sul retro Cerere seduta con un serpente ai suoi piedi.

 

 

Più credibile che i profondi rimaneggiamenti sociali introdotti e portati a termine da Romolo, con i Patrizi divenuti detentori assoluti del potere e, quindi, nuovi "signori" di Roma sui Plebei, ma anche in reciproca lotta interna per sopraffarsi uno con l'altro, devono aver contribuito a renderlo tanto scomodo e contestato da costargli la vita.

 

Il suo corpo, molto probabilmente linciato, viene fatto opportunamente sparire.

 

 

 

 

 

 

Qui, come tantissime altre volte, la storia ufficiale di Roma, quella scritta cioè su ordinazione all'apice della sua potenza, va ad esaltarne le origini convertendo il complotto politico contro Romolo ed il suo conseguente assassinio in una morte "ammantata di mistero".

 

La sua morte quindi tanto misteriosa quanto gloriosa, il cui mito lo fa salire in cielo, addirittura sul carro di Marte, e lo trasforma poi in "protettore dei Romani", molto stranamente proprio con l'appellativo del suo nemico e poi co-reggente Tito Tazio - "Quirino".

 

 

Romolo - guarda caso - sparisce in una notte, non solo di tempesta, ma anche di eclissi lunare, una incredibile coincidenza di - possiamo dirlo - "oscuramento totale", in cui nessuno c'è, se nessuno c'è nessuno può vedere, se nessuno può vedere nessuno sa...

 

Proprio niente di nuovo sotto il cielo!